Una Torta (Bomba!) al Cioccolato. L’ennesima, sì.

Must Try

Torta alle pesche al profumo di limone

È l'ultimo mese per gustare le pesche e soprattutto per farci le ultime torte, meglio se morbidissime, soffici e profumatissime come questa. È una variazione di Donna Hay e dovresti proprio prenderla in considerazione. L'ho provata anche con le ciliegie e le albicocche e devo dire che il risultato rimane sorprendentemente buono. 

È tempo di un dolce con le Albicocche

Uno dei libri di cucina che amo di più -da un decennio circa- è Le Stagioni di Donna Hay. Non è che ne possiedo tanti di libri di cucina. Li possiedo tutti (risate disperate in sottofondo, grazie regia); tristemente ti rendi conto poi di affezionarti, come in tutte le cose, a pochi volumi. La certezza di trovare qualcosa di vincente ne Le Stagioni mi appaga moltissimo. Lo tengo lì sempre pronto e lui fedele non delude. Proprio per la struttura temporale so già che appena arriva il periodo delle albicocche di sicuro Donna ha sfornato qualcosa di buono. Stessa cosa con le ciliegie, con i pomodori e le zucchine. Quella che ti mostro è una torta che contiene una grande quantità di albumi e che riscuote sempre parecchio successo quando la servo. L’ho fatta negli anni anche con le pesche tabacchiere e le ciliegie. Il risultato è perfetto con qualsiasi tipo di frutto estivo.

Morbidona al latte di cocco

Una nuvola di rara bontà che i miei amici su instagram hanno fatto e rifatto mandandomi foto da ogni parte della Penisola (e posso...

La Crack Pie di Christina Tosi

Si chiama così perché crea dipendenza. Ed è proprio vero perché una volta provata la crack pie non potrai più farne a meno. Firmata da Christina Tosi la Crack Pie ha conquistato il mondo e anche me.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Ingredienti per 8-10 persone circa: 80 grammi di cioccolato fondente nero tagliato per bene, 150 ml di latte intero, 180 grammi di burro non salato morbido, 250 grammi di zucchero di canna, 3 uova, 250 grammi di farina, 1 bustina di lievito per dolci, 80 ml di panna. Per il ripieno come nella Sacher una marmellata sta benissimo per spezzare un po’ il gusto cioccolatoso quindi albicocche, mirtilli, lamponi, fragole o ciliegie. Per la copertura una ganache scemplissima. La mia era semplicemente composta da cioccolato fondente stemperato con un po’ di panna. Per la guarnizione in questo caso ho adoperato delle arance candite ma stesso discorso per il ripieno. Largo sfogo alla fantasia.

Preriscalda a 190. Sciogli il cioccolato con il latte a fuoco lento e poi lascia raffreddare, meglio se a bagnomaria. Amalgama il burro e lo zucchero in una ciotola e quando l’impasto è soffice e leggero aggiungi le uova una alla volta e sbatti dopo ogni aggiunta. Setaccia la farina insieme al lievito e incorpora delicatamente mescolando con cura. Aggiungi poi il latte con il cioccolato sempre lavorando per bene e inforna per 35-40 minuti controllando con uno stecchino. Se vien fuori asciutto la torta è pronta. Lascia raffreddare. Poi aggiungi eventuamente il ripieno di marmellata dopo aver proceduto al taglio e ricopri con la ganache se preferisci. Una preparazione base (bomba! Cioccolatossisssima!) che puoi riempire, adornare, coprire come più ti piace e in svariati modi. Ne basta un micro pezzetto per andare in overdose.

La verità è che era inverno quando sfornavo questa torta; credo fosse addirittura Gennaio se non Dicembre. Non pare proprio neanche il caso di riesumarla adesso in tutta la sua sconvolgente cioccolatosità ma svuotare l’archivio e programmare ricette atemporali è un po’ il mio tratto distintivo, no? Come fare andare la polenta calda calda con salsiccia e formaggio a ferragosto e due spaghettini di alga a Capodanno (del resto a Capodanno chi è che parlava di Crudismo tra piatti regionali e strutto spalmato sulle tempie? Sì sto fischiettando, ridacchiando).

Ricordo di questa torta gli occhi fuori dalle orbite di chi l’ha provata. Il risultato è esagerato e talmente cioccolatoso che pure chi ne è amante non può che collassare al grido di basta più. Corposa, resistente al palato e persistente pure. Credo che  anche dopo tre lavaggi con il Marvis alla cannella, liquirizia e menta, due giri di Listerine e trenta passate con il filo interdentale si odori ancora di cioccolato. Importante per questo sceglierne uno davvero buono e non eccessivamente commerciale o zuccherato. La qualità (come sempre del resto) farà la differenza e uno amaro, considerato che vi è lo zucchero anche in generosa presenza, farà al caso nostro.

Delirio cioccolatoso e ricette atemporali a parte, la cosa più interessante da dire oggi è solo una. Quando ho pubblicato questa foto, parecchio tempo fa nei diversi social, solo una domanda (giustamente) mi è stata posta ed è: ma il piatto con il Bianconiglio dove lo hai comprato? Presto detto. Lo scrivo anche qui, che non si sa mai possa essere d’aiuto a qualcuno che volesse fiondarsi nella ricerca: H&M Home. Che da quando hanno aperto lo shop online è stata la fine per noi cosedacasaaddicted. In pratica ho alzate nell’armadio. Bicchieri nel mobiletto del bagno. Calici dentro l’asciugatrice. Posate nel box doccia. Ma non importa. Per le cose davvero utili e importanti (e soprattutto NECESSARIE) lo spazio si trova sempre, no?

(devo mandare fuori da qui il Nippotorinese. Mi occupa troppo spazio. Gli ho concesso pure un cassetto nella cabina armadio che potrei sfruttare per i portatovaglioli graziosissimi di H&M Home. Devo intervenire!)

Altre Torte al Cioccolato?

Forse potrebbe interessarti leggere...

15 COMMENTS

  1. ecco sì, io ti stavo per scrivere del piatto. Caldo o non caldo, bomba o non bomba questo sarebbe il momento giusto per tuffare la faccia dentro il cioccolato, come nelle gare di chi mangia più veloce, sì.

  2. ogni momento è giusto per il cioccolato, figuriamoci per una torta così.
    mi stai mettendo alla prova io te lo dico.

  3. Questa e’ una torta, c’è poco da dire. La star delle torte, la principessa. Le altre torte le chiederebbero un selfie

    • Luci mia come stai? <3
      Io spero che nelle prossime settimane.
      Io spero.
      LO SPERO.
      Di poter avere un minimo di respiro perché gli ultimi due mesi. ASSURDI.
      Ho pure dimenticato di organizzare le tombole.
      Ho pure dimenticato di mandare i premi della scorsa (e non so neanche chi ha vinto SPARAMI)
      e non chiacchiero.
      con te.
      contutti.
      datantissimo.
      SPARAMITIPREGOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

      • Non preoccuparti Iaia mia… anche per noi è un periodo delirante, divisi tra Rimini e Ancona, con un sacco di lavoro da sbrigare e millemila cose da fare… Organizzeremo le tombole, controlleremo quelle passate e chiacchiereremo, te lo prometto! Fammi passare le prossime due settimane e ti aiuto io, promesso! Ti voglio bene!!! <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this