Bialy. Ritorniamo in Polonia!

Must Try

Mochi al matcha e cioccolato

Questi mochi al matcha sono di una bontà incredibile e sarà difficile, una volta provati, farne a meno. Un dolcetto unico, facile da realizzare (vegan) e sano che ti farà fare sempre un gran figurone quando lo servi. 

Il riso alla Cantonese non è cinese

Il riso alla cantonese non è cinese: colpo di scena! Scopri cosa si cela dietro il primo piatto cinese più famoso del mondo. Per esempio: non è neanche un primo piatto.

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Dalgona Coffee, la food obsession 2020

La food obsession del 2020? Il Dalgona coffee, il caffè coreano o cappuccino capovolto.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Per 8 Bialy

(ricetta tratta da New York Le Ricette di Culto di Marc Grossman su cui ho blaterato abbondantemente, regalandone anche una copia, qui e qui)

  • 400 grammi di farina
  • 1 cucchiaio abbondante di sale
  • 1 bustina di lievito di birra secco
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
  • 170 grammi di cipolla tagliata a pezzetti piccoli
  • 4 cucchiai abbondanti di olio extra vergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di semi di papavero
  • 1 cucchiaino abbondante di sale
  • burro

In un recipiente capiente metti la farina, il lievito e il sale. In un altro mescola per bene l’acqua tiepida e l’olio. Sbattendo proprio con la frusta da pasticciere, ancor meglio. Aggiungi il composto acqua-olio a quello della farina-lievito e sale, meglio se impastando con un robot da cucina fino a quando non ottieni una pasta omogenea ed elastica. Forma una bella pallottola liscia. Olia per bene un recipiente grande e riponila dentro. Copri con la pellicola e lascia lievitare per due ore. Suddividi la pasta in otto parti e forma delle palline appiattendole con i palmi delle mani. Poggia i dischetti su un foglio di carta imburrato e infarinato leggermente, ripiegando i bordi verso il centro come a fare una forma concava. Infarina un po’ la superficie e copri nuovamente con la pellicola. Lascia lievitare altri 60-90 minuti a temperatura ambiente. E’ importante che i dischetti abbiano al centro una parte concava perché è lì che verranno riposti la cipolla fritta e i semi di papavero.

Ah vero, dobbiamo peparare la cipolla fritta! Scalda l’olio nella padella e fai saltare cipolla e semi di papavero. Sala per bene ed eventualmente assaggia. Metti la cipolla e i semi al centro dei tuoi Bialy e spennella poi la superficie sempre con l’olio. Lascia riposare altri venti minuti e inforna a 220 per 10-12 minuti circa fin quando sono ben dorati.

Luogo d’origine di questa preparazione? Polonia. Ma non ci eravamo già stati mangiucchiando Babka in onore di tutte le incredibili Nonne del Mondo?  Beh sì, solo che la cultura gastronomica dell’Est Europa è incredibilmente ricca e straripante di lievitati buonissimi. Visto che abbiamo a disposizione tappeti volanti, mongolfiere veloci, treni ad altissima velocità che sfiora la luce e sottomarini, beh. Approfittarne e fare un salto nuovamente in Polonia per mangiare un Bialy caldo caldo non è poi una cattiva idea, no? Di Bagel, Kaak, pane ebraico e molto altro se ne è parlato diverse volte ma mai di questi deliziosi panini che fanno girare la testa; sono meno conosciuti dei Bagel, seppur stretti cugini, famosissimi in tutte le comunità ebraiche anche e soprattutto in America, dove si sfornano a ripetizione caldi caldi in ogni angolo delle strade e sono perfetti per un brunch. A dispetto dei  bagel non vanno prima immersi in acqua bollente ma lievitati più volte e cotti semplicemente in forno. La particolarità è che al centro vengono insaporiti con cipolla fritta e semi di papavero. Si può arricchire ulteriormente con pan grattato e aglio. Incredibilmente gustosi questi lievitati. Non lucidi e patinati ma ruvidi e gustosi, sono morbidi al punto giusto e vanno mangiati caldissimi appena tirati fuori dal forno. Pare che a Palm Beach County in Florida ci siano diversi punti vendita che vengono segnalati come addirittura i migliori d’America.

Senza andare così lontano (purtroppo) si possono degustare anche in queste giornate invernali. Una delizia salata che potrebbe diventare a buon diritto protagonista di un brunch natalizio o di una merenda super gustosa. L’altro giorno ho preparato i blinis (eh sì, sto proprio viaggiando a Est in questi giorni) e il Nippotorinese si è ritrovato per una serie di eventi coinvolto in un pranzo a base di caviale, salmone, bialy, blinis e panna acida. Mi ha guardato serio in volto e ha detto “questa cosa del Pappamondo falla durare molto”. E’ risaputo che non si sbilanci tanto quindi lo prendo non solo come un complimento ma anche come un incitamento a continuare. Il riscontro tra l’altro è positivissimo e davanti a certi numeri, confesso, sono rimasta impressionata. Questo giro con la valigia piena di sogni si sta rivelando terapeutico e rilassante non soltanto per me. La cosa non può che rendermi oltremodo felice. Tutti gli sforzi non solo sono ampiamente ripagati ma si trasformano in sorrisi che generano felicità generale in tutto e per tutto.


Forse potrebbe interessarti leggere...

27 COMMENTS

  1. Ho sempre sognato di andare in Polonia.

    Vedere Varsavia.

    Mangiare polacco.

    Visitare le sinagoghe e il ghetto.

    Mi ci hai portato tu.

    E quel babbo Natale è bellissimo.

    Secoooooooooondaaaaaaaaaaaaaaa

    • Katia <3
      anche a me piacerebbe moltissimo.
      il migliore amico di mio papà si è sposato nella Chiesa di Sale.
      Tutta fatta di sale.
      Della Madonna Kinga.
      Andiamo insieme?
      (grazie per essere qui . Per viaggiare con me)
      un bacio grande

      • Chiesa fatta di sale.

        Strabuzzo.

        E prenoto. Il treno va bene? Mi va di andarci in treno, in Polonia. Magari adesso che fa bello freschetto.

  2. e comunque Iaia…continuiamo all’infinito questo giro.
    noi ci saremo sempre. Qui, con te, leggendo le tue incantevoli parole e immaginando i profumi dei tuoi piatti.
    <3

    • la dovete smettere di farmi piangere oCCHEI?
      HO un’etaaaaaaaaaaaaaaaaaaààààààààààààààààààààààààààààà

  3. Ci sono così tanti posti e così tanti cibi x ogni posto…io propongo un pappamondo infinito! Questa ricetta letta a quest’ora nn mi ha messo fame no no…ora mi mangio il cell!

    • <3 Ally non sai quanto mi fai felice.
      Sono davvero contenta che questo giretto insieme vi stia piacendo :*
      grazie.
      grazie.
      grazie.

  4. Il viaggio non finisce dopo Natale, vero? Ci sono infiniti luoghi e infinite pappe ancora da esplorare tutti insieme… magari potremmo fare anche delle richieste?! :*

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this