(Avrò) Cura (di te) – La nuova sezione di Maghetta.it

Must Try

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Organizziamo i pasti per vivere sereni, felici e in salute, soprattutto

Ehhhhh. Sono tornata! E lo dico con voce da Freddy Krueger quando tutti credevano fosse finito a pezzetti nella fornace e invece. Con la...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

È arrivato il giorno,  21 Agosto (il contrario di 12, sì) e io non vedevo l’ora di aprirti una nuova porta del Maghetta.it. Mi forzerò di essere sintetica, prometto.

Oggi ti parlo di: Cura.

Da sempre ho voluto rendere Maghetta una sorta di casa dove trascorrere del tempo insieme. Mi sono fermata alla cucina semplicemente perché i lavori sono andati a rilento, per vicissitudini personali. La cura è, come concezione, un omaggio a quell’ “Avrò cura di te” di Franco Battiato, perché sa di origini e certezze. È un posto dove si ha cura delle cose. Degli oggetti sì, ma soprattutto del corpo e della mente. È un hammam dove sciogliere negatività e rinascere. All’inizio di questo percorso vedrai solo me, ma come ho sempre sognato non sarò sola e si aggiungeranno -come nei più indimenticabili viaggi favolosi, come nel Paese delle Meraviglie e Oz- compagni di viaggio e di vita. Dopo la cucina e le chiacchiere ai fornelli passiamo insomma al salotto per chiacchierare di film e libri, al bagno per una maschera naturale all’argilla, nella cabina armadio per guardare un po’ le borse preferite e gli ultimi acquisti, nel laboratorio per un do it yourself o l’ultimo disegno. Passando per il giardino e giocando con Koi. E non finisce qui.

Io non sono una food guru e non lo sarò mai. Io non ho aperto un blog per cambiare vita e avere un mestiere perché non ho mai voluto cambiare nulla della mia vita. E un mestiere, fuori dalla rete, ce l’ho. E ne sono grata, felice e onorata. Tutto questo è necessario per la mia anima. Per ricordarmi che riesco a non mortificare mai la mia essenza creativa e creatrice (e per sfogarmi, dai). Non sono insomma una food blogger, una beauty guru, non sono una figura che ti insegna qualcosa (e non mi piacciono i titoli, si è capito). Io ti faccio compagnia e sogno con te, questo sì. Una Dream Guru? Possiamo coniarlo?

È un’idea che ho da sempre ma poi con il canale Youtube ho capito che davvero ti interessava saperne di più di Koi, della maschera in tessuto e dei miei aggeggi di cartoleria, del mio ultimo aggeggio elettronico, delle mie app preferite e dei miei modi strambi di catalogare tutto ma con il famoso “tassello mobile” che ribalta tutto. Davvero ti interessava capire come avevo sistemato i cassetti e come avevo sistemato il salotto. E incredibilmente mi ringraziavi per le idee; quelle che io non potevo mai immaginare ti sarebbero state davvero utili. È inutile immergermi nella filosofia più spinta del cyberspazio perché non ne ho competenza ma ormai siamo tutti qui a cercare su Pinterest qualsiasi cosa, su Youtube un tutorial e su Google qualcosa che non conosciamo. Lo faccio io costantemente e suppongo anche tu. O perlomeno la stragrande maggioranza. La vita si è spostata anche qui tra questi tasti, lettere e immagini. Non c’è più un divario netto tra reale e virtuale. Una vita fatta di continui input che ti fanno a volte saltare il cervello per il sovraccarico di informazioni. Ci sono poi angoli in cui ti senti a casa, però. Capita anche a me. Mi sento a casa guardando i disegni di Ombretta e le foto delle giornate di Giulia. Mi sento a casa guardando il mare che postano Ale e Cri. I centoquaranta caratteri di Stefano. Le illustrazioni di Martino. E le corse di Sandro.

