Un drink con Silente

Al gusto vomito e cerume?

Quando è morto Albus Percival Wulfric Brian Silente, il preside di Hogwarts ho pianto singhiozzando sul letto con il libro in mano. Era notte, perché volevo finirlo senza chiudere occhio. E ho pianto sconsolata per un tempo che mai riuscirei a quantificare. È come se mi vedessi su quel letto, ancora. Un’immagine che non posso dimenticare. Sono andata in cucina in cerca di qualcosa da bere. E sono finita con un gelato, come nelle classiche commedie americane, tutto da mangiare voracemente a cucchiaiate. Nel sesto libro, il principe Mezzosangue, abbiamo dovuto tutti dire addio. Feriti per una morte annunciata.

Ho amato, come tutti, il personaggio della Rowling saggio e delirante che ha sempre odorato di “nonno”.

Nei diversi libri della Rowling emerge in modo a dir poco prepotente la golosità di Silente; tanto che sorbetto al limone (sherbet) e pallini acidi sono state usate come parole d’ordine per entrare nel suo ufficio. In più il suo gusto preferito è in assoluto il lampone, anche se non ha mai avuto la fortuna di trovarlo nelle Gelatine Tuttigusti più uno; beccava sempre il gusto vomito, ricordi? (Con Harry ne prende uno diverso. Al gusto cerume. Che disdetta!)

Per questo motivo quando ho pensato di dedicare a Silente un drink ho pensato al limone (e anche al colore che potesse riprendere i disgustosi gusti di Tuttigustipiùuno, ma è meglio non soffermarci troppo su questo dettaglio che ne dici?). Sicuramente limone e mango. Mi sono fatta l’idea che potesse piacergli e anche molto. Con qualche lampone ghiacciato.

Uno smoothie per Silente

Frulla la polpa di mango di un mango con il succo di un limone e metà della sua scorza. Aggiungi qualche lampone ghiacciato prima di servire, se vuoi. Il mango sta benissimo anche con la banana e qualora lo volessi rendere ancor più cremoso e corposo aggiungine mezza congelata. Verrà fuori un sorbetto -sherbet, in lingua originale come nei libri della Rowling- davvero delizioso. Io, ci aggiungerei pure un pizzico di zenzero. Questa è la mia versione dedicata a Silente ma qualora tu ne provassi altre, sono proprio curiosa di sentirle.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY