Sei Ricette con la zucca: colazione, pranzo, merenda e cena

Must Try

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Che io sia un’invasata lo sanno tutti. Che io sia un’invasata dalla zucca, pure. Detesto la Primavera e l’Estate e il mio cuore appartiene all’Autunno e l’Inverno. Altrimenti non sarei nata il dodici dicembre, tzè. Sono una sicula svizzera io, mi è stato detto. Precisa e organizzata sono arrivata al termine del mio amato Autunno, che odora di zucca e castagne dipingendo tutto finalmente di colori bui, e all’inizio del magico Inverno, che getta un colpo di gomma bianca su tutto e illumina con milioni di lucette colorate. Vorrei che l’Autunno e l’Inverno non finissero mai. In un perpetuo. Non sono fatta per fiorellini e farfalle e mare affollato da gente bizzarra. Amo il mare in tempesta con un giubbotto di pelle addosso e sogno di perdermi in quelle distese americane dove vendono le zucche. Sogno la stanza di Halloween di Hugh Hefner e uno scheletro gigante alla porta che danza trick or treat che poi sarà sostituito da un Babbo gigante che in loop intona Oh Oh Oh.  Starei insomma a tirar dentro e fuori Scheletro e Babbo Natale e Scheletro e Babbo Natale in continuum per l’Eternità. Che poi ad Aprile tiro fuori solo i fazzoletti per l’allergia e in Estate i telecomandi per il climatizzatore che mi permettono di mantenere i sedici gradi come fossi la reincarnazione di Michael Jackson. Perché risparmio solo così con l’antirughe, eh. Sedici gradi e felpina leggera, niente sole e avocado in faccia. Che dici? Mi sto dilungando, FORSE?

Oggi ti propongo quattro (più due sul finale, a sorpresa) ricette con la zucca, che spero possano interessarti. Le ho già pubblicate sul mio Canale Youtube e qualora ti facesse piacere puoi trovarmi qui e sono, soprattutto il Pumpkin Spice Latte e il Porridge, tra le mie preparazioni preferite.

Porridge speziato alla zucca

Il porridge, diventato ormai simbolo della colazione su RunLovers (nel bene e nel male), anni fa qui era un ciotolone davanti Dowton Abbey che mi ricorda la mia Vale. E nel cuore questo è rimasto. La versione con la zucca non è molto diffusa ma ti stupirà e grazie alla dolcezza di questa potrai evitare di dolcificarla. D’accordo che sono sicula e la granita non si tocca ma come si fa a resistere a questa bontà? L’anno prossimo frullo il porridge alla zucca e ci faccio una granita. A costo di essere ripudiata definitivamente dalla mia terra natia. Sono disposta a tutto! Anche a fare la brioche col tuppo alla zucca. Integralistitrinacriosi non vi temo!

Quinoa di Timilia integrale con la zucca e timo

Pumpkin Spice Latte

Del latte speziato con la zucca allo stile di Starbucks, al secolo come conosciuto come Pumpkin Spice Latte, ne ho parlato su RunLovers. Mi è accorsa in aiuto anche Veruska Anconitano, che tutti conosciamo come “La cuochina sopraffina”, che ti spiega come fare anche lo sciroppo di zucca da conservare in modo da non dover ogni volta eseguire la preparazione. Ti rimando quindi all’interessantissimo articolo di Veru; che tra l’altro ha in archivio tantissime ricette gustose con la zucca. Di questo latte mi sono perdutamente innamorata. Non ho avuto una bella esperienza con Starbucks l’unica volta che ci sono andata, anche perché diciamocelo essere in giro per il mondo e cercare Starbucks come se fosse di vitale importanza, o ancor peggio cercare disperatamente la tazzina o la tazza o xxxx da portare in casa, è una roba troppo gggiovane per me. Ma di questa mia antipatia ne ho già parlato e riparlato e non credo ci sia bisogno di approfondire. Su RunLovers trovi la ricetta spiegata passo passo mentre qui sotto nel video ti mostro quanto effettivamente sia facile prepararlo. Certo è che l’unica operazione lunghetta potrebbe essere la preparazione della polpa di zucca. Ha un gran vantaggio però la polpa di zucca: conservata ermeticamente regge bene anche per 4 giorni in frigo e poi prepararla significa solo metterla su carta da forno. “Ehhhh ma la devo pulire”. Ho sentito che l’hai detto! Lo so è snervante e partono pure due dita (a me succede sempre grazie alla mia svampitaggine) ma si trova anche bella pulita e in confezioni piccoline. Ci sono i barattoli che non contengono zuccheri e schifezzuole. Insomma poche scuse! E poi la zucca fa benissimo alla salute.

 

Torta salata veg con zucca e ragù di seitan

Il metodo “frullo l’hamburger finto che non sa di niente” ti stupirà. Avrai davvero poche scuse per dire che “non sa di niente”, tzè. Impazzirai! Chi non sa cosa esattamente ci metta dentro -segue risalta malvagia- rimane sempre stupito. Il fatto è che questi hamburger alla cipolla sono qualcosa di poetico e insieme alla zucca riescono a sprigionare ancor più il meglio del loro sapore. In questo modo, aggiungendo la zucca intendo, si possono “ricomporre” in formato hamburger dopo aver aggiunto la zucca. Sì, l’ho fatto e nonostante fossi io stessa perplessa del metodo improvvisato ne sono rimasta rapita. Un’idea carina sarebbe quella di adoperare questo ripieno per dei cornetti. Sarà per questo che quelli che ho pubblicato diversi anni fa hanno avuto un successo clamoroso. Non vorrei dire una scemenza delle mie ma credo di averli messi anche sul Libro per Colazione da Tiffany. Lo so che stai fissando il monitor chiedendoti: “ma non ti ricordi che ricette hai messo sul tuo libro?”. No. Le ricordo generalmente ma solo in quei rari casi in cui sono vagamente capace di intendere e volere.

 

Lo metto un altro delirio?

Forse potrebbe interessarti leggere...

7 COMMENTS

  1. Ciao stellina…. ci sono eh! Ogni tanto passo a vedere che proceda tutto bene, apro le finestre, faccio entrare un po’ di luce, sistemo i cuscini… ci avviciniamo al Natale, sto iniziando a preparare i biscotti e non vedo l’ora di ritrovarci tutti qui, insieme… <3

  2. Ok io quest’anno ho mangiato solo una volta la zucca in un dolce buonissimo… dici che è grave? devo recuperare???
    Naturalmente tanti baciiiiiiiiii per te!!! :*****************

Rispondi a Sibyl Biscuit Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this