Cucina Smart con Jamie Oliver

Must Try

Cucina Thai di Tom Kime

C'eravamo lasciati con la cucina Nikkei, ricordi? Che continua a rivelarsi un acquisto importante perché ho trovato davvero delle chicche interessanti a dir poco. È...

Istanbul: Ricette dal cuore della Turchia

Credevo di aver già parlato di Eat Istanbul: Viaggio nel cuore della cucina turca e solo adesso mi sono resa conto che così non...

Cos’è la cucina Nikkei?

  A questa domanda un po' di tempo fa non avrei saputo rispondere nonostante il mio inesauribile interesse per il mondo del food; ed è...

Simple di Diana Henry

La libreria di Iaia, ovvero dove chiacchieriamo insieme di libri di cucina, è una delle rubriche più seguite del Blog da quando esiste; suppongo...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Ho tutti i libri di Jamie Oliver,seppur per la Libreria di Iaia abbia blaterato solo circa I miei menù da 30 minuti; questo dà la conferma di quanto io sia svogliata, pigra e stupida (mi piace troppo prendermela con me stessa e crogiolarmi in sterili masochismi, vi prego permettetemelo). Adesso tra le mani, grazie a Santo Amazon diventato salvezza perché posso avere tutto entro ventiquattro massimo quarantotto ore direttamente a casa e disperazione perché non vado più in libreria da non so quanto, ho Cucina Smart ovvero poca spesa, piatti gustosi e senza sprechi. Sono ben 120 le ricette che Oliver definisce superbuone e low cost (solo io sto cominciando ad avere una idiosincrasia per il termine super? E per il rafforzativo stra? Tra strasuperbuono e supersuperlowcost e superstraeconomico il mio unico neurone collassa al suolo e neanche cascate di supradyn possono rinvigorirlo).

Ci dicono testualmente che:

questo libro ci insegnerà come cucinare cibi sabi e gustosi con poca spesa. Piatti saporiti, colorati e che danno allegria per coccolarci e stare bene e quindi essere felici. Ci dice inoltre che ogni ricetta è di alta qualità ma economica perché è ora di passare a una Cucina Intelligente. Siccome qui si è sempre detto che Jamie è amico nostro come facciamo a non credergli? Gli ho perdonato di cucinare con le mani zozze nell’orto senza lavare le erbe aromatiche dove zompettavano criceti e gatti lanciando tutto così. Come fosse uno stregone nel bosco insieme al suo inseparabile calderone. Gli ho perdonato il tagliere di legno sulla terra e pure di aver pulito una carota appena raccolta strofinandosela sulla camicia. Jamie con quel maledetto sorriso da bravo ragazzo e gli occhioni azzurri da paciocco dolcissimo si è fatto perdonare qualsiasi atto inconsulto e vergognoso per un’igienista pazza come me da ricovero. Se Jamie dice che è un libro sulla Cucina Intelligente può pure squartare polli a mani vive e io lo seguirò (e difatti lo fa. AIUTO!). Lo seguo su instagram, compro la sua rivista e metto nell’iperuranio delle mie note qualcosa come venti ricette al mese tra cui scegliere e prendere spunto; che sono tantissime per i miei standard. Questo perché riesce a fare piatti semplici ma con brio e nonostante appaiano per certi versi scontati la maggior parte delle volte riescono a essere di carattere. Perché è innegabile e gli va ricosciuta una grande personalità (e poi sono innamorata dei suoi bambini. Ogni volta che su instagram raccolgono un pomodoro piango negli angolini diventando una donna anziana isterica senza figli e comincio a dire puccipuccichecarininevogliocinque. Poi mi passa e ritorno a essere la donna senza scrupoli alla conquista del mondo che non può perdere tempo appresso a piccole dolci e tenere anime che raccolgono i pomodori. Paura, eh? Pure io).

Le fotografie sono sempre splendide ed è merito del suo Food Stylist che gli ha dato quell’impronta riconoscibile alla stregua di Martha Stewart, Donna Hay e Nigella Lawson. Sono intime, con amici, parenti (e pure i dolci patatini raccoglipomodoro, sì) senza dimenticare il fondamentale concetto di goduriosità (il primo dell’Accademia della Crusca che mi bacchetta perché non esiste sappia che qui esiste tutto e la grammatica a Maghettaland non è prevista. E se ne va pure discretamente fieri). Ci sono ricette contrassegnate con la A che prevedono gli avanzi e con la V che sono adatte anche i vegetariani; accortezza che come sempre torna utile e francamente per un’interessante bibbia del genere aggiunge un quid. Inizia con un breve preambolo dove confessa che il libro esiste grazie alle richieste social (dove Jamie è attivissimo), perché attraverso Twitter, Facebook  e Instagram dice che è emerso chiaramente il bisogno di ricette sfiziose ma con un occhio di riguardo al portafoglio. Una breve introduzione al congelatore, che definisce il migliore amico del cuoco e piccoli accorgimenti su cosa tenervi all’interno per non essere mai colti impreparati. Stessa cosa vale per le scorte in dispensa con i condimenti di base e le preparazioni quotidiane, le spezie e gli aromi essiccati, la frutta a guscio e semi, la pasta, i cereali e gli ingredienti di base per i prodotti da forno. Ci insegna a fare la lista della spesa e a tenere d’occhio il prezzo. Ci consiglia di girare cogliendo le occasioni più opportune e ci invita a farlo all’alba perché nei mercati all’ingrosso si fanno ottimi affari (qualcuno avrà da dissentire sul concetto spazio-temporale di andare all’alba al mercato quando davanti si ha una giornata terrorizzante ma ricordiamo: è Jamie. Può dire quello che vuole. Pure di accamparci la notte con la tenda e dormire con un sacco a pelo al freddo e al gelo abbandonando le famiglie, intesi?).

Si pare con le ricette vegetariane e quindi Insalata arcobaleno, zucca siciliana e ceci in umido, sag aloo a modo mio, zucca arrosto in quattro sfiziose varianti, cavolfiori e broccoli gratinati al top, cervello di zombie ovvero sedano rapa arrostito intero con orzo e salsa di funghi, frittata di spinaci e patate dolci e pure un Okonomiyaki, a conferma del suo essere eclettico e multietnico pur restando viscerale e preponderante il suo sconfinato amore per l’Italia. Da qui si arriva al capitolo dedicato al pollo perché sostiene che sia la carne più ricercata sul web. La definisce la più popolare e versatile e invita a investire su un pollo di alta qualità e chiaramente biologico. Propone l’arrosto base della domenica ma anche i Noodles Singapore, cannelloni di pollo e spinaci, curry giallo di pukka, paella di pollo  e chorizo, pollo fritto alla Jamie e zuppa della nonna con nastrini di omelette. Da qui il Manzo. Poteva mancare? Rendang di manzo, zuppa di noodles e manzo, panino caldo e succoso con punta di manzo, carpaccio scottato all’inglese, chili di manzo messicano e polpettine di carne alla Norma fino ad arrivare al manzo cinese e tofu. Un altro capitolo ricco con foto magnifiche e ricette che non ci fanno mai sentire inadeguati e adatte ai palati più disparati. Il maiale poteva restare superstite in questo tripudio di goduria carnosa? No. E infatti arriva pure il capitolo dedicato al simpatico animaletto rosa (che il cielo ci perdoni!).

Arrosto della Domenica, peperoni ripieni di maiale e risotto facile al forno, cassoulet di salsiccia saporito, stinco di maiale affumicato con salsa al prezzemolo, costine croccanti, polpettone di maiale con salsa di spaghetti e cialde al maiale grigliato con insalata di cavolo. Ahem e poi il capitolo sull’Agnello con kofta di agnello rovente, kebab di agnello cipriota, pastilla di agnello marocchina croccante, pasticcio di agnello appetitoso, minestrone scozzese sincero e burrito tosti al gusto barbecue. Arriva il pesce (così li abbiamo uccisi tutti, ok? *disse ridacchiando e sputacchiando caffè). Capitolo che vanta ricette semplici ma da ricordare: piadina al tonno, trota al forno, stufato di pesce portoghese, patè di aringhe affumicate, carbonara di sgombro affumicato, conchiglie piselli e gamberi di Jools e tikka al curry di pesce sublime. Non ci sono chissà quanti dolci o roba zuccherosa, ma arrivati al finale ci sono ghiaccioli, dolci al cucchiaio e frullati ghiacciati come fosse quasi un appunto mentale e visivo contornato da foto meravigliose in pieno Oliver style. Sul finale una mega carrellata di foto con tanto di calorie, grassi, grassi saturi, carboidrati e zuccheri dei piatti eseguiti in un contorno visivo bello.

