1 Ottobre? La Torta del Diavolo (cioccolatosissima)

Must Try

12 Ricette dolci facili, veloci e divertenti per Halloween

La ciambella dell'assassino, pupazzetti di Halloween, Le mummie con tanto cioccolato, Il tiramigiù di Halloween, Gli immancabili S'more, i ragnetti dolci, i cerotti insanguinati, gli occhi insanguinati, la merenda di Halloween, i tre dolcetti più facili e gustosi e i muffin vegani al cioccolato per un Halloween indimenticabile.

6 (e più) idee facili e veloci per arredare la casa a Halloween

Nella playlist Halloween del mio Canale Youtube trovi sessanta video dedicati ed è in continuo aggiornamento (ricoveratemi, sì). Ho deciso di raggrupparne sei, girati lo scorso anno, per idee velocissime e carine dell'ultimo minuto. Basta davvero pochissimo per rendere l'atmosfera unica e indimenticabile. Ti confesso che non sono ancora riuscita a intagliare una zucca o ad appendere una piccola ragnatela per casa. Il primo anno in assoluto (shhhh non dirlo a nessuno) che non riesco ma. Mai demordere! Entro sera cercherò, tra dita mozzate e dolcetti di ogni tipo e sorta, in qualunque modo di rendere accogliente la mia casetta per tutti gli adorabili mostri e fantasmi che vorranno presentarsi e cenare con noi. Nel frattempo magari faccio un bel ripasso anche io con questi video, che non guasta!

5 drink salutari e buonissimi per Ottobre (e Halloween!)

Ecco cinque bevande salutari, buonissime e facili da preparare per l'Autunno, o più nello specifico per l'imminente notte di Halloween. Purtroppo non sono riuscita...

Graham Cracker (vegano) per fare gli S’more

Di questo libro, regalo prezioso del mio amato amico Stefano, Cioccolato Vegan della Costigan ho parlato così tante volte (anche su youtube) che proprio...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

La Ricetta

Ungi e infarina 2 stampi da 20 centimetri di diametro e foderali con carta da forno. Versa il latte in una ciotola e aggiungi il succo di limone. Lascia riposare un’ora. Setaccia la farina con il bicarbonato e il cacao. Monta in una ciotola il burro ammorbidito e metà dello zucchero con una frusta a mano fino a ottenere una crema spumosa: unisci le uova, il resto dello zucchero, la farina con il bicarbonato e il cacao e quindi poi il latte poco alla volta. Divide il composto nei due stampi e fai cuocere a 190 per 30 minuti, ultima la cottura e lascia intiepidire le torte prima di sformare. Per la farcia fai sciogliere il cioccolato spezzettato a bagnomaria o nel microonde senza farlo cuocere. Aggiungi lo zucchero e la panna acida e mescola bene. Taglia ogni torta a metà in senso orizzontale in modo da ricavare  4 dischi. Disponi il primo disco su un piatto da portata e spalma la farcia. Sovrapponi e  procedi così fino a coprire anche la superficie ultima della torta.

Quanto ho aspettato questo mese. Quanto. Vivo nell’attesa che venga Ottobre. Di dimenticare Novembre e aspettare Dicembre. Vivere a metà Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile. Cercare di non morire a Maggio. Detestare Giugno, Luglio, Agosto e Settembre. A ben pensarci sono solo due i mesi in cui vivo davvero. Il resto è attesa e resistenza. Me ne sono resa conto solo quest’anno: Ottobre e Dicembre. L’incubo che riconduco a Halloween e il sogno a Natale. Fiabe e Horror. Inconsciamente tutto questo. Una distrazione voluta? Forse. Perché credo di averlo sempre saputo se spremo un po’ il cuore. E quindi l’uno ottobre è arrivato. Da quando esiste questo posto il primo di Ottobre si è sempre cominciato a parlare di Halloween. E perché lo faccia in modo così eclatante, come una grande festa, chi mi legge da un po’ sa che è in ricordo di lei: Agata; che ha passato il suo ultimo Halloween con me. Con un cerchietto ad ali di pipistrello dicendomi che tutti. Tutti gli Halloween della sua vita avrebbe voluto passarli con me. Non ho nessun altro motivo per farlo. Ed è quello francamente più importante. Continuare a stare con lei dedicandole sorrisi nella notte più cupa dell’anno.

Ho voluto cominciare con la Torta del Diavolo. Poteva non essere di cioccolato? L’ho trovata in un vecchio libro. Un mappazzone abnorme di cioccolato. Due strati che diventano quattro spazi da riempire con altrettanto cioccolato. Uno di quei grattacieli nauseabondi che non lo sono affatto per gli amanti vogliosi e instancabili dell’oro nero. Bastano due quadratini di pasta di zucchero rossa a completare l’opera rendendo così diabolico, non solo caloricamente parlando, il tutto.

Un’idea non eccessivamente estrema come mi è solito mostrare nelle elaborazioni halloweenereccie. Si potrebbe scomodare pure il termine: per un Halloween Glamour? Uhm. Forse. Basta un’alzatina, un tovagliolo ricamato e un piatto antico che mi ha regalato la zia Immacolata. Una palettina d’argento sottratta a mamma, felice sempre che le manchi qualcosa in casa a causa mia, e una di quelle orchidee che ti fanno tornare il sorriso.

Ho aspettato tanto l’uno Ottobre. E per trecentosessantacinque giorni mi sono chiesta dove sarei stata e come. Con chi e soprattutto se ne fossi stata sicura. Ho capito anche che non tiro mai le somme a Gennaio e Settembre, come la stragrande maggioranza. Ho capito che il mio capodanno è l’uno Ottobre e l’uno Dicembre. Che mi prefiggo gli obiettivi più importanti e mentre fingo di attenderli e studiare le mosse, ho già capito tutto.

E ho capito che ogni anno nonostante il diavolo ci metta la coda per cercare di annientarmi e distruggermi. Farmi credere che sia tutto finito e triste: rinasco. Più forte, cosciente e sicura che non devo farcela. Perché ce la faccio costantemente.

Spero di tenerti compagnia e che tu abbia voglia di passare anche questo Halloween con me. Io ne ho davvero moltissima.

Forse potrebbe interessarti leggere...

8 COMMENTS

  1. il primo ottobre è nato quel biondo di mio fratello.
    e quella torta è terrorizzante. o la guardi da lontano e la desideri. o la mangi e ti incolla la bocca, ti intasa la gola e ti soffoca i polmoni e le arterie.
    io sono pronta pure se pezzi di me restano indietro. ma con te ci sono sempre e interamente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this