Basta un poco di Agave e il succo di Agrumi scende giù

Must Try

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Dopo aver spremuto l’arancia, il limone e il pompelmo metto un pizzico di succo d’agave e lo zenzero fresco grattugiato. Non credo ci sia granché da aggiungere. E’ strepitosamente buono. E fa incredibilmente bene. E impeditemi di adoperare altri avverbi. Cortesemente. Ecco.

Ve lo state chiedendo dove è Pasqua, vero?  Cavallo di battaglia per anni e punto focale della mia cucina.

Io Pasqua quest’anno l’ho abbandonata. La riciclo con quelle precedenti dove nell’uovo c’era una bella sorpresa. Dall’anno prossimo ci sarà ma non questo. Non è un lutto. Non c’è mai stato perché il lutto è perdita. E non voglio vederla così. Mi fa ancora male però che nel concetto di resurrezione io abbia dovuto subire quello che è accaduto e quindi come una bimba imbronciata punto i piedi e dico No. Dovevo odiare una festa. Una mi tocca di diritto, no? Fingerò il giusto necessario per non essere eccessivamente noir. Ma quest’anno a Pasqua vorrei solo che i pulcini esplodessero e con il sangue formassero la scritta: game over. Una cosa crudele di questo tipo si può fare? Sangue come lava nel cielo. E’ poetico, no? Mi fermo. Perché queste immagini sono uno dei principali motivi per cui con le mani legate e imbavagliate taccio.Ma qualcosa ve la dico per tediarvi (anche perché siete sempre i miei amori, che vi preoccupate, chiedete e mi abbracciate. E io come sempre attonita e commossa cerco in qualunque modo possibile di non cedere al buio). Una su tutte che lo sciroppo d’acero nel succo d’arancia spremuto con il limone non è buono:

di più. E niente. Nessuna ricetta. Solo questo. Perché ho troppe foto da sistemare, troppi pulcini da fare esplodere (ah no, uhm devo smetterla) e.

E dicevo.

E mentre su RunLovers esce la prima Playlist (bellissima!) dove si consiglia cosa ascoltare durante la corsa, Marzo finisce e arriva Aprile. Nelle orecchie anche io ho una playlist. Mancava da un po’ la musica nelle mie orecchie. E’ confusa, incredibilmente variopinta e psicotica. Ho smesso con la musica classica e Hisaishi. Ho smesso di non sentire le parole. Perché ho voglia di ascoltarle; questo molto probabilmente perché quando si ricomincia (e si comincia) a correre la voglia di sentire tutto diventa impellente. Necessaria. E quindi c’è Frank Stallone con Running e I Do Believe in You, che mi ricorda ovviamente il mio papà come tutta la colonna sonora di Rocky. Note forti che ti fanno sgambettare ma anche melodie come Love is a Losing Game con il caldo tono di Amy, di cui non sono mai stata adepta ma che come non mai è riuscita a farsi volere bene. E tanto. Soprattutto nei momenti di defaticamento. Quando premi stop. E il tappeto comincia a fermarsi pian piano. Come il cuore. L’eccitazione. E l’affanno che ti ha fatto scoppiare. Ma di cui senti già la mancanza.

Sono giorni di musica e parole con me. Ho ricominciato a scrivermi e anche questo non lo facevo da un po’. Apro Note e comincio. Ad appuntarmi gli incubi, i sogni e i personaggi che stanno arrivando di nuovo prepotenti. E penso a Ombretta e il nostro sogno di stare insieme al Coppedè. Penso alla nostra cena dove c’è un pappagallo e una culla. Ai nostri progetti segreti. Alle nostre confidenze. Ai nostri giochi. E penso ad Alessandra e Cri che riescono a scandire i miei giorni con dei cuccioli che abbaiano, con un muro che non sta in piedi e con un’amicizia profonda, vera e sincera. Mi manca pure la Bionda. Mi manca tanto e tutto seppur sia tutto nel mio cuore e nella mia vita. Sogno di cucinare salmoni con Valentina ed eliminare Gion. Sogno di fare la spesa al Leroy Merlin e arrostire cartone pressato invece che il seitan con Luca. Preparo panini per RunLovers che è diventato una casa. Io che casa ho sempre pensato fosse questo.

Parlo di progetti. Crescite e viaggi. Soprattutto dentro me stessa. Ribalto quello che è stato. Prospetto quello che sarà. E lo faccio ballando Barry White e cantando Mario Biondi. Lo faccio fermandomi e commuovendomi davanti alla foto di papà. Gli dico se sto facendo la cosa giusta. E lui in silenzio continua a sorridermi. Guardo il suo orologio e il suo tempo che non si allinea neanche con l’ora legale. E’ una vita difficile, come tutte le vite. E’ una vita bellissima, come tutte le vite.

E’ una vita dove rimango sospesa in attesa del lancio definitivo. Della mongolfiera. Dell’aereo. Del salto nel buio. E’ una vita che ho desiderato di vivere, questa vita.

Quindi perché mai avere paura?

Forse potrebbe interessarti leggere...

16 COMMENTS

  1. questa bolla bloccata nel petto me la terrò stretta finché non esplode. in lacrime o in una risata. ma è talmente vera e impossibile da ignorare, supera strati e strati di indolenza, che non rinuncerei nemmeno a questo momento di emozioni bloccate e indecise alla fine di un post. sa così tanto di vita.

    (ama, sempre e ovunque.)

  2. non mi stancherò mai di leggere i tuoi post. non ho mai trovato nessun altro che sappia descrivere così bene le sue emozioni e farti entrare dritto dritto nel suo cuore come fai tu. questo è un tuo dono e sono felice che tu abbia ricominciato ad usarlo per stare meglio con te stessa. per favore, continua a scrivere, a disegnare, a far scoppiare coniglietti e pulcini. avrai sempre un posto enorme nel cuore di tutti noi! <3 <3 <3

  3. Io elimino il pompelmo e aggiungo la carota. Così non c’è bisogno di altro zucchero (si, sono sempre io. ho bisogno di un esorcismo). E zenzero perché fa bene. Anche se ho un raffreddore alla settimana e una febbre ogni due.
    Ma chi senefrega, Pasqua è quasi finita (!?) e dopo è tutta discesa, ti tengo per mano io e al limite rotoliamo.

    <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this