Tortine deliziose e leggere con frutta e senza latte

Must Try

Torta alle pesche al profumo di limone

È l'ultimo mese per gustare le pesche e soprattutto per farci le ultime torte, meglio se morbidissime, soffici e profumatissime come questa. È una variazione di Donna Hay e dovresti proprio prenderla in considerazione. L'ho provata anche con le ciliegie e le albicocche e devo dire che il risultato rimane sorprendentemente buono. 

È tempo di un dolce con le Albicocche

Uno dei libri di cucina che amo di più -da un decennio circa- è Le Stagioni di Donna Hay. Non è che ne possiedo tanti di libri di cucina. Li possiedo tutti (risate disperate in sottofondo, grazie regia); tristemente ti rendi conto poi di affezionarti, come in tutte le cose, a pochi volumi. La certezza di trovare qualcosa di vincente ne Le Stagioni mi appaga moltissimo. Lo tengo lì sempre pronto e lui fedele non delude. Proprio per la struttura temporale so già che appena arriva il periodo delle albicocche di sicuro Donna ha sfornato qualcosa di buono. Stessa cosa con le ciliegie, con i pomodori e le zucchine. Quella che ti mostro è una torta che contiene una grande quantità di albumi e che riscuote sempre parecchio successo quando la servo. L’ho fatta negli anni anche con le pesche tabacchiere e le ciliegie. Il risultato è perfetto con qualsiasi tipo di frutto estivo.

Morbidona al latte di cocco

Una nuvola di rara bontà che i miei amici su instagram hanno fatto e rifatto mandandomi foto da ogni parte della Penisola (e posso...

La Crack Pie di Christina Tosi

Si chiama così perché crea dipendenza. Ed è proprio vero perché una volta provata la crack pie non potrai più farne a meno. Firmata da Christina Tosi la Crack Pie ha conquistato il mondo e anche me.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Per 8 tortine circa

(dipende dalla forma)

250 grammi di farina, 130 grammi di latte di riso, 100 grammi di zucchero di canna, 90 grammi di olio vegetale, 3 uova, 1 bustina di lievito per dolci, vaniglia (o cannella) , pizzico di sale e  qualche fettina tagliata sottile di pesca (ma anche amarena, albicocca, ciliegia)

(sono pesche perché questa ricetta e foto risalgono all’anno scorso, bello no? Potete davvero adoperare qualsiasi tipo di frutta. L’ananas insaporito dal limone ad esempio andrà benissimo)

Lavora le uova con lo zucchero per bene. Aggiungi l’olio, il latte, il lievito, la farina e la vaniglia (o la cannella), un pizzico di sale e continua a lavorare. Versa  l’impasto nei pirottini e poggia qualche fetta della frutta che hai scelto (non troppa) dopo aver oliato leggermente e infarinato. Cuoci per 20-25 minuti a 180 già caldo e controlla con lo stecchino. Quando viene fuori asciutto togli dal forno e lascia raffreddare.

 

E’ finita finalmente questa Pasqua? Eviva. Con una v soltanto così rende l’idea benemapropriobene che più bene non si può dell’entusiasmo e della giUoia che mi hanno pervaso nelle settimane antecedenti a questo evento che ho cancellato dal mio calendario personale per dar spazio a una festività alternativa: Esplosione di pulcini e The Little Chickingdead (scritto proprio così), ovvero la storia di una famiglia di Chick Zombie che contamina l’Isola di Pasqua sbranando tutte le pallottole pelose gialle e tonde e tra uova colorate, coniglietti saltellanti (ma ancora per poco, sia chiaro) e nuvole di cioccolato il male assoluto prende il sopravvento gettando nell’inferno inimmagggginabile per crudeltà  l’idillio dei colori pastello (vi odio colori pastello! Vi odio!).

Lasciando spazio a una sola sfumatura: il rouge Noir. Che cola (regia a questo punto si può avere un effetto sonoro breve ma incisivo? grazie tante).

Ma visto che siccome (Accademia della Crusca docet) ho intenzione di farlo diventare un Best Seller insieme a Ombrettina mia (li vedete gli Agnelli posseduti che manco Linda Blair? Bene), non anticipo più nulla.

Con questa piccolissima esplosione di sangue e frattaglie pulcinesche (ecchediamine ho trattenuto sin troppo!) mi sento rinata davvero, adesso; ergo qui si ricomincia a pieno regime. So che c’è una Tombola da controllare (e una in arrivo. Non è che già passato un mese, tranquilli. Sono sempre io che vi confondo con i miei appuntamenti sempre strampalati che accavallo. E soprattutto: quante parentesi sto facendo? C’è un limite?) con relativi vincitori (Aridaje l’altra parentesi. Non ho letto ma ho visto che il mio amore Nicol mi ha mandato riassunto in email. Solo io ho amiche meravigliose di tal tipo, mi spiace). Molte cose da dire, fare sistemare e montare (il Video delle Donne della mia vita una su tutte). Questa settimana capo chino, lavoro duro e pulcini schiacciati tra le mie dita con tanto sangue sul bianco della scrivania che mi daranno il coraggio di impegnarmi ancora di più (quanto tenera è questa dolce Maghetta del web? Fortuna che mi leggete solo in pochi davvero e gli altri guardano le foto romantiche e sobrie. E’ sempre stato il mio punto di forza *disse dimenandosi posseduta tra matite e piume volanti di pulcini tra i capelli).

Insomma che il sangue abb…no. Che l’esplosione della Primavera abbia inizio!

(come sono andata?)

(e soprattutto provateli davvero questi tortini perché ne vale la pena. E hanno pure il coraggio di chiamarmi famosa Food Blogger. Povera Italia. Restiamo uniti amici)

Forse potrebbe interessarti leggere...

8 COMMENTS

  1. Ciao famosa fudblogger,
    i tortini li provo. <3 "Senza latte" è per me oramai codice. Qui altro che esplosione di primavera, pare sia esploso gennaio e che c'abbia aggiunto qualche giorno in più. Tipo che oggi è il 118 di gennaio. Per dire. 118 anche per chiamare chi sai tu, per farmi accompagnare tu sai dove. Provo a far esplodere il termosifone, ché altrimenti do vita al miùsicol di Frozen. Ovviamente con più vetri rotti, schiamazzi e denunce dei vicini. <3

  2. Appena mi passa il dolore al pancino causa pranzokillerpasquale, giurin giurello che li provo!
    Ho giusto un litro di latte di riso che aspetta di essere utilizzato 😉
    ❤️ Cuori pettè ❤️

  3. non vedo l’ora di scoprire cosa porterà questa esplosione di pulcini teneri e pelosetti!! e basta con questi ovetti e colori pastello!! vogliamo penne spennate e sangueeeee!!! buahahahaah!!! (sì, va letta come risata suuuper malefica!!)

  4. Ma poveripulciniiiiii. Vengo a salvarli. Io preferisco far esplodere lagggente.
    (pure più sangue, più frattaglie capiscimi)
    Ma le tortine ho voglia di farle oggi.

  5. vabbè. sono in preda alle visioni. e un bagno di sangue è ciò di cui ho bisogno ora, per lavare come si deve i nervi incordati *____* la primavera mi induce a delinquere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this