Le meringhe (vegane) con l’acqua di ceci

Must Try

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

meringhececi

La Ricetta

  • 150 grammi di acqua di cottura di ceci
  • 150 grammi di zucchero semolato bianco
  • 150 grammi di zucchero a velo (preferibilmente fatto in casa)
  • una goccia di limone
  • Si può adoperare lo zucchero di canna-grezzo-integrale-quellochepreferisci e il risultato è pressoché uguale. Il colore delle meringhe chiaramente non sarà bianco assoluto come queste.

Fai montare l’acqua di ceci all’interno di una planetaria. Aggiungi -quando il composto è quasi del tutto montato- pochissime gocce di limone senza mai smettere di far lavorare le fruste. Aggiungi poi pian pianino sempre lavorando lo zucchero semolato e infine quello a velo. E’ importante inserire i due tipi di zucchero pian piano e lasciandolo amalgamare per bene prima di buttarne ancora giù. Una volta ottenuta una crema consistente tanto da rimanere ferma se il contenitore viene capovolto prendere una sacca da pasticcere o fare delle semplici quenelle con l’aiuto di due cucchiai e disporre le meringhe su carta da forno. Distanziale un po’ anche se non cresceranno di moltissimo.

La cottura

100 gradi ventilato per 60-70 minuti. Abbassare a 80 gradi e proseguire per 70-80 minuti.

 

A Natale è arrivata Piola, ovvero la sorella del Nippotorinese unita a me nell’incessante lotta volta a distruggerlo. Non per niente ci chiamiamo socie da un decennio. Non siamo ancora riuscite a portare a termine la missione ma è apprezzabile l’entusiasmo che mai affievolisce. Piola e io siamo però anche molto legate dall’amore per il food e lei è davvero una cuoca provetta (ti sei perso il nostro polpettone vegetariano? Se ti fa piacere puoi rimediare cliccando qui). Quando siamo insieme -soprattutto per le feste- sfogliamo libri, guardiamo masterchef e ci raccontiamo cosa abbiamo cucinato e quello che abbiamo in progetto. Atterrata da Torino con il suo strepitoso panettone gastronomico al formaggio che manda in delirio Nanda (prima o poi lo farò) mi ha sin da subito aperto un mondo. Ora io lo so che da me ci si aspetterebbe sempre un mood “al passo coi tempi”. Dovrei stare sul pezzo lato vegan food (ho sempre sognato scrivere “dovrei stare sul pezzo”. Comincio il 2016 davvero bene) ma tra una cosa e l’altra è chiaro che molte chicche sfuggano. Confesso poi che da più di un anno mi diletto più in letture raw-crudiste. Qui mi immaginano già abbracciare alberi e ingurgitare solo semi di canapa.

Le dico che ho in programma tutta una serie di torte con l’utilizzo dei legumi e in particolar modo i Brownies al cioccolato con i ceci e i fagioli di soia quando all’improvviso la domanda:

“ma le meringhe con l’acqua di ceci le hai mai fatte?”

Immaginami adesso come una mucca che guarda i treni passare e avrai la fotografia di quel momento.

No che non le ho fatte, dico isterica con già in mano dei barattoli di ceci infilando la spina del Kitchen Aid. E mentre parlavamo delle proprietà proteiche dell’acqua di ceci -e disquisivamo se il sale si sarebbe sentito oppure no- avevamo già l’acqua di ceci a montare. Ha dell’incredibile la vicenda, eccome. Il risultato è talmente sorprendente che nessuno potrà trattenere lo stupore. L’acqua di ceci monta in modo simile all’albume (e sembra proprio albume!) sia per colore che per consistenza. Quando si aggiunge lo zucchero poi: Magia. Ci sono diverse considerazioni da fare e per farle in modo più ordinato procedo per punti.

meringhececi2

Considerazioni e Blateramenti

  • Ho fatto diversi esperimenti e non è assolutamente vero -con queste proporzioni- che l’acqua di ceci seppur salata alteri il sapore delle meringhe. Per intenderci: provando con una scatola di ceci classica da supermercato sono venute perfette. Chiaramente con un prodotto di più alto livello si otterrà un risultato migliore (soprattutto lato salute) ma in termini di gusto poco cambia (detesto ammetterlo ma è la verità, uff)
  • Se adoperi l’acqua di ceci preparati da te (dopo ammollo per una notte- a fuoco dolce- senza sale e spezie) ricorda di ridurre il brodo per far sì che non contenga eccessivamente acqua. Per farlo devi scolare i ceci e poi rimettere sul fuoco il brodo in modo che si riduca. Lascialo raffreddare completamente prima di montarlo.
  • Il limone -seppur molte ricette prevedano di adoperarne mezzo- stabilizza la massa che si va a creare. Abusarne potrebbe compromettere la consistenza delle meringhe. Quando ne ho usate pochissime gocce le meringhe si sono cotte perfettamente. Liscissime fuori (ma quello dipende dalla temperatura e se hai o messo o no il cucchiaio per lasciare aperto il forno come nella classica preparazione delle meringhe con albume per intenderci) e croccanti dentro. Da Natale ne ho sfornate diverse e quelle di Natale ancora oggi (11 Gennaio) sono perfette.
  • Le meringhe se conservate nella latta rimangono perfette per 20 giorni se non più. Proteggerle dall’umidità o dagli sbalzi di temperatura è l’unica cosa da fare. Non essendoci poi le uova -e scadenze da rispettare nonostante la cottura e le varie correnti di pensiero a riguardo- tutto sembra ancor più un idillio no?
  • Perché accade la magia? Per via delle saponine o saponosidi: glicosidi terpenici di origine vegetali che sono in grado di abbassare la tensione superficiale in soluzioni acquose e sono capaci di formare soluzioni colloidali schiumeggianti e si possono usare come emulsionanti (Santo Wiki pensaci tu!).
  • Altri legumi possono essere adoperati per la creazione di questo determinato tipo di meringhe, soprattutto la famiglia dei fagioli. Non ho ancora provato ma manca poco e sarai chiaramente il primo a saperlo (seguirà videoricetta sul mio canale Youtube sia di questa versione che di quella fagiolosa)
  • La cottura deve essere prolungata e a basse temperatura come nella classica preparazione della meringa. Ho adoperato il ventilato e non ho messo il cucchiaio. Sono venute lisce e perfette.
  • La crema di acqua ceci e zucchero è buonissima servita così anche come dolcetto. Non sono una che assaggio l’impasto (MAI!) ma questo è davvero delizioso. Una mousse delicatissima che se arricchita da frutta secca e fresca può riservare piacevolissime sorprese.
  • L’intenzione ora è quella di adoperare questo composto a neve per la realizzazione di macaron, ciambelle, tiramisù e non in ultima una pavlova vegan che mi frulla in testa da quando ho sfornato la prima volta queste delizie.

