Sandwich al salmone per il tè. Ritz sto arrivando!

Must Try

Cinnamon Rolls al Cacao e Uvetta

Foto mosse e fatte di fretta, ma con tanta passione sempre. Ho visto questa ricetta sul libro di Csaba Dalla Zorza "Cioccolato"; di cui vorrei...

Un tè speciale che sa di zenzero

Quando parlo del tea time -l'ora del tè- qualcuno storce ancora il naso. Sembra essere d'antan, sorpassato e roba per donne annoiate che non...

Rooibos/Redbush: elisir di bellezza e lunga vita

Conosciuto come rosso africano è un infuso ricavato da una pianta appartenente alla famiglia Fabaceae (da faba=fava, una delle specie leguminose più antiche): il...

I benefici meditativi del tè e il mio bisogno vittoriano

  Ti avevo annunciato che l'ora del Tè si sarebbe trasformata ed evoluta ma che fondamentalmente sarebbe rimasta sempre la stessa in un luogo senza tempo....
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.
  • 4 fette di pane bianco senza crosta
  • 4 fette di salmone affumicato
  • 2 cucchiai di maionese
  • 2 cucchiai di aneto tritato
  • Succo e scorza di mezzo lime

Sembra un po’ il famigerato Petto di Pollo di Elisabetta Canalis uscito sulla Rivista perché non è che ci voglia chissà quale abilità a fare un Sandwich. In occasione del Compleanno di Agatha Christie avevo pubblicato, qualche appunto fumettoso e i più conosciuti in assoluto alle ore cinque in punto in Gran Bretagna: quelli rigorosamente al cetriolo. Berrei tè ogni quattro minuti, anche peggio del caffè, ma al contrario di quest’ultimo che mi provoca solo esaurimento nervoso-ostilità-rabbia incontrollabile-tic nervosi (e quindi ribadisco: SOLO), il primo ha la tristissima capacità di mandarmi al manicomio per via di una fortissima tachicardia. Posso bere venti caffè e avere SOLO quelle piccolissime controindicazioni, che nuociono gravemente a chi mi sta intorno (sottotitolo seguita da risata nevrastenica: ecchiseneimporta?) ma basta una mezza tazza di tè per far partire un cuoremattomattodalegare. E se c’è una cosa che mi rende ancora più nervosa-ostile-rabbiosa-ticchettosa è proprio quel rumore di fondo. Quel petto che si muove in maniera incontrollabile mista a vertigini. Il matcha, se fatto bene (e quindi dal Nippotorinese) e in quantità ridotte, non mi provoca una frenesia incontrollabile ma dipende a prescindere dallo stato emotivo in corso. Praticamente prima di bere un tè devo fare una sorta di autocertificazione del mio stato psicofisico e toppo comunque. Alla grande, per giunta.

Allora mi sono data agli infusi e tracanno Choco Tè della Yogi Tea e roba della Clipper in maniera random. Come fossi in un film di quelli americani, dove girano con thermos e guanti tra i semafori di New York. Solo che porelli quelli per fare i modaioli devono tracannare Chai Tea da Starbucks e io piuttosto che entrarci mi accontenterei di ventiseimila ore di Tachicardia no stop. Perché d’accordo che faccio un caffè orrendo io ma Starbucks mi batte.

Se tutto va bene (frase mitologica che ti fa andare poi tutto male) il prossimo anno starò pochissimo a casa e molto in giro (spero di perdermi e di venire rapita da una tribù che mi segreghi nelle loro tende e mi costringa a cucinare per loro o al massimo disegnare con i piccoli del villaggio. Chiedo troppo?) e uno dei posti dove mi piacerebbe stazionare facendomi venire una tachicardia fulminante sarebbe il Claridge’s, il Lanesborough e il Brown’s. Ma pure al Ritz non è che dica di no. Voglio star lì ad ascolare il pianoforte e l’arpa mentre fuori piove e il mio cuore in gola cerca di vomitare per finire direttamente sul Tamigi. Per poi dirigersi al London Bridge. Voglio salire sulla ruota e farmi una foto uguale uguale a quella che ha papà e poi farmi un selfie da Madame Tussaud con Michael Jackson. Chiedo troppo? Anche con Hugh Hefner. Ecco l’ho detto. Esageriamo, va. Che è Venerdì sera e domani mattina non si lavora, dai!
(nessuno e ripeto NESSUNO osi dirmi che giorno è)

Curiosità:

  • I piatti e le tazze (entrambe scompagnate) sono regali della Nonna Angela e ho pianto otto ore per l’emozione (forse qualcosina in più).
  • La forchetta è un regalo di SantaSignoraPina. E’ in argento. Apparteneva a sua suocera e mi ha omaggiato lasciandomi esterrefatta.
  • La tovaglietta è ricamata da Nonna Grazia e fa parte sempre dell’incredibile corredo che ha confezionato per me ormai più di 30 anni fa.
  • Il piattino d’argento l’ho rubato a mamma. Ecco l’ho detto.

 

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

11 COMMENTS

    • Mi rendo conto che da Londra è un po’ fuorimano… ma che ne dici di fare un saltino a Rimini tornando a casa?!?! Frugolino impazzirebbe dalla gioia, io non ne parliamo, l’Ingeriminese e il Nippo li chiudiamo da qualche parte… ^-^

  1. Il tè fa lo stesso effetto anche a me. Sto provando a disintossicarmi con infusi di zenzero e limone, a volte con la malva ma con meno gusto.
    buon venerdì 🙂

  2. Ti ho conosciuta che non usavi il microonde per non mi ricordo quale motivo e niente aerei e ti ritrovo che fai le torte al micro e progetti di stare fuori casa per un anno! Ma io ti adoro❤️❤️❤️
    Cucini pure con la lavastoviglie!!!
    Come stai?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this