Ritrovarsi con una fetta di cuore da tagliare e offrire è un gesto struggente e romantico, no?

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Qualche giorno fa in questo (clicca clicca ) post delirante, facendomi domande e dandomi risposte (cretine, inciso) ho spiegato malissimo (e occorre bravura e me ne si deve dare atto) come fare il cuoricino dentro una ciambella, plumcake o torta. Il primo esperimento cuoricioso è stato fatto componendo un cuore rosa (e alla rosa)  all’interno di un plumcake al cioccolato e altri ne sono seguiti con diversi impasti; sta di fatto che questa sinora è stata la versione che mi è piaciuta di più. Semplice e lineare in bianco e rosso. Con il cuoricino spostato un poco più in alto e per questo posizionato solo dopo aver versato un po’ del “primo” impasto, al contrario di quello che ho detto e mostrato sempre qui, tra Totoro e polaroid step by step. L’idea  di servire a fianco il plumcake a fette da cui si sono ricavati i cuori per quello protagonista che troneggia sull’alzata di cristallo, tanto malvagia non è. Anzi. Si fa pure prima a spiegare alla gente con lo sguardo sbigottito come si è compiuto il miracolo di disegnare un cuore all’interno della prelibatezza offerta.

Con questo metodo infallibile si possono adoperare davvero le ricette classiche che ognuno di noi conserva nel cuore. La ciambella della nonna. La Torta scritta sul quaderno sporco di ricordi e odori che si ha in cucina. Qualsiasi sia la forma e l’impasto poco importa (anche impasti vegani, sì. Potrei non pubblicarli presto?). E’ necessario soltanto scegliere un impasto abbastanza compatto e non troppo molle e umido come potrebbe esserlo uno che contiene frutta.

Manca poco ormai per questo San Valentino

 il decimo per quanto riguarda me e il Nippotorinese. La verità è che checchesenedica su consumismo, idiozie, feste comandante e “l’amore si festeggia tutto l’anno blablablabla” e la sfilza di luoghi comuni, fesserie e roba trita e ritrita , rimane comunque un ottimo pretesto per una coccola. Per se stessi che rimane sempre tra i gesti che non bisognerebbe mai dimenticare. Per chi si ama. In qualsiasi e di qualsiasi forma di amore.

Ritrovarsi in tavola con una fetta di cuore da tagliare

e offrire è un gesto struggente e romantico, no?

Per le Ricette che lascio. Per le domande. Per le risposte. Per le curiosità. Per tutto quello che manca in questo articolo ticchettato velocissimamente lascio sempre il Link di approfondimento con il primo esperimento e basta solo, ripeto, cliccare qui.

Per tutto il resto ci sono i commenti, i social e ovunque voi vogliate inseguirmi (anche per insultarmi). Rispondo sempre. Con ritardo di alcuni anni in non troppe rare occasioni ma rispondo. Questa è l’unica certezza (purtroppo).

Forse potrebbe interessarti leggere...

27 COMMENTS

  1. “Ritrovarsi in tavola con una fetta di cuore da tagliare e offrire è un gesto struggente e romantico, no?”
    mifaimorire.

  2. *prende un coltellaccio e si taglia una fetta di cuore e glielo allunga agitandolo con la manina*

  3. La proverò. Questo è certo. E che si dia sfogo al bisogno di sfornare cuori e condirli d’amore!!! Brava Gi!!!!!

  4. ora..a parte la meravigliosità ( si può dire meravigliosità???? chissenefrega ormai l’ho detto!! 😛 ) ..dicevo appunto..a parte la meravigliosità delle foto che mi hanno lasciata “mpicata” al monitor ( si..hai letto bene..monitor!! questo significa che ho finalmente la connessione a casaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!) ecco si …a parte le foto… ma che bello il cuore dentro il dolceeeeeeeeeee!! lo voglio fare!!! ora che finalmente posso aprire pagine su pagine ..foto su foto…video su video…corro a vedere come si fa!!!
    E vieni qua che ti abbraccio forteeeeeeeeeeeeeeee forte!! ( che col cell abbracciarsi forse era un problema 😀 )
    E abbracciamo pure quella strafigaventicinquenne oggi ..si 😛

  5. Tanti cuori per te ❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤❤

    Oggi è anche il mio compleanno e pure io compio 25 anni (più o meno?)

  6. Ciao Iaia! Questa rispetto all’altra che avevi mostrato (rosa e cioccolato), a mio parere è molto più bella! Parlo proprio delle proporzioni cuore-torta intorno, e poi il fatto che il cuore stia più in alto mi piace un sacco! Ma volevo chiederti, qui hai fatto cuori più piccoli di quelli alla rosa, o hai aumentato le dosi dell’impasto “ospitante”? (torte interne come alieni parassiti, andiamo bene. sto guardando troppe puntate di Doctor Who, perdonami!)
    spero mi risponderai 🙂
    Nera

Rispondi a 黒子 くろこ kuroko Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this