Questa ricetta, confesso, come poche volte mi ha lasciato esterefatta. Non riuscivo davvero a credere al sapore e alla consistenza. Pur non essendo mai stata una grande appassionata di meringhe – e tuttora mi riconfermerei tale- questa incredibile magia mi ha ricordato quanto può sorprenderti ogni giorno. Le incredibili meraviglie che ogni cibo e sapore celino. Una lezione di chimica non noiosa unita a una incredibile creatività, conoscenza e divertimento. E’ proprio vero che non si finisce mai di imparare, entusiasmarsi e scoprire. Soprattutto nelle piccole cose. Le più importanti.

Quello che le foto non dicono

  • La tovaglietta è un regalo prezioso di Kristina, la mia amata amica polacca che adesso mi lancia kruvke dalle nuvole. Ciao Kri, questo dolce è per te.
  • L’alzata è di Maison du Monde
  • La meringa mancante l’ha rubata Koi dal set fotografico (non mi interrogo più su cosa potrebbe essere trovato all’interno dell’intestino di un labrador)
  • I ceci abilmente (vabbè) messi lì per la foto me li sono poi spatolati in un nanosecondo con tanto limone, sale e pepe. Dopo pranzo al posto del caffè, sì (non mi interrogo più su cosa potrebbe essere trovato all’interno dell’intestino di una sicula esaurita).

 

La Videoricetta

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

18 COMMENTS

  1. Iaia io aspetto la ricetta del panettone gastronomico (versione di Piola ovviamente) che mi ispira un sacco e ne ho sempre sentito parlare,ma che non ho mai provato …le meringhe le salto che sono troppo dolci 😀 :*

  2. meno male le meringhe non mi piacciono molto, sennò sai con la scusa che mangiate di ceci? (ecco, mi rovino le cose pure da sola)

  3. una ricetta stupenda! grazie! proverò a fare una pavlova anche se mi ispira molto anche l’idea dei macaron…
    grazie anche per la lezione di chimica (che ho sempre adorato!)

  4. FATTE!!! sono squisite! grazie grazie grazie per la ricetta, la spiegazione tecnica pratica e chimica : sempre tutto molto interessante.

  5. […] Con  i ceci facciamo le meringhe e con i fagioli facciamo Brownies, giusto? In molti si troveranno a storcere il naso e inveiranno contro lo schermo al grido di “Amaghèfallafinita”, indistintamente da qualsiasi parte di Italia. Il fatto è che anche io ero incredula. Molto meno delle meringhe con l’acqua di ceci confesso. Non avevo idea che mi sarei letteralmente rovinata. Non solo li ho mangiati TUTTI io ma ho dovuto pure rifarli nel pomeriggio stesso perché da un piccolo assaggio chiunque ne era rimasto colpito. Sono dei brownies al cioccolato che si possono tranquillamente “spacciare” per normalissimi Brownies. Nessuno capirà mai che sono vegani innanzitutto. Nessuno crederà mai che ci siano dei fagioli dentro. Trovo che sia un ottimo metodo per provinare legumi anche ai più piccini no? Si sa che i bimbi non fanno di certo salti di gioia alla parola “fagioli!” ma arrivati a “torta al cioccolato!”fanno di quei balzi che neanche i volpini pelosi sul balcone alla vista di una barboncina cotonata. […]

  6. […] La Ricetta 150 grammi di acqua di cottura di ceci 150 grammi di zucchero semolato bianco 150 grammi di zucchero a velo (preferibilmente fatto in casa) una goccia di limone Si può adoperare lo zucchero di canna-grezzo-integrale-quellochepreferisci e il risultato è pressoché uguale. Il colore delle meringhe chiaramente non sarà bianco assoluto come queste. Fai montare l’acqua di ceci all’interno di una planetaria. Aggiungi -quando il composto è quasi del tutto montato- pochissime gocce di limone senza mai smettere di far lavorare le fruste. Leggi la ricetta completa su Gikitchen […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this