I Zaeti in Veneto. I Gialletti a Bologna (delle Sorelle Simili)

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Zaeti con uvetta in Veneto e senza a Bologna. Gialli. E mi viene in mente Sin City, che vorrei rileggere. E’ normale, giusto?

Questa è la versione senza uvetta delle Sorelle Simili. Biscotti antichi di quelli che non bastano mai. Semplici e che racchiudono ricordi. Arriva Natale e la voglia di biscottare a dismisura. Perché c’è qualcosa di diverso che si vuole fare? Se sì non dirmelo, ti prego. Ho bisogno di avere poche certezze ma buone. Fare biscotti è creare in un momento. Diventa per certi versi un’azione quasi meccanica. Una tutela per te stessa. Dimentichi, ricordi, ti crogioli, sorridi e tra esaltazione e tristezza prevale quell’irrefrenabile voglia di farlo ancora e ancora. Di profumare casa per allontanare odori brutti. Di preoccuparti per chi ami. Di confezionare pacchettini e con un sorriso regalare questi piccoli esserini che nascono tra le tue mani con la forma che decidi tu. Che se vengono male ricominci e impasti di nuovo. Che se vengono male non te lo fanno pesare. I biscotti ti vogliono bene comunque vada. Qualunque forma tu decida di dar loro. Sono accondiscendenti, i biscotti.

I biscotti sono la pura arte della creazione come forse niente altro in cucina. Se dovessi dire una azione preferita, nel luogo magico per eccellenza, forse si tratterebbe proprio di queste creature magiche e buone. Già il nome -cotti due volte- mi fa sempre sorridere. Si fa il bis di cotto. Si fa il bis di relax e pure di felicità, su. Esageriamo.

E non se ne ha mai abbastanza.

La Ricetta

  • 300 grammi di farina di mais fioretto
  • 150 grammi di farina 00
  • 120 grammi burro freddo da frigo
  • 50 grammi di strutto
  • 180 grammi di zucchero a velo
  • 5 grammi di lievito chimico
  • 2 uova
  • 1 limone e la scorza grattata
  • un pizzico di sale

Setaccia la farina con il lievito e mescola al fioretto. Spezza il burro e lo strutto e sfregali con la farina. Fai la fontana e metti al centro lo zucchero, le uova, il limone e il sale. Impasta velocemente. Metti in frigo avvolto in pellicola per almeno un’ora. Tira la pasta e ricava i biscotti che preferisci. Io ho deciso di fare delle piccole palline e allungarle un po’ con le mani. Inforna a 180 già caldo per 12-15 minuti, dipende chiaramente da forma e altezza.

Perché poi ho l’ho sfogliato e mi ci sono persa un po’ in questo libro pieno di tradizione. E ho deciso che fosse giunto il momento di cominciare. E perché no da un tè con biscotti? Con la voglia smodata di Poirot, plaid e caminetto. Quello di mamma. Ma anche di Sin City. Voglia di mistero e avventura unita alla quiete di casa e ricordi. E di ricominciare a creare, sfornare e regalare. Sorrisi principalmente. Sempre e solo in questo disequilibrio che è l’unico equilibrio a me conosciuto.

Provali. Sono piaciuti molto. E se ti va fammi sapere che forma gli hai dato. Che libro hai letto poi. E se sono venuti gialli e lucenti come l’oro.

Forse potrebbe interessarti leggere...

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this