Vegan “Coconut Banana Bread”

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Il cappuccino in casa

Farlo non è mai stato così facile. Se non hai il frustino elettrico e il cappuccinatore puoi farlo ugualmente proprio come al bar. Fare il cappuccino in casa non è mai stato così facile (e buono!)

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

250 grammi di farina, 3 banane grandi abbastanza mature, 90 grammi di zucchero di canna grezzo, 4 cucchiai di cocco disidratato, 60 ml di latte vegetale (ho adoperato latte di mandorla senza zucchero), un cucchiaio e mezzo di lievito, un pizzico di sale, un pochino di cannella.

Schiaccia (o frulla) le banane. Aggiungi il latte (di riso, soia, vegetale che ti piace di più o semplicemente acqua) e incorpora pian piano la farina setacciata, il lievito e il pizzico di sale,la cannella (ma anche vaniglia) e il cocco. Versa l’impasto in una teglia rettangolare o quadrata (20×20 è perfetta) e spolvera con altro cocco se vuoi. Cuoci a 180 già caldo per almeno 40-45 minuti. Quando  la superficie è bella dorata, ma se vuoi è meglio controllare con lo stecchino, tira fuori. Puoi tagliare come se fossero dei brownies o farne fette. Libero sfogo alla fantasia.

Con del cioccolato fondente sopra sono follemente buoni.

Mamma è passata da “ma non ci penso neanche ad assaggiarlo!”, a “bleah!”, a “uhm. Ma non sa di niente”, a “sa di poco”, a “sa di poco ma non è male”, a “ma sai che non è brutto?”, a “oh è buono e leggero!”,  a “quando lo rifai?”. Direi che è stata dura, ma Siore e Siori se ce l’ha fatta Miss Calabria FrittoMisto direi che c’è speranza per tutti. Dire che sono felice è poco. Ormai nessun dolcetto è maltrattato, visto con sospetto e abusato verbalmente. Viene accolto con il giusto entusiasmo, senza strafare, e non si sente escluso se un Brownies passeggia sulla madia in attesa dello shooting fotografico, per dire. Si sa. I Brownies sono un po’ come gli angeli di Victoria’s Secret. Belli, di cioccolato, soffici e vergognosamente sexy. Un tocchettino di simil Banana Bread con del cocco disidratato dentro senza latte, burro e uova può essere così terribilmente sexy sfilandogli accanto? Forse no, ma ciò non significa che non sia da amare e perché no: sposare? L’Angelo Brownies è un sogno. Ce lo si può concedere in passerella (cosa sto dicendo?) una volta l’anno per la Sfilata di Natale mentre un casereccio tocchetto di Vegan Coconut Banana Bread puoi concedertelo sempre. Il Sogno proibito contro la Certezza di una Vita (sto dicendo cose molto intelligenti o argute o sto sragionando? Il Tempo e il mio amico Mauro mi ha fatto capire che non si sbaglia mai: è sempre la seconda).

Insomma dopo i Brownies di Santin con 250 grammi di uova, tanto cioccolato fondente e una bella ganache con panna, cioccolato bianco e burro d’arachidi (bingo!), questi pezzotti sembrano Pina Fantozzi ok, ma. Ma non è detto che non possano regalare piacevoli momenti di quotidianità, stabilità e felicità.

Credevo di averla già pubblicata questa ricetta, che risale allo scorso anno (lo vedo dalle luci, dalla posizione e perché ricordo sempre cosa stava succedendo in quel momento) e invece me la sono ritrovata qualche giorno fa davanti come una fermatempo sospesa nel tempo. Come un déjàvu. Stavano mettendo il cartongesso in quella che ora è la stanza da pranzo. Io piangevo perché non avevo un posto per fotografare ma in verità perché a papà non avrebbero fatto la Chemio per via dei valori eccessivamente bassi. In pratica si era felici quando gli facevano la chemio: buffo no? Ero senza casa, speranze e alla fine pur facendo un dolcetto vegano non lo avrei neanche mangiato. Tra una settimana sarà il compleanno di papà. Avrebbe compiuto settanta anni, non dimostrandoli per niente se non in saggezza. E io è innegabile che sia in un mood di tristezza tale che mi risulta a volte difficile respirare. Però mi sto impegnando, dai.

Vero che mi sto impegnando?

Non è il dolce più buono che vi possa capitare nel palato ma una coccola delicata che pian piano vi conquisterà sì. Perché non si vive solo di passione travolgente al cioccolato ma anche di una banale normalità sorprendente (la realtà è che mi sono commossa e non so più quello che sto ticchettando. Riprendiamo domani?).

Forse potrebbe interessarti leggere...

15 COMMENTS

  1. ma sì non si può mica vivere sempre di brownies al cioccolato! se fossimo tutte modelle di Victoria’s Secrets poi non avremmo più niente di speciale (ma mi offrirei volontaria io per esserlo eh!) quindi ci vogliono pure questi dolcetti per bilanciare il tutto!
    così come ci sono i giorni tristi e malinconici che servono a farci apprezzare ancora di più quelli felici! <3

  2. A volte ci vuole una coccola discreta..le passioni travolgenti sono faticose!
    La scorsa settimana è stato il compleanno di mio nonno..78 anni..e manca da quattro..però quel giorno non lo dimentico..un pensiero, un augurio, un piccolo brindisi glielo faccio sempre, con discrezione, tra me e me <3

  3. Il paragone brownie – angelo di Victoria’s Secret potevi farlo solo tu.

    Papá manca a tutte e tu ci stai riuscendo, sí. Stai facendo un ottimo lavoro e siamo tutte molto fiere di te.

    Ti voglio bene! <3

  4. Ricetta salvata tra i preferiti! Devo provarla assolutamente e poco importa se non ha tutti gli ingredienti che molti considerano necessari per un buon dolce… Senza considerare che per me la banana vale come un dessert, la adoro, e basta un pizzico di cannella per rallegrarmi la giornata, quindi, per quanto mi riguarda, in questa ricetta c’è tutto il necessario 🙂
    Comunque quella tazzina e quel cucchiaino sono bellissimi, devo averli anche io *-*

  5. il paragone tra brownies e victoria’s secret e banana bread pinafantozzi. davvero non ce la posso fare a riprendermi. devo dichiararti il mio amore di persona.

    (vado a pettinarmi i nodi in gola ora <3 da soli non se ne vogliono andare )

  6. Il mio dolce migliore è quello dove c’è pochissimo zucchero e nemmeno una traccia di uova e di burro… talvolta si giudicano le cose senza averle assaggiate prima, insomma, ci si fanno dei pregiudizi alimentari e si rischia di perdere sapori che – per quanto semplici – sono speciali.

    E adesso vieni qui che ti stringo forte. Non è una gran consolazione forse, ma siamo qui. A tenerti la mano. A respirare con te, ad impegnarci con te. <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati. Li preparo con il latte di mandorla e li declino in molte variazioni.

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

More recipes like this