I Cookies migliori con cioccolato e zenzero? Eccoli

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Di ricette simili è pieno il web, ma oltre a non aver mai abbastanza di cookies -e questo è il periodo giusto- questi sono firmati Sigrid Verbert, ovvero il Cavoletto di Bruxelles che io ho sempre adorato come sai se mi leggi. Adorazione che perdura nel tempo. Del resto siamo tutti “figli di Sigrid” qui in Italia perché se c’è una regina indiscussa da sempre, quella che ha fatto storia e che con la sua umiltà, delicatezza ed eleganza per me è stata, è e rimarrà sempre lei. Bon. Fine di quella che non voleva essere affatto un’insulsa sviolinata ma un sincero complimento di ammirazione e stima.

Detto questo. Di cookie al cioccolato, come dicevo, è pieno il web e il mondo tutto e i ricettari di ogni sorta ma ogni volta, francamente, che ho donato o semplicemente offerto questi ho sempre ricevuto tantissimi complimenti. Sono tratti dal libro Regali Golosi che mi sono ripromessa di inserire nella Libreria di Iaia tantissime volte (rimedierò al più presto e te ne parlerò nello specifico) che insieme a questa vanta ricette davvero bellissime, particolari e facili da preparare per stupire. In pieno stile Cavoletto, insomma.

 

La Ricetta

230 gr di farina, 200 gr di cioccolato fondente, 110 gr di burro, 100 gr di zucchero di canna, 90 ml di Golden Syrup, 1 cucchiaio di miele, 1 cucchiaino di cacao in polvere, 1 cucchiaino di bicarbonato, 1 cucchiaino di zenzero in polvere, una punta di noce moscata.

Con la frusta lavora il burro morbido con il golden syrup, lo zucchero e il miele. Aggiungi la farina, il cacao, il bicarbonato, le spezie, e lavora ancora in modo da ottenere un impasto omogeneo. Aggiungi il cioccolato grossolanamente tritato e mescola bene con una spatola. Trasferisci il tutto al fresco per circa mezz’ora. Stacca dall’impasto delle cucchiaiate e forma delle polpettone delle dimensioni di una noce. Appiattiscile leggermente e inforna a 160 per 15 minuti. Parola di Sigrid (rendiamo grazie a Sigrid *si sente in lontananza). Per 40 biscotti circa e in effetti sono 40 precisi, esattamente.

Non sbaglia mai un colpo. E se mai dovessi passare di qui ti lascio: un bacio.

Forse potrebbe interessarti leggere...

1 COMMENT

  1. Iaia ho provato a farli ieri ma non sono venuti benissimo , volevo un tuo consiglio .
    Ho lavorato tutto con lo sbattitore nell’ordine in cui hai scritto di farlo e poi alla fine ho impastato velocemente a mano .
    Era giusto procedere con lo sbattitore ?
    Poi li ho tenuti in forno ventilato a 160 per 15 minuti , ma sono venuti duri e troppo “asciutti”.
    Sarei curiosa di capire( se è possibile ) cosa ho sbagliato …
    Un bacio 💋

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this