Le Polpette di feta e melanzane di Donna Hay

Must Try

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

Lo spezzatino di seitan con il latte di cocco nella slow cooker

Uno spezzatino vegetale buonissimo a base di seitan con il latte di cocco e le spezie. Immancabile la curcuma, il curry, lo zenzero, il sale e pepe ma puoi arricchirlo davvero come vuoi. Scopri però l'ingrediente segreto.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Stagioni di Donna Hay è un libro FA-VO-LOOO-SOOO ma con molte più O. Ne ho parlato qui, nel lontano 2012, quando Cecilia e Fabrizio hanno festeggiato con noi un meraviglioso e incredibile Finto Natale. Sono legatissima a questo volume, prima di tutto perché me lo hanno regalato due persone davvero speciali e poi perché grazie a questo ho scoperto una delle mie autrici foodie preferite. Riconfermatissima negli anni. Questo, se mi leggi da un po’, già lo sai. Un libro che negli anni si è dimostrato un fido amico e alleato per qualsiasi tipo di evento. Assurdo come non gli abbia dedicato un capitolo nella Libreria di Iaia ma recupererò. L’ho già sistemato qui accanto  e quanto prima ne ticchetterò giusto il tempo per fartene innamorare: spero alla seconda riga o al massimo alla terza.

La fotografia curatissima e completamente diversa da tutti gli altri volumi della Hay, lo rendono unico. Niente bianco e azzurro ma molto marrone, calore e saturazione. Niente più luce accecante e toni freddi. Tutto diventa avvolgente come un abbraccio e tra alberi, fiori e volti sembra quasi di andare in quelle campagne e gustare bruschette calde di pane appena sfornato con ottimo olio degli ulivi che fanno da cornice.

Non avevo mai cucinato queste polpette con le melanzane e la feta nonostante mamma da tempo ripetesse che voleva provarle. Quando le ho fatte, e in parecchi le hanno assaggiate, me le hanno richieste. E richieste. E. Richieste, ancora. Si possono fare anche senza carne e quindi in versione vegetariana. Si possono friggere, cuocere nel forno (ma poi passare in padella perché altrimenti sono grigino spento terribile) o impanare e arrostire. Una base perfetta per diverse declinazioni.

 

La Ricetta

  • 400 grammi di melanzane tagliate a pezzettini
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 500 grammi di carne tritata di manzo
  • 10 grammi di prezzemolo tritato
  • 10 grammi di menta tritata
  • 2 spicchi d’aglio schiacciati (io non li ho messi)
  • un cucchiaio di scorza di limone grattugiata (abbonda perché le renderanno profumatissime)
  • 200 grammi di feta sbriciolata per bene
  • sale e pepe nero macinato sul momento.

Scalda il forno a 180. Metti le melanzane con l’olio in una padella e cuoci allungando un po’ con acqua fin quando non saranno cotte. Puoi cuocerle anche al forno se vuoi o al vapore. Quando si sono freddate le melanzane metti in un recipiente tutti gli ingredienti e lavora per bene facendo il classico impasto da polpetta. Metti l’olio su una padella e comincia a cuocere le polpette da ambo i lati. Finisci la cottura, se vuoi, in forno.

Servi con dei pezzetti di limone da spremere sopra.

(è meglio mettere i pezzetti di melanzane -quando sono già state tagliate a dadini- con del sale grosso e un peso sopra. Il classico metodo per far perdere l’amaro, sì. Altrimenti le polpette potrebbero avere un retrogusto non piacevolissimo).

Per la versione vegetariana: stesso procedimento ma aumentando la dose di melanzane e aggiungendo magari due uova. Regolati tu con l’impasto. Se ti piace anche un po’ di mollica o pangrattato sarebbero perfetti.

Perfetti se serviti con un buonissimo tzatziki: 500 grammi di yogurt greco denso naturale bianco non zuccherato, un cetriolo grattugiato, 3 cucchiai di menta tritata, uno spicchio d’aglio schiacciato (facoltativo perché se hai problemi come me a digerirlo è meglio evitare) e mezzo cucchiaio di cumino in polvere. Sale e pepe nero macinato sul movimento.

Io ho servito le polpette con un’insalata mista e valeriana, carote, feta, avocado, mais e semi di zucca con un dressing -a parte- di yogurt aromatizzato con un po’ di cumino.

 

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this