Ecco io vorrei che tu provassi la stessa cosa con me; che qui ti sentissi a casa, tra un sovraccarico di informazioni e altro. Vorrei che tu entrando qui sfogliassi anche molto svogliatamente tutto. Come quando ti lanci sul divano e non ne vuoi sapere di più. E troverai, oltre che torte e dolcetti ad aspettarti corredati da deliri, anche me che ti mostro l’ultima borsa, ti parlo del mio nuovo progetto della Cucina vittoriana, o passo con i bagel in mano e la maschera in tessuto all’avocado. Poi mi fermo e ti dico: ma sai che quella della Sephora non ha nulla a che invidiare a quella di Tony Moly?

Vorrei essere un po’ casa tua nella rete. O anche solo una piccola stanza, dai. Una casa è troppo, scusa. Un rifugio sicuro. Io non sono migliore di te e te lo ripeto da quanti anni? E non lo faccio per fare la piaciona, perché sono molto sicura di me come donna e professionista, ma perché lo sento. Il giorno che non lo sentirò più semplicemente pagherò il dominio -per affetto- maghetta.it e ci sarà la scritta: arrivederci. Io non sono migliore di te. Non ti insegno niente. Non voglio influenzarti in nulla, però ecco mi piacerebbe che tu venissi qui con la certezza di trovare una vecchia amica chiacchierona che delira. Che quando digiti l’indirizzo ti venga in mente sorridendo: vediamo che ha combinato oggi quella scema di Iaia?!

Sarà, come sempre, basato tutto sul “Blog vecchio stile”, ovvero quello della chiacchierata poco formale e per nulla professionale. Farò come nel food ho sempre fatto: cucinando con i prodotti che compro e scelgo io. Parlandoti delle cose che compro e scelgo io. Libera di chiacchierare, senza hashtag, senza rimandi a link, senza copia e incolla, senza codici sconto e nulla. Voglio ancora una volta non fare delle scelte seguendo una linea comune, o comprensibilmente un modus perché ci si lavora e ne ho pieno rispetto, ma seguendo la mia linea. Sempre e comunque. Il mio modo di pensare ed essere su tutto. Qualora mai dovesse succedere che io abbia accordi con aziende, credo sia davvero superfluo ribadirlo ma lo faccio, l’Ad sarebbe font 890 glitterato e lampeggiante pure. Potrebbe succedere, per carità. Non metto le mani avanti ma proprio perché siamo nel presente di certo non posso decidere il futuro. Lo specifico perché nella Cura vedrai prodotti beauty, di moda, di casa, qualsivoglia oggetto e non vorrei mai che tu pensassi che abbia fatto un ammasso di deliri dettato da chissà che intento. Posso dirti che non ho atteso la normative attualmente in discussione per pensare di dover informare un’eventuale “pubblico” (pardon, odio il termine), perché a volte non serve la legge ma solo il buon senso e la correttezza.

 

Ti ho già annoiato sin troppo. Ci tengo tanto a sentire la tua opinione riguardo Cura e Laboratorio. Uh! Ho lasciato alla fine il Laboratorio.

Cos’è il Laboratorio?

Il laboratorio sarà quell’iperuranio di idee visive -non solo con Maghetta- che diventerà nel tempo un vero e proprio atelier artistico a cui mi darà l’onore di partecipare la mia anima gemella visiva Ombretta Blasucci. Troverai storie, fumetti, graphic novel e tantissimo altro.

Ti lascio sbirciare perché già troverai almeno una cinquantina di articoli (ecco perché ho deciso di non andare in ferie) nella sezione Cura. Le sorprese si moltiplicheranno sempre di più. Ma magari ne parliamo la prossima volta, che ne dici? Però sì, per lo shop di Maghetta, la pentola unicorno e infinito altro manca poco.

Avrò cura di te. Come tu ne hai sempre di me.

(e cercherò di non fermarmi nel percorso più duro, ovvero quello di avere anche io cura di me)

Ti abbraccio forte e ti ringrazio. Sempre.

(non dimenticarti di dirmi cosa ne pensi per favore!) 

Forse potrebbe interessarti leggere...

27 COMMENTS

  1. La dichiarazione d’amore più bella, ecco cos’è questa nuova sezione del tuo (già) bellissimo sito! Un abbraccio infinito ??

