Una burrobirra ai tre manici di scopa

Ai tre manici di scopa è sempre la migliore!

Nel 2011 ho pubblicato due ricette della burrobirra  e negli anni ne ho provate diverse in giro per la rete anche sperimentando un bel po’. Il risultato è sempre stato disastroso, diciamolo.

Poi finalmente rilasciano la versione “ufficiale” ovvero quella proposta al Wizarding World di Harry Potter; una grande area tematica dedicata alla saga di Harry Potter. Preparala quindi per sentirti anche tu ai Tre manici di scopa. Anzi, accomodati che te la preparo io.
Se ti piace il sapore più amaro prova con l’acqua tonica.

Ricetta⁣

⁣per due bicchieroni
340 ml di gassosa⁣
2 cucchiai di acqua⁣
una tazzina di zucchero di canna⁣
mezzo cucchiaino di sale⁣
mezzo cucchiaino di aceto di mele⁣
100 ml di panna liquida non zuccherata da montare⁣
6 cucchiai di burro ⁣
Fai caramellare a fuoco basso lo zucchero con l’acqua e quando è diventato cremoso e forma delle bollicine aggiungi il burro, il sale e l’aceto di mele. Mescola per bene e poi aggiungi la panna. Lascia sul fuoco basso il liquido per qualche minuto e poi lascia raffreddare. Quando è a temperatura ambiente versa in due bicchieri e subito dopo aggiungi la gassosa. Otterrai un effetto schiumosa sorprendente. Se vuoi arricchirla ancor di più puoi chiudere con panna montata freschissima.⁣

 

Il Video

 

Direttamente dalla Sala Grande

Un drink con Silente, la ricetta della pozione polisucco e un terrificante tè con la Umbridge. Prendiamo una burrobirra ai tre manici di scopa mangiando tanti pacchetti di mille gusti più uno. Vieni con me a Hogwarts? 

Da Instagram

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY