“Crudo” di Delphine de Montalier

Must Try

Cucina Thai di Tom Kime

C'eravamo lasciati con la cucina Nikkei, ricordi? Che continua a rivelarsi un acquisto importante perché ho trovato davvero delle chicche interessanti a dir poco. È...

Istanbul: Ricette dal cuore della Turchia

Credevo di aver già parlato di Eat Istanbul: Viaggio nel cuore della cucina turca e solo adesso mi sono resa conto che così non...

Cos’è la cucina Nikkei?

  A questa domanda un po' di tempo fa non avrei saputo rispondere nonostante il mio inesauribile interesse per il mondo del food; ed è...

Simple di Diana Henry

La libreria di Iaia, ovvero dove chiacchieriamo insieme di libri di cucina, è una delle rubriche più seguite del Blog da quando esiste; suppongo...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Eccola un’altra meraviglia edita da Guido Tommasi: Crudo di Delphine De Montalier con le fotografie (splendide) di David Japy. Il progetto grafico è di Elodie Rambaud e le illustrazioni di Jane Teasdale. Un risultato incredibile. L’introduzione va dritta al punto e senza fronzoli e  in maniera molto diretta spiega gli intenti.

“Lo vedo, lo sento, lo capisco e lo avverto… siete pronti! Bè, pronti a nutrirvi come si deve, a fare del bene al corpo e allo spirito. C’è chi direbbe che fa “tendenza”, va di moda, in realtà è molto di più. Si tratta della nostra salute, del nostro corpo e del nostro pianeta. Certo, questo libro non sarà la soluzione di tutto ed è lungi fa me l’idea di farvi cambiare tipo di alimentazione. Questo libro rappresenta un piccolo passo verso il meglio, alcune idee per cambiare le proprie abitudini, ricette crude per fare il pieno di vitamine, di sostanze nutritive  e di altri benefici che la natura ci offre. Non sono una crudivora, un’adepta dell’alimentazione crudista alla lettera… ma desidero mangiare sano, cercare i prodotti migliori, ritrovare il sapore autentico della frutta e delle verdure e rimpinzarmi di natura. Il Crudo è una fonte inesauribile di tutti questi desideri. Il Crudo è allegro, gioioso, colorato, croccante, vitaminico e veloce. Ma non tollera la mediocrità. Non per questo dovete dimenticare il supermercato e correre dritti nei negozi di prodotti biologici, però fate attenzione a ciò che mangiate. Per i più scettici del biologico o dell’agricoltura integrata, vi invito a cambiare un po’ le abitudini quando fate la spesa, a stare attendi a ciò che comprate, a consumare prodotti locali e soprattutto di stagione”

Delphine nella parte finale, esaustiva e sintetica come l’inizio, sottolinea come abbia voluto tentare di accontentare il maggior numero di persone. Ha contrassegnato quindi alcune ricette con un logo “Solo Crudo” per gli irriducibili del crudismo; aggiungendo anche diversi tipi di pesce che sembrano essere tra i piatti più gettonati e graditi. Ci sono poi ricette per quelli che lei definsice “Buongustai” e che quindi non possono fare a meno di formaggio, panna, chorizo. Carnivori compresi perché come avrò modo di ticchettare subito dopo alcuni carpacci la fanno da padrone. Brodini e cibi scottati leggermente. Un catalogo variegato e piuttosto ampio che in effetti potrebbe accontentare anche palati esigenti e psicolabili come il mio e quello di Ombretta; specie pericolosa di Vegan gluten free (fermateci o conquisteremo il mondo insieme agli alieni!). Sono ben 115 Ricette divise in Quaderno Pratico, Zuppe, Insalate, Succhi, Pesce, Carne, Appena Scottato, Fatto in casa e l’immancabile evviva il cielo capitolo sui Dolci (su cui ho abbondantamente sbavato tra una pagina e l’altra).

La carta non è troppo lucida ma neanche grezza e opaca. E’ esattamente quella via di mezzo che mi piace moltissimo e che per certi versi riprende il filone Julie Andrieu country-chic-vintage in un frullato pazzesco di gusto e finezza. Fotografie semplici, delicate e tagliate ma con sobrietà. Il font ricorda moltissime altre pubblicazioni rivolte al vegan food in genere. Mi piace moltissimo. Posso scriverlo maiuscolo? MOLTISSIMO all’ennesima potenza (oggi ho fatto proprio una zuppetta deliziosa che è poi una variante di una che facevo da tempo. Aggiungendo un quid).

