Pavlova

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Anna Pavlova sembra uscita da un romanzo di Agatha Christie; muore perché si ammala al rientro di una vacanza prima di cominciare una nuova tournée. Il suo treno infatti ebbe un incidente e lei per vedere cosa fosse successo scese camminando a lungo per i binari vestita solo del suo vestito di seta leggero e cappotto. Questo malanno le fu fatale tanto che prima del suo cinquantesimo compleanno andò via. Nata da una famiglia di umili origini, diventa una bravissima ballerina e pare che proprio in suo onore fu creata questa enorme e buonissima meringa che prende, appunto, il suo cognome. Uno chef in Nuova Zelanda dedicò ad Anna questo immenso tutù di dolcezza, fragile ed esile ma dalla tempra molto forte proprio come la ballerina. La Pavlova è costituita da una base di meringa che deve essere morbidissima dentro e croccante fuori, arricchita da una copertura di panna con tanta frutta fresca coloratissima e nel mio caso, mi permetto di dire, fiori. Fiori e Pavlova credo che sia un binomio imprescindibile. Gli ingredienti possono chiaramente variare a seconda delle stagioni. Si possono fare delle deliziose monoporzioni o una scenografica e maestosa Pavlova unica che non passerà certamente inosservata.

 

La versione veg è possibile e sai già che occorreranno soltanto dei ceci. Sì, dei ceci. Anzi per l’esattezza l’acqua dei ceci. E ti lascio, qualora non conoscessi questo segreto, la videoricetta qui sotto.

 

 

 

La Ricetta

Per 8 persone circa:

  • 150 albumi
  • 150 grammi di zucchero bianco
  • 150 grammi di zucchero a velo
  • 250 ml di panna fresca da montare

Mescola gli zuccheri insieme e dividili in due contenitori.

Prepara la meringa. Nella planetaria versa gli albumi e comincia a montare a neve ben ferma con la metà degli zuccheri. Una volta raggiunta la consistenza detta “schiuma da barba” e quindi abbastanza consistente versa l’altra metà degli zuccheri fin quando non saranno montati a neve fermissima. Trasferisci la meringa dentro una sacca da pasticcere se vuoi fare delle monoporzioni altrimenti con una semplice spatola forma una sorta di circonferenza e come ho fatto io livella salendo quasi a formare una punta. Se la meringa è ben montata di sicuro sarà facilissimo farla stare su. Cuoci per 75 minuti a 115 statico. Non aprire mai il forno se non dopo che sia trascorso il tempo. Lascia la Pavlova almeno altri 45 minuti dentro il forno spento con lo sportello leggermente aperto. Solo dopo arricchiscila con la panna montata e la frutta fresca.

 

 

 

 

 

 

La Videoricetta

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

4 COMMENTS

  1. Wow!
    La Pavlova di per sè è un dolce elegantissimo, tanto più che evoca l’eleganza della danza classica.
    Con queste tue foto e la perfetta esecuzione sei andata parecchio oltre.
    Complimenti! Da stampare e appendere in cucina! 😀

    • Mamma mia Cle, grazie!
      Grazie infinite!
      Sono felicissima che ti sia piaciuta!
      Un bacio e grazie per esserti fermata a chiacchierare con me

    • Concordo assolutamente! Così scenografica e romantica che si fa fatica a tagliarne i pezzetti (però ne vale la pena al primo assaggio 😀 !)

Rispondi a Lipstick On Coffee Cup Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this