Notting Hill Carnival

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

E’ dal 1965 che si tiene questa allegra manifestazione nelle strade del quartiere di Notting Hill a Londra. Dura due giorni consecutivi generalmente e cade proprio in questi giorni. Non ho controllato francamente in quale data precisa capiti quest’anno. Questo Carnevale estivo grazie soprattutto al web ha raggiunto una fama internazionale riuscendo ad attirare cifre da capogiro che vantano addirittura più di un milione di partecipanti. Nato come grido contro il razzismo si è evoluto diventando anche altro ma ha quindi radici importanti che non vanno certamente dimenticate. Londra è una delle tappe che io e il Nippotorinese ci siamo ripromessi per l’anno che verrà e non nascondo che mi piacerebbe, e non poco, poter assistere a questo Carnevale che tanto mi ha attratto virtualmente. L’ho addirittura inserito come data all’interno del mio personale Calendario sul Libro “Le Ricette di Maghetta Streghetta” edito da Mondadori, che potete trovare se vi fa piacere in tutte le librerie o su Amazon.

“E’ il festival di Strada più grande di Europa. Più di 20 chilometri di asfalto inglese vengono invasi da strepitosi colori dell’America Centrale. Tra danze e feste la comunità afro caraibica fa ballare (e riflettere sul passato) e celebra i propri costumi e tradizioni annaffiando il tutto con punch al rum e tanto curry. Ma proprio tanto curry. Un giorno scanzonato per avvicinarsi a una fortissima identità culturale che rivendica, condividendola con gioia, le proprie origini. Le feste in costume a tema mi fanno sempre pensare alla mia amica Franciulla”

Tratto dal mio libro

In occasione del Notting Hill Carnival ero indecisa se fare il Jerk Chicken, piatto simbolo, o qualcosa di dolce e ciambelloso al sapore di Banana. Ho optato per la seconda. La ricetta infatti che ho inserito è proprio la Classica Frittella Caraibica di Banana. Facile da preparare e gustosa in tutta la sua genuina bontà. Trovi la fumettoricetta del Notting Hill Carnival a pagina 109.

Voglia di un’altra Ricetta Caraibica? Qualche giorno fa ho pubblicato un dolcetto banana-cocco facilissimo e gustoso in versione FumettoRicetta. Se ti fa piacere http://maghetta.it/2014/08/18/banane-cocco-ricetta-caraibica/

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this