Sul quaderno Pratico c’è la dispensa del Crudo, un’interessantissima lista per avere le idee belle in ordine e in fila indiana. Le Spezie (cannella, cumino, zenzero, noce moscata etc), la Frutta secca (datteri, fichi, uvetta), Dolcificanti, Latte (cocco, mandorla, nocciole, soia), Frutta a Guscio e Semi (lunghissima lista da tenere sott’occhio tra cui semi di carvi, chia, cumino nero, sesamo, zucca, noci di macadamia etc), condimenti (miso bianco, salsa di soia, sale dell’Himalaya, Gomasio, Tamari etc), Paste e Puree ( burro di cocco, pasta di mandorle etc), Olii e aceti (olio di colza, olio di nocciole, aceto di umeboshi), Ingredienti Vari (alghe, capperi, carruba, foglie di ostrica, limoni in salamoia, pomodori secchi). Segue poi sempre all’interno del quaderno una bella sintesi degli utensili. La differenza insomma trra frullare, estrarre e amalgamare. Quello che fa l’estrattore, la centrifuga e il frullatore. Argomento tra l’altro molto dibattuto ultimamente tra le foodie e sul web. Infine tagliare, affettare, tritare, mondare e spuntare. Gli irriducibili crudisti hanno molto da insegnarci al riguardo. Capitolo sulla disidratazione, conservazione, essiccazione (dell’essicatore se ti facesse piacere ho parlato qui e qui). Sottolineatura sul Forno (Delphine sostiene di non possederlo) perché non so come stiamo messi qui tutti a Cultura Crudista (regia, musica del terrore in sottofondo!) ma il Crudista irriducibile non può superare la temperatura di 45 gradi circa. Ci sono forni che riescono a cuocere a 40-50 gradi con la funzione ventilato.

Si parte con le zuppe (uno dei miei capitoli preferiti) e con la prima giuro amore eterno a Delphine. Zuppa verde ai semi con cetriolo, avocado, zenzero e semi di zucca (e molti altri), Zuppa di spinaci, avocado e zenzero con sesamo nero, Zuppa d’India, Zuppa 3 C con zucchine gialle, verdi, lunghe  e tonde, cetriolo e olio di sesamo. Gazpacho verde, Gazpacho classico, Zuppa di Cetriolo Noa e Menta, Zuppa energizzante con spinaci, cetriolo, wakame e infinite meraviglie. Partono le insalate con pomodori misti, insalata verde, daikon e salsa thai, barbabietola cruda e pompelmo, insalata cruda e succo di acetosella, carpaccio di verdure, pad thai crudo, sedano e mele grattugiati. E ancora i succhi con green juice in diverse varianti, smoothie dolci e verdi dal sapore salato. Il pesce è un tripudio per chi lo ama, perché nella complessa semplicità ci sono davvero piatti incredibilmente belli esteticamente e suppongo pure molto buoni. Come gli scampi crudi speziati, le ceviche di scorfano, il sugarello marinato, lo spada con basilico, pinoli e pomodori. La carne con tartare di manzo, carpacci di vitello e bresaole con pere e cavolfiore. Appena Scottato e Fatto in casa offrono diverse preparazioni facili e veloci irrinunciabili. Il latte di mandorla, il latte di nocciole, la crema spalmabile zuccherata con agave, brodo iodato, tarama fatta in casa, tartare di alghe fatte in casa, finta maionese di avocado e vinaigrette di avocado, arancia e soia. E mi girano le dita e la testa perché mi è venuta una fame pazzesca.

Sui dolci Delphine si supera. Torta coccociocco, tortine di fragole e pepe, torta al limone, gelato al mango, frutto della passione, fragole e chantilly alle erbe, base per torte e un tripudio incredibile di bontà. Sono moltissime le ricette Vegan. Ce ne sono altrettante con i pesci. Altrettante con le carni. E’ un libro francamente per tutti che avvicina un po’ di cultura Crudista, interessante e salutare se non portata all’esasperazione, e allontana moltissimo l’idea che siano degli schizofrenici tanto quanto i vegetariani e vegani perché diversi dalla “massa”, mi si consenta il termine che non vuole assolutamente essere offensivo (ne sento tante su di me, un virgolettato e uno scusa può bastare no?).

 Non ci vuole moltissimo a intuire che qui di Delphine testerò e prenderò spunto moltissimo. Guido Tommasi Editore si riconferma ancora una volta grandioso. Ma sto dimenticando qualcosa? Dite che?

Uhm vero!

Qualcuno qui aspettava delle renne per caso? 

Il centesimo commento si aggiudicherà una copia direttamente a casa che mi premurerò di spedire tramite Amazon. Tombola Natalizia a sorpresa all’interno de La Libreria di Iaia (e le soprese non finiscono qui. Anzi a dirla tutta sono proprio cominciate!)

3… 2… 1… via!

Forse potrebbe interessarti leggere...

172 COMMENTS

  1. Sara è una ricetta a base di pesce (anche frutti di mare) crudo marinato nel limone in cui si aggiungono spezie solitamente 😉

  2. Grazie niCol 🙂 pensavo di non farcela visto che il wifi del lavoro mi aveva abbandonata >.<

    • ahahahahahahah quindi non sono l’unica con la lista chilometrica! 😛 peraltro la mia è fatta solo di cose legate al cibo!

  3. E comunque questo libro mi ispira un sacco, soprattutto l’incipit!!! A volte mi capita di imbattermi nei video youtube di cucina bioevolutiva dove mostrano ricette anche crudiste! Mai visti?!

  4. Io praticamente cuocio anche i ghiaccioli ma ammetto che questo libro m’incuriosisce.
    (chissà con che account sono loggata)

      • DAI! ahaha Tombolaaaa e ci ho pure azzeccato!!! Urraa ip ip…. la seconda (ma che dico la prima) più bella notizia di oggi, insieme a quella di aver finalmente consegnato con successo i documenti per richiedere la cittadinanza !! 😀

  5. anche oggi abbiamo finito e io non sono stata licenziata! 😀
    è un bel traguardo dai 😉
    e ora si aspetta il resoconto 😉

  6. Oggi è stato l’unico giorno che sono riuscita a partecipare in tempo 😉 domani chissà!!!

  7. dai, stavolta sono solo 139esima XD XD Mi stai dando dei motivi per svegliarmi presto, sai? XD XD

  8. Comunque io me la ricordo Ombretta arrampicata sullo stipite della porta, mentre io cercavo di cuocere quella bistecca di dinosauro per Matt.
    Povera, quanti traumi le abbiamo fatto subire a quella ragazza in poco tempo?

    • Sara 🙁 periodo orrendo.
      Ma non ci lamentiamo ( o almeno mi lamento pocopocopoco giuro).
      Quando poi entro in questo mondo.
      Tutto passa.
      Ci sei tu.
      Ci siete voi. C’è tutto questo. E il sorriso ritorna. Tutto il resto non conta più-
      E per questo che non smetterò mai di dire grazie <3

  9. Lo so k è un periodo di******* ma spero davvero k noi riusciamo a strapparti un sorriso e a farti sviare la mente…tanti milioni di baci e abbracci e sdi caffe assieme <3 <3

  10. Il nostro affascinante Ingegnere Max http://wishakamax.wordpress.com/

    Ci ha fornito di File Excel dove santocielo nonsiscappa!Precisione ingegneristica ai massimi livelli.
    Oltre a ringraziarlo e sbaciucchiarlo ( saltiamogli addosso raggaassssuoleeeee) ci fornisce pure di file excel senza margini di errore ( ovvero i miei )

    eccolo:
    http://www.maghetta.it/2014/natale/tombole/tombola4.jpg

    ( io credevo che avesse vinto Jelena 🙁 ! sono una cretina perdonatemi !!!! Con il metodo “conta con il dito ” sullo schermo non mi ero resa conto di quelle tre volte che invalidano ahimè il commento di . Santo cieloooooooooooooooooooo)

Rispondi a Verdure golose – La Libreria di Iaia | Gikitchen: in Cucina con Grazia Giulia Guardo e Maghetta Streghetta Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this