Home / Light  / La Pizza del Cavol(fiore)! Senza farina e senza uova

La Pizza del Cavol(fiore)! Senza farina e senza uova

Per 900 grammi / un chilo di cavolfiore: 50 grammi di semi di lino e 6 cucchiai di acqua, 80/90 grammi di farina di mandorle.

Lava per bene il cavolfiore. Tritalo con un food processor o bimby o frullatore. Passalo con il setaccio e cerca di eliminare quanta più acqua possibile. Frulla le mandorle e rendile farina. Frulla i semi di lino con l’acqua fino a ottenere una sorta di pappetta appiccicosa. Metti il cavolfiore in un pentolino e copri di acqua. Porta a ebollizione poi abbassa il fuoco e cuoci con coperchio per altri sei minuti. Scola per bene e passa nuovamente al setaccio eliminando l’acqua. Una volta ottenuto questi tre ingredienti: cavolfiore tritato lessato, pappetta semi di lino e acqua e farina di mandorle versa il tutto in una planetaria e lascia che si amalgami per bene. Stendi su carta da forno (un centimerto e mezzo massimo. Più bassa è e più viene croccante, proprio come accade con la pizza) e cuoci per 20-25 minuti in forno. Gira la base aiutandoti con un altro foglio di carta forno e cuoci l’altra parte. Se non sei coraggioso spegni la parte superiore del forno e lascia accesa solo quella inferiore. Condisci e cuoci un altro po’.

Il cavolfiore può essere cotto anche su carta da forno a 180 per 30 minuti. Questo evita tutto il passaggio del setaccio (alla domanda “e perché tu l’hai fatto bollito? perché sei cretina? ” la risposta è “sì” e perché volevo dimostrare al mondo che fosse una cretinata. VOGLIO un premio vi prego. Per essermi immolata pubblicamente alla ricerca per la Pizza del Cavolo).

(io l’ho bollito solo due volte. La primissima volta quando ero incosciente e questa, sul serio, per dimostrarvi che è una perdita di tempo inutile. Adesso non mi verrebbe neanche mai in mente di non farlo su carta da forno)

Sul Canale Youtube (che sto cercando di mettere in moto nuovamente perché era rimasto lì sospeso nel tempo) ho pubblicato questa settimana (ma mancavano foto e post) questa famigerata Pizza con la base di cavolfiore al posto del classico impasto di farina, acqua e lievito; che qui le pizze di qualsiasi verdura ci piacciono un sacco (come dimenticare le Pizzette di Melanzana?  Qui il Video e qui il post).

Su questa pizza se ne sono dette tante, giustamente. Si può fare in svariati modi e la versione sicuramente più “facile” e con maggior appeal per voi umani capaci di intendere e volere è quella dove si utilizza l’uovo. Per noi fuori di testa che non cediamo alle lusinghe dei derivati animali viene un attimino più difficoltoso, ma la vita è anche questo: una sfida continua. E allora perché noi alieni vegani non possiamo goderci questo popopopopodiroba?

Questa è la versione senza uovo e senza farina (di alcun genere e se vogliamo proprio escludere a priori il fatto che le mandorle sbriciolate siano comunque “farina” di mandorle. Ok basta mi sto incartando); che come blatero nel video è gustosa, leggera e buonissima. Ne seguiranno altre anche perché qui Nanda, la mia mammina, si è entusiasmata a dir poco, già qualche mese fa, e brama tonnellate di pizza da vera fan sfegatata del cavolfiore (da settimane manifesta la voglia di  farne una versione con salsiccia ma questo non vorrei neanche specificarlo). Senza uovo si sopravvive. Posso testimoniare io stessa. A prescindere dalla dieta vegana, chi mi segue sa che non sono mai stata un’ammiratrice dell’uovo e che anzi l’ho sempre detestato con brio. Lo mangiavo nei dolci e nelle schifezze certo, ma l’uovo bollito-fritto-frittata-qualsiasiversione era per me una vera e propria tortura (chi si ricorda del pulcino liquefatto alzi la mano!). Insomma perché dopo aver blaterato per 11 minuti filati sento ancora il bisogno di annoiarvi e farvi scoppiare un’emicrania? Non lo so.

Ho solo una certezza: voglio distruggere i neuroni di TUTTO il mondo (è l’invidia. Non possedendoli voglio che i vostri si annientino). Provatela anche senza uovo. So già che potreste apprezzare di più la prossima versione ma è davvero buona. Oh.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
12 COMMENTS
  • gluci77 01/02/2015

    Questa pizza mi incuriosisce moltissimo, anche perché ho una vera passione per il cavolfiore! ^_^ Comunque io la pizza non la faccio mai con l’uovo, da noi non usa proprio, solo acqua, farina, poco sale e un po’ d’olio. Buona domenica stellina e buona domenica a tutti i visitatori della tua cucina! :*

    • pia 01/02/2015

      Buona domenica anche a te!!! 🙂

      • pia 01/02/2015

        io sono invece un po’ titubante…;) prima di affrontarne la preparazione, vorrei assaggiarla!!!

        • pia 01/02/2015

          non vado così d’accordo con il cavolfiore… 😉

      • gluci77 01/02/2015

        Mi è sempre piaciuto un sacco, ma quest’anno ne mangerei di continuo!!! Un abbraccio Pia! :*

        • pia 01/02/2015

          Gli darò un’altra chance!!!!!! 🙂

  • ally 01/02/2015

    Buona domenica Iaia <3

  • niCol 01/02/2015

    Adoro il cavolfiore in ogni forma!
    E questa pizza è nella ‘to do list’ da un po’, forse è arrivato il momento di provarla! 🙂
    Ho giá fame *_*
    Buona domenica ❤️

  • Chemical 01/02/2015

    voglio provarla assolutamente e seguirò il tuo consiglio facendola senza uovo (io ad esempio la torta di zucca la faccio senza uovo ed è meravigliosamente buona) 🙂 <3

  • kuroko 01/02/2015

    amamoltissimo.

  • Carolina G. 01/02/2015

    Parliamo di cose concrete… ma puzza??? Sa tanto di cavolfiore o si maschera?
    No perchè lo odio mortalmente, ma vorrei mangiarlo che fa bene.
    In settimana ho assaggiato i cavoletti di bruxelles pasticciati (mia nonna mi ha mentito spudoratamente raccontandomi che erano dolci e per niente puzzoni) e li ho detestai con tutto il cuore!
    Ecco. Ditemi la verità! Non come mia nonna! XD

  • Onofrio Servis 15/09/2016

    Molto interessante voglio metterla nel menu del mio Ristorante http://www.ilpiratalacona.it/

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi