Avocado, Lime e Semi di Chia

Must Try

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

La carbonara di Avocado

La carbonara è solo una, e siamo tutti d'accordo. Le declinazioni vegetali però sono gustose, ricche e sorprendenti. Questa una variazione che ti promette un successo assicurato.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Quando mi alzo e prendo le capsule di tè verde e Guaranà, butto giù il caffè sognando di iniettarmelo in endovena, controllo se il caffè verde è finito e conto le Bacche di Goji, penso solo a una cosa.

Come mi sono ridotta?

E ridacchio pensando alle mie colazioni fatte da tre arancini e un litro di coca cola. Non per mortificarmi o con disprezzo. Davvero con il sorriso e il cuore pieno di ricordi e felicità. C’erano dei giorni che insieme a una mia amica riuscivamo a far fuori vassoi di tavola calda nelle prime ore del mattino; dove le prime ore del mattino variavano dalle 14 alle 15 del pomeriggio in poi. Oltre alle bacche di Goji, che ho cominciato lo scorso anno  perché mi piaceva essere la Madonna della provincia di Catania (pare che Madonna in tourneè faccia rimuovere sempre il water dalla stanza d’albergo e che ne faccia installare uno nuovo di zecca sempre della stessa marca. Ecco io mi sono limitata solo al consumo di una manciata di bacche di Goji al mattino bypassando pure le tre ore di Yoga. Ma in cuor mio spero sempre di far estirpare un water e farne installare uno nuovo in un albergo). I semi di chia, confesso, mi piacciono nettamente di più. Hanno un sapore “semoso” che è senza ombra di dubbio la mia passione. Pur avendo un altissimo valore calorico, nonostante siano bombe di salute in ogni microchicco, me ne frego bellamente (si può dire frego accostando a bellamente, nevvero? Appare più chic. Credo). Diffusi e utilizzati soprattutto in Centro e Sud America, dei semi di chia si fa un gran parlare ultimamente. Contengono calcio, acidi grassi essenziali, omega 3 e pure 6 per esagerare. Fonti vegetali per la presenza del calcio come il sesamo (altra mia fissa), superano per proporzione anche quello contenuto nel latte. Per una povera bimba come me con il ferro a 8 e calcio zero, una manna dal cielo e gioia per il palato. Vitamine, ferro e potassio, selenio, zinco e magnesio, pare nascondano dentro sé tesori nutritivi pazzeschi. Combattono la pressione alta, regolano la pressione sanguigna e sono perfetti per tenere sotto controllo il colesterolo. Non contengono glutine che è una nota importante per chi soffre di celiachia. Un cucchiaio di prodotto può arrivare anche a 80 calorie (di salute). I semi di chia possono essere messi ovunque; lo dice una che li infila pure nel caffè (oh pure sull’Anguria sono buoni). Nel farro perlato integrale sono di una squisitezza indicibile. Nel riso bianco o pasta. Nella quinoa e miglio, senza contare che anche nei legumi come i ceci (generalmente metto il cumino sui ceci ma i semi di chia e il sesamo insieme ai ceci con dressing di yogurt, bianco normale o soia poco importa, supergnam).

Nell’insalata i semi danno quella croccantezza e completano un quadro di bontà. Anche e soprattutto i semi di chia esaltano sapori quali il pomodoro e tantissime altre verdure. Con le barbabietole i semi di chia, ad esempio, non mi hanno fatto impazzire e continuo a preferire il cumino che seme non è ma spezia (vabbè ma era per dire una cosa che non c’entrava nulla altrimenti non sono contenta). Come i semi di papavero, pare che si possano adoperare con grande successo nelle preparazioni dolciarie e io sono già bella che pronta a farci i Muffin con i semi di Chia; tra l’altro a tre passi da me hanno aperto un negozietto biologico interessante che ne vende a pacchi e ha semi in grandissima quantità, tra i quali quelli di Rapunzel (Mix Du Sud. Il cielo benedica chi ha inventato quel Mix. Lo avete mai provato?). Che siano preparazioni dolci o salate. Che sia una bella cucchiaiata in bocca sparata come una fucilata di benessere a mitraglietta semosa. Che sia sul gelato (uh oggi lo provo!). Che sia sullo yogurt (cielo! che bontà) a corredo di un dressing per insalata. Che sia nell’insalata stessa che diventa così piatto unico ancor più ricco e addirittura proteico. Che sia nell’impasto del pane (vabbè voglio impastarlo subito!). Che sia dove sia. I semi di chia sono indispensabili e da provare.