    • Commossa ti abbraccio fortissimo. E infinitamente.
      Un bacione grande Lucia,
      grazie.
      grazie.
      grazie.

  2. Io ci sarò… tra chiacchiere, ricette, maschere, storie fumettose e quelle ad inchiostro indelebile… scorci di vite che ascolterò con gioia in un flusso di ispirazione che è vita. Un abbraccio grande

    • Quando leggo questi commenti mi trasformo in quei manga con gli occhioni lucenti (e tante stelline) stracolmi di onde di lacrime felici.
      Ecco.
      La verità è questa.
      Grazie infinite Roberta.
      Davvero. Non ci sono parole mai per descrivere il mio vero grazie.
      Ti abbraccio fortissimo <3

  3. TI salverò da ogni malinconia,
    Perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te
    Io sì , che avrò cura di te.

    <3

  4. Ama. Questa è casa. Sarò in ogni stanza ma con discrezione. Mi nascondo negli angoli, rubo un naso nero ogni tanto e ritorno nell’ombra. Posso essere il poltergeist della dependance? Non prendo di mira le televisioni, mi concentro sui bollitori per fare acqua e limone.
    Ora vado a asciugare occhi e poi torno eh.

    Il vero panico ci sarà quando aprirà il Laboratorio. Io non va più via allora. Non vedo l’ora.

  5. Tesoro. . Ma tu vai a citare il maestro che io amo e seguo da anni con una dedizione smisurata.. una frase che è di una semplicità assurda ma che in realtà vuole dire un mondo di cose.. prendersi cura è amare, dare attenzione, puntare gli occhi su qualcosa e vedere che è perfetta così. .. e se per caso troviamo quell angolo opaco lo rispolveriamo per dare nuova luce..

    Percorreremo assieme le vie che portano all essenza, perché se per caso ti ho trovata non ti voglio mollare, perché tu vuoi prenderti cura di me, nonostante quelli che tu chiami deliri io sarò pronta ad ascoltare. .

    Ci sono Iaia!!

  6. IO-TI-ADORO !!!!
    Voglio entrare nella tua vita, nella tua casa e dentro ogni più piccolo cassetto, ed ogni volta che aprirai un armadio ci sono io li, chiudi per favore che non ho ancora finito di sbirciare negli angolini 🙂
    Ok ok qui serve davvero la parola CURA ME !!!!

    E vogliamo parlare del laboratorio? Curiosa io ?????? ♥♥♥♥♥

    • Liz sei in assoluto la più bella scoperta del 2017. Grazie per tutte le parole, per la compagnia, per l’incoraggiamento e per la condivisione.
      Davvero-
      Sei una persona speciale ed eccezionale. Ti adoro anche io-
      Un bacione grande <3 :*
      grandissimo.
      Per te ci vuole solo una cura di bacetti a oltranza!!!!!! :*

  7. Ma come non essere presente ad un tè tra amiche sedute a gambe incrociate chi per terra chi sul letto chi sul divano (io mi rotolo tra Koi e Babette provando a mettere loro parrucche gonne e occhiali vari!!)
    Amo tutto ciò.

  8. Casa è dove poter essere sè stessi. Casa è un gruppo di amiche e amici. Casa è una pentola di zuppa che bolle. Casa è declinare l’amore. In 140 caratteri. In uno schizzo su carta. Nell’odore che ti lascia la salsedine. In una zuppa di porridge verde. In dodicimila palloncini. Grazie per avermi fatto trovare casa. ❤

    • Grazie per la pazienza, l’eleganza e la genialità.
      Ti devo tantissimo.
      E un giorno spero di poter avere l’onore di dimostrartelo.
      Grazie per avermi sempre aspettato e per esserci sempre stato.
      Casa sei tu <3

    • Clara non potevi dirmi cosa più bella.
      Grazie infinite.
      Non posso neanche dire dal profondo del cuore altrimenti sembro la D’Urso ma.
      Dal profondo del cuore, ecco.
      Un bacio grandissimo <3

Rispondi a Iaia Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this