Bello davvero, che mi è molto piaciuto come impostazione stilistica vera e propria. Il prezzo come tutti i libri di questo tipo è altino ma non esagerato perché li merita e pure il doppio. Si aggira intorno ai 26 euro. La copertina è rigida e cartonata. I fogli sono rustici e non patinati e le foto come ho avuto modo di ribadire tremilioni di volte meravigliose. Sono di Lord David Loftus e Matt Russel. Il titolo originale è Save with Jamie ed è edito dal gruppo editoriale Mauri Spagnol-Tea Tascabili.

Un libro assolutamente da acquistare e tenere sempre a portata di mano, soprattutto per chi cerca sempre nuovi spunti sfiziosi e al contempo innovativi. Sul concetto di spreco e cucina intelligente ancora una volta Oliver c’entra e centra. Senza sbagliare, come sempre, un colpo.

La Libreria di Iaia

(ecco i volumi su cui ho blaterato)

Forse potrebbe interessarti leggere...

31 COMMENTS

  1. Inorridisco ogni volta che lo vedo mescolare ll’insalata con le mani zozze di terra o nn lavare nulla…mi viene l’ansia quando lo vedo gesticolare vorticosamente o quando taglia il pane sul tagliere dove ha appena sventrato il pesce…ma non posso fare a meno di seguirlo. Certi suoi piatti sembrano dei dipinti e c’è sempre qualche idea da raccogliere in quello che fa. Jamie mi piace, sì, ed è uno scandalo che non abbia ancora un suo libro… basta, vado su Amazon e rimedio! :*

    • per non parlare che ci sarebbe chi non si può permettere di farlo …già devo lavare le verdure con la fiamma ossidrica imbevuta di amuchina e sciacquata nelle acque cristalline dei monti dove si lavano i tulipani vergini!!!

  2. Comunque l’ho preso anch’io, maledette finanze… ma ho trovato 1 a metà prezzo… sempre su amazon, dice usato, tanto meglio, magari troverò un appunto di qualcuno 🙂

  3. no, scusate, necessito di una cura per la memoriaaaaaaa!!!!!
    Jamie e le sue ricette sono sulla via di casa!!!!! e ringrazio Iaia in anticipo 🙂 🙂

  4. Due cose fammi dire
    1) io quando torno a casa dopo una giornata ESTENUANTISISSIMA come questa in cui sono fuori casa da 12 ore e vedo un nuovo tuo post nell’email mi dico
    aaaaaaaah (sospiro, non grido) ESCI che ora mi leggo la mia Iaia e mi rilasso un po’.
    2) Pigra svogliata e stupida tu ahahahhahahahahhahahhahahahahhahahahahahahahahahahahh
    aahahahahahhahahahahahhahahahahahahahhahahahahahahahhahahahahahahhahahahahahh
    ahahahahahahah e si. L’ho scritto con l’intenzione di farti arrabbiare. E’ l’unica volta in vita mia. E’ tipo una risata isterica. Perché se torni a dire queste tre cazzate riferendoti a te ti strappo tutti i capelli giuro non te ne lascio uno.
    3) avevo detto due vero?
    Io quando vedo Jamie ma pure Gordon che preparano da mangiare e che saltellano da una parte all’altra e che lanciano le spezie e che.
    Giuro.
    Vorrei solo saper fare le iniezioni.
    Gli sparerei 4 litri di Xanax e li prenderei tra le braccia dicendogli “ora ti calmi amamma”.

    Oh oggi è stata una giornata pesante.
    <3

Rispondi a La Libreria di Iaia: Semi e Cereali | Gikitchen: in Cucina con Grazia Giulia Guardo e Maghetta Streghetta Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this