Perché è bello pure un vassoio pieno con tre arancini, otto pizzette, tre cipolline e due cartocciate con i wurstel. Ma quando si è giovani, spensierati e con l’amica del cuore. Adesso con la menopausa in arrivo (sbaglio o la sto buttando sul drammatico?) un bel cucchiaino di semi di Chia, qualche Bacca di Goji e un brucaggio di erba biologica coltivata sul terrazzo sembra essere roba spericolata. Quasi quanto estirpare un water da un albergo e farne impiantare uno.

(Dimenticavo! Ho letto su un blog ammerrigano che sostituiscono le uova in preparazioni per dolci con i semi di Chia. Non so nulla di questa sconvolgente informazione. Corro ai ripari e semmai dovesse essere vero torno e salviamo tutte le uova del mondo! Che Eggland mica l’ho dimenticato, io. Tzè).

(finire un post con tzè era tra i miei sogni nel cassetto)

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

13 COMMENTS

  1. quando scrivi post del genere il mio amore non fa altro che consolidarsi. irrimediabilmente.
    (e sappi che gli ombromini leggono e rileggono solo i post che parlano dicosamangiaIaia cosadisegnaIaia cosastafacendoIaia. si tengono aggiornati anche su Maghetta. le pupille invece fagocitano tutto, commenti compresi.)
    ormai ti stanno addosso pure le mie allucinazioni. non hai scampo.
    (aragoste ne hai? una padellata in faccia me la puoi assestare prima che la situazione degeneri ulteriormente?)

  2. Bene, ora devo trovare uno spacciatore di semi di chia perché credo che riusciranno a risolvere tutti i miei problemi. Tutti tranne uno: ma quegli opercoli…quei gusci insomma, dove li hai presi?

  3. le bacche di Goji io le hai provate nel tè? A me lo ha suggerito la mia amica cinese e ora sono la mia ddroga 😉
    i semi di chia non li conosco
    io metto i semi di papavero nei muffins se trovo quelli di chia provo!
    ciaoamorebellissimo <3

  4. […] La preparazione dei Rigataki è semplicissima e basta seguire le istruzioni. Vanno reidratati con l’acqua bollente proprio come gli Shirataki e non scuociono mai. Possono quindi essere serviti freddi in insalata come in questo primo caso che espongo o insaporiti con qualsivoglia pesto, sugo e condimento. Ho già provato i Rigataki alla Norma qui e un piccolo delirio di massa stupita è avvenuto. Nel mio caso ho semplicemente tagliato a tocchetti il tofu e la barbabietola e aggiunto poi sesamo tostato e semi di chia (che se ti sei perso il post riguardante è stato pubblicato qualche giorno fa, qui). […]

  5. […] Ne ho parlato qui tra avocado e salsa di soia e qui in occasione dei Rigataki con il tofu e la barbabietola; diciamo pure non in favore del gusto comune, va. Mi rendo conto che l’avocado e la salsa di soia non rappresentano come per me e per il restante 0,0000001% (Ombrella) un sogno a occhi aperti, e lo stesso si può dire dei Rigataki. Fare ricette poco convenzionali per il gusto comune è per me del resto una missione. Poi vabbé dai ieri ci sono stati pure gli Oreo fatti in casa che hanno quel sapore umano e non extraterrestre (perché finisco sempre col parlare degli alieni?). Sta di fatto che questa focaccina è un ottimo modo per propinarsi semi di chia qualora ci trovassimo di fronte a un palato più “comune”, mettiamola così (senza offesa per nessuno). La focaccia è un must e pochi pazzi ci rinuncerebbero (e perché mi state guardando così, eh?). […]

  6. […] Ho parlato dei semi di chia e di questa ricetta qui, nel caso ti facesse piacere. Sono felicissima che “Quello che le foto non dicono” sia diventato un appuntamento atteso ed a quanto mi dite utile. Non può che farmi un piacere immenso. D’altro canto rispolvera pure vecchie ricette, emozioni e appunti visivi. Faro’ quindi in modo di far parlare le foto a secondo del periodo così che le ricetta possano essere consone anche temporalmente (perché non riesco a fare un costrutto sintattico normale? lanciatemi un dizionario e un libro di gramnmatica, grazie) […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this