Video: Introduzione all’Essiccatore

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

32 COMMENTS

    • Ti rispondo io che ora posso dire “cel’ho!” no. ha una temperatura fissa e modo di far uscire l’aria calda, quindi rimane a temperatura fissa. e scalda un po’ una stanza (che ora che è inverno schifo non fa)

        • beh, magari non metterlo sotto a un mucchio di cotone o roba infiammabile 😀 o sotto le coperte…ecco, magari no 😀

        • Noooooo Vale *_* MAI !
          A parte che è difficilissimo che non sia in casa la notte (se non impossibile. Nel caso in cui parte qui c’è sempre SantasignoraPina e mamma eventualmente) . Finora non ho mai fatto cotture che superassero le 10 ore ma ti confesso che MAI *_* lo lascerei acceso la notte o senza qualcuno che possa dargli un’occhiata.
          Non credo che succederebbe niente ma sono LEGGERMENTE apprensiva (leggi psicopatica 😀 ) :*

    • Vale no. Surriscaldarsi assolutamente no. Il mio ibm di dieci anni fa per dire sì che si surriscaldava 😀
      temevo che scoppiassi con lui (mortaragazzacataneseconunportatileesploso 😀 )

      ma.
      per tutto il tempo che rimane acceso non surriscalda affatto.

      • quale corriere T_T ormai non spero più che ne passi uno…. sono rimasta che era arrivato l’aggeggino che fa verdure a spaghetti… (devo ancora provarlo maledizione!!! 😀 ) e basta…. mi sono arresa con loro non so che dire.

  1. ah lo voglio assai.
    (si possono essiccare i residui della centrifuga. e usarli come spezie. non si può sprecare tutta quella roba. c’è uno chef che lo fa, che essicca tutto. e io devo. devo averlo. essicchiamo la bionda? essicchiamo tutto?)
    la voglio assai

  2. parlando di centrifuga a me piacerebbe comprare un estrattore, ma l’Hurom costa un botto
    ora ho una centrifuga sfigatella pagata 40 euro che il suo lavoro lo fa discretamente.

  3. Ho visto il video e che dire interessantissimo, ma sotto al letto c’ho i vestiti che vanno dalla taglia 36 alla 48. Lasciamo stare. Voglio il waffle maker adesso. Mi sono fissata. Quello a cuoricino x4 c’é adesso alla Lidl a 13 euri. Sempre parlando di sana alimentazione, ovvio! Sedatemi, vi prego. Non posso comprare altri aggeggi culinari.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY