Il Sushi-Alberello

Must Try

Mochi al matcha e cioccolato

Questi mochi al matcha sono di una bontà incredibile e sarà difficile, una volta provati, farne a meno. Un dolcetto unico, facile da realizzare (vegan) e sano che ti farà fare sempre un gran figurone quando lo servi. 

Il riso alla Cantonese non è cinese

Il riso alla cantonese non è cinese: colpo di scena! Scopri cosa si cela dietro il primo piatto cinese più famoso del mondo. Per esempio: non è neanche un primo piatto.

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Dalgona Coffee, la food obsession 2020

La food obsession del 2020? Il Dalgona coffee, il caffè coreano o cappuccino capovolto.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

  • Per preparazione del Riso, metodi di arrotolamento, tipologie e dizionari vari su ingredienti e quant’altro, trovi tutto sotto nel riepilogo. Ci sono diverse ricette e videoricette. 
  • Per comporre l’alberello basta la vostra fantasia. Ho scelto il metodo più banale, ovvero quello tridimensionale senza troppi decori perché mi piaceva che restasse così: semplice ed essenziale. Si può realizzare anche su piano, ovvero sul piatto con la classica composizione dall’alto partendo da una base di cinque-sei-sette nigiri e proseguendo fino in cima. 
  • La mia versione è vegana perché l’ho mangiata anche io ma nulla toglie che si possa adoperare del buon pesce, uova o carne a patto che se non scottata o cotta sia opportunamente in linea con le “regole” dell’abbattimento. Informatevi quindi con il vostro pescivendolo di fiducia. 
  • Si può decorare e arricchire l’alberello con pezzi di avocado, cetrioli e carote. Avevo provato a far scendere dalla cima leggerissime e sottolissime fette di carota e l’effetto era davvero sorprendente. Creava troppa confusione in foto per una pazza isterica come me ma dal vivo assolutamente pollice in su. 

 

Oggi è il giorno dell’Immacolata Concezione (Auguri zia Immacolata! Auguri Ce! Scusate ma ho una famiglia e degli amici che mi seguono. Inspiegabilmente come voi. Vi amo, branco di adorabili psicopatici) e quindi? Tradizione vuole che si faccia l’albero. Ero convinta che in Italia fosse per tutti così, ma poi scopro che a Milano viene allestito per Sant’Ambrogio, ovvero il 7 Dicembre mentre a Bari per San Nicola, il 6 Dicembre. Ogni anno quando tiro fuori l’albero (a casa mia per tradizione invece si fa il giorno di Santa Maghetta Streghetta da Catania e quindi: AL MASSIMO la terza settimana di Novembre in concomitanza diciamo con la festa del Ringraziamento, dai. Tranne quest’anno che ho ritardato moltissimo a causa degli impegni di lavoro. Fatto l’altro ieri insomma) mi chiedo sempre in quanti si chiedano:

Ma perché l’albero?

Ci sono diverse leggende e tutte affascinanti. Di carattere prettamente religioso e che naturalmente evocano la cultura pagana, in quanto genitrice per certi versi di moltissime tradizioni cristiane “rielaborate” poi a “uso e consumo” della Chiesa. L’albero simbolo di forza diventa poi la raffigurazione imponente del Signore stesso, giusto per chiarirci in un nanosecondo le idee, ecco. L’albero ha sempre avuto un significato mistico-religioso-magico (sarà pure per questo che gli integralisti cristiani lo vedano come presenza inopportuna addirittura al Vaticano. Ma su questo, giusto per non farmi venire una depressione immediata, direi di non perdere nemmeno tempo a ticchettare). L’albero è un simbolo in realtà “comune”. Che non conosce specificamente religioni, tempo e culti. Da sempre possiede l’anima e la saggezza dei boschi. “Padrone” e Re  indiscusso. Protettore che tutto vede e conosce, saldamente ancorato alla Madre Terra. Ho sempre inteso l’albero semplicemente così. Come vita. Genitore. Quel verde ne ricorda l’eternità, come la giovinezza sempre verde del per sempre.

Addobbato con luci (le anime), gingilli e decori, diventa l’emblema dell’anno che verrà. Nonostante tutte le avversità superate durante l’anno si appendono ugualmente piccoli ninnoli di gioia. Per ricordare che la vita è luce. Che ci sono ancora sorrisi, speranze, sogni da scartare e per cui gioire sempre. Regalando soprattutto emozioni ma anche ricevendole in egual modo. Sotto forma di pensieri, di comunione con gli altri e di serenità-stabilità familiare.

Il Sushi Alberello era un’ottima scusa per andare in Giappone. Avrei potuto scegliere qualsiasi altra parte piuttosto che dirigermi con il sommergibile rosa in Estremo Oriente. Certo ormai alberoni di ventimila metri stanno pure lì tra insegne, templi nascosti nelle vie e intermittenze di meraviglie. Solo che oggi 8 Dicembre, morte di Lennon e nascita di Morrison che mi ricordano delle uova strapazzate, il potente mezzo Pink Submarine è approdato proprio lì sulle coste del Nihon. Sarà perché in questi giorni di rilassamento tra addobbi, amiche, Koi e “spensieratezze varie” non si è più pensato esattamente al tragitto. C’è la mia Socia cognatosa Piola in arrivo per le feste, un dolore che accelera all’ennesima potenza perché in cima alla lista dei regali la voce Papà non  figura, una casa tutta nuova che purtroppo non vedrà al completo come da suo sogno, dei divani nuovi e comodi ma mai quanto quelli vecchi. Ci sono i dodici nani comprati alla Coin insieme quando quel dolore di pancia sembrava una brutta indigestione di scacciate con i broccoli e non un mostro pronto a fagocitarti. E ci sono io che vago alla Coin ieri con lo stesso dolore sintomatico che mi fa diventare ancora una volta te, papà. Il subconscio e il submarine. Allo stesso modo si immerge in ricordi, acque, onde e travagli mentali capaci di farti compiere viaggi che mai avresti creduto e che soprattutto mai avresti pensato. Sono arrivata in Giappone forse perché meta suprema e cima dei sogni. Un viaggio lungo troppo spesso rimandato e che vedrà luce presto. Ma stavolta qualsiasi cosa accada. Rappresenta il mio amore per Pier. Il mio amore per il disegno. Il mio amore per questo nick, Maghetta Streghetta, che insieme a Creamy e tutte le maghette aliene compresa Lamù, mi ha fatto scrivere su carta un destino. Questa volta il viaggio si compirà in principal modo perché papà diceva sempre che non si può avere paura della vita.

Nonostante tutto. Fino all’ultimo. E se te lo dice un uomo che muore tra atroci sofferenze. Le più brutte e meschine che il destino possa riservarti. E se te lo dice con un sorriso angelico. Beh. Non si può avere paura della vita. E a questo punto neanche delle mancanze, che devi tentare di colmare con i ricordi e gli insegnamenti. E neanche se ti sei prefissa una meta e approdi in un’altra.

Il sushi alberello è tutto e il contrario di tutto. E’ bello ugualmente, seppur non l’idea dell’albero che hai nell’iperuranio. E’ una forma diversa ma un’essenza uguale. La vita mi ha insegnato che se ti strappa prima un’amica. Poi ti strappa un padre, nonché amore della tua vita, non ti ferisce. Ti insegna. A rispettarla ancora di più. Ad amarla disperatamente. A mettere quella maledetta stella in cima. Accenderla. E onorarla. E questo si fa nel rispetto di tutti quelli che vedranno le lucette di Natale da un ospedale. Infilati con un ago della chemio. Indossando parrucche. Avendo capogiri. E non vedendole affatto. Tutte ovvietà che si dimenticano e che fanno storcere il naso ai finti intellettualoidi che poi sono i primi codardi a non saper affrontare. Tutti luoghi comuni che è bene ripetere. Ripetersi soprattutto. Non ha importanza cosa si scarta sotto l’albero. Quanto costa. Quanto vale. E’ scartare. Con le mani, con gli occhi o con qualcuno che lo fa per te. E’ il gesto, il significato e la capacità di coglierne la grandezza. C’è solo tanto consumismo di fesserie.

Non smetterò mai di fare l’albero. In tutte le forme e in tutti i momenti che la vita mi porrà davanti. Da seduta. In piedi. Coricata. Lo farò sempre l’albero, in quanto vita. Fino all’ultima lucetta. E pure oltre. E quando le luci sembreranno spente? Le riattacco. Come mi ha insegnato papà. Turi era anche e soprattutto elettricista, eh.

Elettricista di vita. Una luce perpetua.

Pappamondo: Un Natale in giro per il Mondo con una valigia di Sogni!

  • Scarica la Scheda numero 6 del Pappamondo se vuoi conservare ricetta, foto e disegno

(basta fare tasto destro-salva con nome. Ho messo una risoluzione abbastanza alta ma se vuoi il formato .pdf o una risoluzione ancora maggiore non esitare a chiedermelo. A fine Giro Natalizio raggrupperò tutto il malloppotto e ne farò un piccolo book virtuale) 

Forse potrebbe interessarti leggere...

16 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this