Pizzette semplici al pomodoro e basta così

Must Try

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

La “Torta Pasqualina” (senza ricotta)

Non è Pasqua senza la torta pasqualina ligure. Spinaci o bietole, uova e ricotta. Ma questa volta una versione più leggera senza ricotta. Gustosa e scenografica è una preparazione che lascia sempre il segno. E in regalo per te la scheda scaricabile!
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Trovo nell’Archivio e pubblico. Eravamo a Pasqua e dintorni, diciamo. Quando ticchettavo queste frasi confuse. A Natale invece quando sfornavo queste deliziose pizzette. E’ tutto chiaro, no?

Niente di che. Mica si stava aspettando me per la Ricetta delle Pizzette sul web, no?

(Per la FumettoRicetta delle Pizzette però sì. Si sta proprio aspettando me. Work in progress. Manca poco)

Solo che Youtube mi consiglia di vedere una VideoRicetta e con sgomento scopro che sono io con le Pizzette di Melanzana.

Cielo, mi dico. E’ già difficile vivere con e dentro di me, sentirmi e farmi sentire, pure il  Signor Youtube si mette a consigliarmi di avere a che fare ancora e ancora e ancora con me? Un social inaspettatamente ancor più sadico delle aspettative. Resisto già stoicamente a dei videoutfit anni ottanta che mi perforano le pupille.

Sta di fatto però che questa cattiveria da parte del Signor Youtube, compagno di giornate tristi, va a coincidere anche con la mia incredibile opera di riesumazione ricette dall’archivio. Quelle insomma che si cullano beatamente alla sezione “dimenticatoio”. Per cui il neurone mezzo-funzionante va in associazione incredibile.

Pizzette di melanzane – Pizzette semplici – Quellechedovevofarevideofumettoricettalannoscorsoversonatale. Ed eccole. Le semplicissime pizzette al pomodoro! Con tanto di facepalm che mi fa arrossare incredibilmente il facciotto.

  • 500 grammi di farina
  • 240 ml di acqua
  • 20 grammi di lievito di birra
  • 1 cucchiaino colmo di zucchero semolato
  • 30 grammi di burro a pomata (che significa lasciarlo stare fino a temperatura ambiente fin quando diventa una crema. Una pomata, per l’appunto)
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • 400 grammi di pomodorini ciliegino freschissimo
  • 250 grammi di mozzarella o il formaggio che si preferisce

(un 25 pizzettine ma anche 30 piccine picciò vengon fuori)


In mezzo bicchiere di acqua (compreso in quei 240-250 ml circa) tiepida metti lo zucchero e il lievito. Gira per bene con un cucchiaio e fai sciogliere il lievito e lo zucchero. Nel frattempo dentro un recipiente o se preferisci su un piano infarinato fai una fontana di farina dove al centro verserai poi il contenuto del bicchiere acqua-lievito-zucchero. Lavora con energia fino a ottenere un impasto bello compatto ma elastico e setoso (sì, puoi naturalmente adoperare un’impastatrice qualora ce l’avessi). Aggiungi pian piano adesso il burro all’impasto e continua a lavorare senza fermarti. Poi inumidisci l’esterno della tua deliziosa pallottolina con dell’olio e lavora ancora un po’. Lascia riposare. Come con tutti gli impasti, prenditene cura. Aggiungi eventualmente acqua o farina. Assaggia e aggiusta di sale. Occupatene come fosse un cucciolo indifeso, in pratica.

Lascia riposare l’impasto al coperto e al caldo per almeno trenta minuti. Ma se riposa di più sarà solo meglio. Poi stendi su un piano infarinato con mattarello anch’esso infarinato e con l’aiuto di un coppapasta-bicchiere-tazza-qualsiasi cosa che sia tonda (ma pure quadrata o a stella, chi ce lo impedisce?) ritaglia le tue pizzette. Posale su carta da forno o teglia leggermente unta di olio.

Taglia per bene i pomodorini e la mozzarella o il formaggio che hai scelto. Va da sé che puoi mettere qualsiasi tipo di ingrediente (oppure procedere all’infornata delle pizzette e mettere pomodoro e mozzarella dopo. Con il calore il pomodoro rimarrà croccante e la mozzarella si squaglierà leggermente). Componi le tue pizzette magari non lesinando con il basilico e via.

Il forno deve essere preriscaldato a 200. La cottura dipenderà dallo spessore e da tutti i fattori atmosferici del caso ma controlla dopo sette minuti come va. Poi procedi. Il formaggio, come anche la mozzarella, andrebbe messo a metà cottura in modo da non bruciare ma non ci metto becco perché “ho visto cose che voi umani…”.

C’è anche chi preferisce mozzarella e formaggio bruciati e questa tecnica di aggiungere dopo risulta addirittura fastidiosa. Insomma: largo sfogo alla fantasia (e alla pazienza perché la razza umana di fronte a una semplice pizzetta può avere atteggiamenti a dir poco alieni).

[youtube=http://youtu.be/3p6J-K0nizo]

Forse potrebbe interessarti leggere...

26 COMMENTS

    • ho rimediato con i tenerumi che ti piaceranno proprio oggi.
      e fumettopizzette.
      è qualcosa di geniale comesolotupotevi.
      compro il dominio.
      ( ti voglio bene. e anche io ho bisogno di dirtelo sempre. come avessi 12 anni e tu fossi lamiaprimamiglioreamicachesicoricaconme e vede beverly hills 90210)

          • non oso toccare ricordi che potrebbero rivelare dettagli che ho sapientemente rimosso
            mi ricordo però che prima di comprare quaderni appositi per disegnare in classe disegnavo sul diario. *____* ero anche tollerata dai professori. alle medie perlomeno.

  1. pizzette così sono da inanellare. Sono da serata “stravacco”. Da sedersi sul divano e spararsene una dopo l’altra, anche guardando vecchie pubblicità di Aiazzone.

  2. Mi fido piú delle tue ricette che di quelle di chissá chi altro. Continua a pubblicare ricette, ok? Sei la mia salvezza in cucina e non sto esagerando. Mi fido delle tue ricette anche se sono semplici e stupide per te.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this