Coriandoli ripieni di Pera e Raschera DOP con note di Zafferano, al burro e salvia

 Coriandoli-Ravioli colorati naturalmente con l’ausilio di: zafferano, spinaci, salsa di pomodoro e polpa di zucca. E’ una pasta ripiena semplicemente passata in un burro di ottima qualità e salvia (surgelata. Non l’ho detto io eh). c

Dopo aver “colorato” la pasta fatta in casa ho tagliato a pezzetti piccolissimi la pera e il formaggio creando un ripieno omogeneo. Ho aggiunto un po’ di sale e zafferano e mischiato tutto per bene e con un po’ di coraggio ho aggiunto pochissima scorza di limone grattugiata, senza la parte bianca amara, giusto per dare un quid di agrume. Un filo di olio extra vergine di quello buonissimo regalatomi dalla mia Cri e Ale, direttamente dalle olive del giardino dove sogno di stare abbracciata a loro due, e via: pioggia di coriandoli di felicità per dimenticare le spine.

(a loro due più Pablo, Iris, Jana, Maya ovviamente. Escludendo il Geco e il Pipistrello, insomma)

Il piatto di rara bellezza sarda è naturalmente offerto dalle mie due sorelle.

(non ho molta voglia di scrivere; anzi a dirla tutta non so neanche cosa scrivere. Non so fingere. Non so essere vera. Non so essere niente. Quando la cosa che ti piace più fare diventa uno sforzo significa proprio che. Che si è arrivati)

 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

30 COMMENTS

      • non importa cosa berremo e dove.
        tanto ci spariamo amarena senza zucchero tutte le sere alle cascate paradiso, mi pare u.u

        (se posso arrivarti appresso e abbracciarti credo dovranno rimuovermi con la forza)

  1. abbracciatissime. (secondo me poi arrivano anche il geco e il pipistrello ma tu sarai troppo distratta dai nostri spupazzamenti per accorgertene)
    (( e non ti mollo più))

    • quanto ho amato (e amo) quel nostro abbraccio.
      Lo custodisco davvero come uno degli abbracci più bella.
      Io spaventatissima.
      Ti vedo.
      Poi arriva Pani.
      Santo cielo quante emozioni ed è incredibile come sia praticamente già passato un anno.
      ti voglio bene

      • ti voglio bene anch’io. tanto. ma tanto. ma TANTO proprio.

        Sai che se ti serve son qui. :* come tutte noi.

  2. Forza Iaia
    vorrei fare qualcosa x te ma so che nn posso e per quello che può servire io sono qui, sempre

    • Invece fai moltissimo.
      E venire qui .
      E trovare un abbraccio. Un incoraggiamento.Un pensiero. E’ quello che mi da forza e mi aiuta . Niente è più bello di quel forza iaia. Niente.
      Grazie infinite Mariangela.
      Ti abbraccio forte :*

Rispondi a el Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY