Home / Biscotti  / Santa Lucia? Un esercito di Puoti per Paolo e Luci

Santa Lucia? Un esercito di Puoti per Paolo e Luci

500 grammi di farina, 200 grammi di strutto (o burro), buccia di un limone grattugiato non trattato, 3 uova, 200 grammi di zucchero, 1 cucchiaino di lievito per dolci

Per la glassa ho adoperato solo zucchero a velo, pochissima acqua e colorante alimentare.

Per 20-25 minuti, dipende dalla grandezza e dallo spessore, a 180 gradi. Quando sono dorati tira fuori e lascia raffreddare e poi procedi alla decorazione.

Forse voi non sapete che oltre a tutta quella grande confusione che negli anni vi ho creato con il mio nome vero, soprannome, nick e dintorni, in realtà mi chiamo per certi versi pure Lucia. Regia, faccia partire un sottofondo ricco di effetti speciali. Essendo nata il 12 Dicembre, Nonna Grazia desiderava ardentemente che non mi fosse affibbiato il suo nome da nonna paterna, come tradizione secolare sicula “impone”. A dimostrazione del fatto che pur essendo una donna nata nei primi del novecento possedeva un’incredibile e moderna intelligenza. Le ho perdonato di avermi ammazzato il coniglio Neve. Averlo appeso per la gola. E avermi traumatizzato l’esistenza. Con me basta davvero poco, diciamo.

Lucia era un nome bellissimo e per di più legato a una Santa molto sentita in tutta la Sicilia. La tradizione culinaria è strettamente correlata a Santa Lucia. Sono tante le leggende e i piatti ricchi di frumento cotto di buon auspicio e che vengono regalati ad amici e parenti. Zuppette di frumento strette cugine della Cuccia di Palermo e grani cotti che si rifanno a molte leggende. E’ sempre il grano a farla da padrone nel territorio del sud italiano. Sono davvero molte le elaborazioni e tradizioni legate a questo giorno speciale. Sta di fatto però che oggi qui si celebra un po’ più il territorio del Nord ed esattamente quello veneto. Da anni mi diletto a tormentare tutti con i gingerbread. La mia passione smodata nei confronti dell’omino di zenzero ha tediato l’intero web da anni (potrei pure dire decenni visti i reperti archeologici che sono su Flickr) e nonostante li abbia fatti in ogni modo, in stop motion, infilati nelle collane, nei barattoli, in formato gif, sull’albero di Natale, in formato presepe, con il cuore di caramella e molto altro, mai una volta ho ticchettato seriamente dei cugini italiani che non hanno francamente nulla da invidiar loro. Anzi.

Dei cugini dei Gingerbread (sicuramente precursori di questi. Tiè. L’Italia è storia gne gne gne e voi no gne gne gne. Lo smetto, sì) sono venuta a conoscenza grazie al mio prezioso amico Paolo, con cui ogni anno in questo periodo facciamo combutta per boicottare il Panettone e dare dignità al vero Re: il Pandoro di Verona. Per anni ha detto Puoti. E io sul libro invece degli Omini zenzerosi volevo proprio metterli in suo onore, poi. Non è andata così per la correlazione al film e blablabla. In questo tempo, come molto è stato trasformato grazie a voi, per me i gingerbread non sono più gingerbread. Sono Puoti. Non riesco a chiamarli in altro modo. Qualsiasi biscottino omoso non è più un Omino di Zenzero. E’ solo un Puoto. Quando comincio le mie ricerche scopro che i Puoti sono strettamente legati a Santa Lucia. La cosa mi piace ancora di più perché è una scusa bella e buona per preparare dei biscotti pensando a Paolo e Luci. Due amici incredibili che in questi anni mai mi hanno abbandonato ma che con cura hanno accudito le mie paure, rassicurandomi e tenendomi stretta a loro in un cerchio di affetto di cui mai potrò essere grata abbastanza. Paolo ho avuto il piacere di poterlo abbracciare lo scorso anno al Salone del Libro ma non è stato abbastanza. Per Luci manca poco e non basterà ugualmente. Oggi qui si festeggia ufficialmente Santa Luci da Rimini e tutti i Puoti Paolosi di Verona in quel di Catania (tutto torna no?).

Le origini di Santa Lucia sono siciliane ed esattamente correlate a una famiglia di Siracusa durante il periodo Diocleziano, corrispondente alla persecuzione dei cristiani, allo stesso modo legate a Catania in quanto leggenda vuole che le venne in sogno Sant’Agata per intercedere per la guarigione della madre gravemente ammalata. L’essere cristiana la porterà a una delle più atroci morti rispondendo ai suoi aguzzini “Il corpo si contanima solo se l’anima acconsente”. L’immagine “sacra” di Lucia è per certi versi abbastanza violenta. Chi la vuole decapitata, chi senza occhi dopo esserseli strappati. Tolto però il lato religioso della cosa, che manco i fratelli Grimm, rimane di Lucia un’affascinante note fiabesca.

Lucia è un nome che mi continua a piacere e da quando ho scoperto quello che porta con sé ancor di più. E’ la Santa che porta i giocattoli e le caramelle ai bambini; gli stessi che le scrivono la letterina. Arriva di notte su un asinello con un velo bianco e solo ai bimbi che sono andati a letto bravi e buoni lascia un dono. Diciamo che è a tutti l’effetti l’antagonista di Babbo Natale e che bisogna rivedere un attimino la figura della Befana, tanto osannata qui. Senza nulla togliere alla vecchietta del sei gennaio con le calze rotte, qui c’è Lucia che reclama, giustamente, una propria dignità storica. Santa Lucia non viene mai vista dai bambini ma lei vede tutto (sarà per questo che è anche protettrice dei ciechi?). E’ importante che i bimbi lascino del fieno o una carota sull’uscio in modo che l’asinello di Santa Lucia che l’aiuta nella spartizione dei beni possa riposarsi e godersi un meritato spuntino notturno. I Puoti “Le Puote” a Verona significano: bambole. Perché Santa Lucia alle bimbe porta proprio le bamboline e da qui la tradizione dolciaria di questi dolcissimi biscottini.

A Verona i Puoti sono dei dolcetti di frolla buonissimi che ricordano e tanto l‘impasto della cuddura. Mi ha fatto sobbalzare questa cosa. Sì certo, si potrebbe solo dire che tutti i biscotti “antichi” hanno questa proporzione di ingredienti ma a me che piace vivere nelle favole, inventarle e rielaborarle è balzato immediatamente agli occhi un collegamento tra Catania e Verona per me e Paolo passando da Rimini con la nostra incredibile Luci. E c’è forse immagine più tenera di immaginare Frugoletto ricevere i Puoti? Cucinati da me e Luci mentre Paolo suona al piano? (il fatto che non ci sia un Puoto che suona il piano è solo colpa dei bagordi post compleanno. Rimedierò al più presto)

I Puoti entravano a buon diritto anche  nel giro del Pappamondo in quanto strettamente correlati a tradizioni che vannp dalla Sicilia al Veneto passando per la Svezia. Per la Svezia? Sì. Santa Lucia infatti è legata e tanto alla nazione nord europea con riferimento alla luce e alle candele proprio nel periodo definito più buio dell’anno, in quanto corrispondente al solstizio d’inverno. Nella città di Bronte, mi raccontava un cretino (scusate rido ma io a Bronte conosco solo un cretino e semmai dovesse leggermi voglio che sappia che per me è appunto: UN CRETINO. Possiamo dire CRETINO DI BRONTE tutti insieme? Grazie. E’ un regalo post compleanno e pre Natale a cui tengo tantissimo), che ogni anno arriva una bellissima ragazza svedese che rappresenta le fattezze di Santa Lucia. Bronte, a parte il cretino, rimane un paese degno di nota e tradizione che amo particolarmente. Da anni mi riprometto di andare a vedere questa manifestazione. Allo stesso modo lo dico per la Sagra del Pistacchio e quella della Fragola della vicina Maletto. Poi alla fine sono a casa a fare Puoti e in ufficio a far finta di lavorare. E’ una vita intensa e difficile la mia ma con un’unica grande certezza.

Ho solo un cretino su cui ridere e molti amici da amare, ricordare e spero onorare anche se meriterebbero un’amica migliore di me. Due di questi, tra i più importanti, sono proprio Paolo e Luci.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
28 COMMENTS
  • gluci77 13/12/2014

    Oggi per me è un giorno felice… tengo all’onomastico più che al compleanno, lo sai, te l’ho già ripetuto mille volte (abbi pazienza, è l’età!!!) e accendere il pc e trovare un augurio tanto speciale, bhe, è una gioia difficile da descrivere… sapere di avere un posticino in un cuore luminoso e puro come il tuo è bellissimo… ti voglio bene Iaia, tantissimo. Grazie. Grazie per avermi regalato immagini tanto delicate, grazie per i biscotti, che, fatti con amore, sono il dono più bello che si possa fare. E allora Pani vai, suona per noi. E teniamoci stretti. <3

  • ireneairinb 13/12/2014

    Luci è anche nel mio cuore <3 mai ci siamo incontrate ma lei mi risuona, le sue parole, la sua dolcezza.
    Mi unisco ai tuoi auguri per lei
    Auguri Lucia *gluci felice onomastico <3

    • gluci77 13/12/2014

      Grazie Irene, grazie anche a te. Ti abbraccio fortissimo… <3

  • Nina Trema 13/12/2014

    Santa Lucia è importante anche a Brescia e nel bresciano, che un tempo era con la Serenissima. Ricirdo processioni pagano- cristiane con giovani donne velate di bianco che passavano per il mio paesino con un carretto trainato da un asinello e facevano tintinnare campanelli. Ogni anno una diversa Santa Lucia, come una piccola sicula svedese passava nella notte del 12 dicembre. E un 12 dicembre nascesti tu 😉 :*

  • ally 13/12/2014

    Ma che bello!!! Auguri Luciiiiii

  • kuroko 13/12/2014

    quella Puorina con gli slip la amo.
    ho tanto bisogno di questo (ora in particolare?) amdare all’origine delle tradizioni, capire cosa in realtà festeggiavano e quali emozioni si agitavano in tutte quelle persone che mi hanno preceduta. scoprire collegamenti e tringaoli geografici solidissimi. ponti e storie che ci uniscono tutti.

    (evabbenedevofareunrespiroprofondo. ogni volta che scrivi mi ritrovo con l’acqua alla gola. ci mette un attimo ad arrivare agli occhi.)

    si può avere una folla di Puori che portano in trionfo Luci e Pani?

  • gluci77 13/12/2014

    <3 ti voglio bene!

  • kuroko 13/12/2014

    puoTina. non ce la sto facendo più col touch screen. pietà. aridateme er pc.

  • Giulia P 13/12/2014

    Che bello questo post Iaia!

  • pani 13/12/2014

    I puoti! Ah, che nostalgia di quando li preparava mia nonna con tanto di mentine al posto dei bottoni e degli occhi.
    Sai che a Venezia, vicino alla stazione c’e’ la chiesa di Santa lucia e li’ c’e’ anche il suo corpo, secco secco, piccolo piccolo. Ogni volta che vado la’ ci faccio una visita.
    Grazie iaia, e ora suoniamo santa lucia, con il mandolino, va.

  • el 13/12/2014

    <3 che belli che sono. buon onomastico Luci :*

  • pani 13/12/2014

    E’ vero, buon onomastico luci. E’ un nome che sta per sparire. La prossima figlia la chiamerò così:-)

  • cucinaconpamela 13/12/2014

    MI AIUTERESTI IN UN CONTEST IN CUI SONO FINALISTA. PER VOTARE TROVI TUTTO SUL MIO BLOG. GRAZIE MILLE

  • buon onomastico, non lo soapevo! <3 quante cose si imparano!

  • Cri 13/12/2014

    Il cretino di Bronte è più famoso del pistacchio U.U

    • Iaia 13/12/2014

      amore aspettami che faccio fuori la nonna e arrivoooooooooooooooooooooooooooooo

  • Ah, ma sono questi i puoti??? Io comunque sto facendo cous cous alla norma a nonna sicula e non ho la ricotta salata! Ci posso mettere il pecorino sardo? Non lo sa nessuno!

  • Ma lo sarò scema? Quando ho letto auguri luci stavo per dire “buon compleanno!” Sono scema Luci, sono scema, buon onomastico!

  • katia 14/12/2014

    Hai proprio ragione: son due amici davvero speciali. Come te, del resto.

  • Sara 15/12/2014

    siiii il mio amato pandoro della mia amata Verona <3

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi