Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Must Try

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...

Le uova rosse per Pasqua

Che la Pasqua in Grecia sia molto sentita è un'informazione pressoché inutile perché lo sanno tutti. Viene onorata e celebrata ed elementi pagani e...

Il casatiello con un ingrediente a sorpresa

Il casatiello è immancabile nelle tavole pasquali dei napoletani ma la verità sai qual è? Che tutta la penisola se ne è perdutamente innamorata di questa ciambella salata deliziosa e ricchissima. Il casatiello è entrato ormai nelle case di tutti gli Italiani e non ha intenzione di uscirne (meno male!)

La “Torta Pasqualina” (senza ricotta)

Non è Pasqua senza la torta pasqualina ligure. Spinaci o bietole, uova e ricotta. Ma questa volta una versione più leggera senza ricotta. Gustosa e scenografica è una preparazione che lascia sempre il segno. E in regalo per te la scheda scaricabile!
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

È Novembre e io ho tardato un po’ (eufemismo). Sono passati più di due mesi e sono successe tante di quelle cose che sembra un anno e più. Ho tante cose da scrivere, raccontare, disegnare e cucinare. È il periodo che amo di più e nonostante tutto e tutti vorrei che questo Natale fosse magico. Vorrei quantomeno provarci, e in fondo il segreto è poi tutto lì, no? Provarci. Provare a non smettere di sognare e rimanere aggrappati alla luce mai come in questo periodo storico mondiale non è solo importante ma fondamentale.

Ricomincerei da i tanti post lasciati in sospeso per riprendere il ritmo e poi partire senza indugio con le ricette di Natale. Su Instagram, sul profilo iaiaguardo, ho già cominciato ad addobbare, scartare calendari dell’avvento e cucinare qualcosa. Quotidianamente, insomma, mi trovi lì. 

 

La Chicago pizza, o deep dish pizza (letteralmente “pizza dal piatto profondo”), ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara. È diventato un piatto tipico di Chicago, appunto, e viene considerata ormai una specialità culinaria del Midwest. Non si fa che parlare di pizza cake e Chicago pizza ultimamente. Ci hai fatto caso? Siamo di sicuro davanti a una nuova food obsession, dopo il dalgona coffe e il poke negli ultimi tempi. L’avevo già vista in una puntata di Man VS Food ma da allora ne avevo perso traccia e l’avevo completamente rimossa. Su Youtube poi, un continuo pullulare di video, assaggi e la curiosità chiaramente è arrivata. Le origini sono incerti. Alcuni dicono che già nel 1945 fosse presente in alcuni piatti ma sono gli anni settanta quelli del boom.

Tonda all’incirca 30 centimetri di diametro e alta dai 5 agli 8 centimetri ha fondo e bordi molto spessi, questo perché devono essere capaci di contenere una grande quantità di formaggio, salsicce e salsa di pomodoro che rimangono i tre ingredienti principali oltre alle infinite varianti. La Chicago pizza viene spesso confusa con la Pan Pizza Hut, fatta da una delle catene più famose di pizza, ed effettivamente le somiglia abbastanza ma nel caso della Deep dish  o Chicago, come vogliamo chiamarla, i bordi sono nettamente più alti.

Ho fatto la versione vegetariana senza salsicce ma qualora volessi provarla nel modo tradizionale alla Chicago style spezzetta la salsiccia e poggiala sopra il formaggio prima di mettere la salsa. Moltissimi mettono anche delle fette di salame piccante, al posto delle salsicce.

La Ricetta

Per L’impasto -vedi tutto nel video igtv che ti linko proprio sotto- ho usato 500 grammi di farina 0 ma puoi usare anche un mix di 0 (manitoba) e 00, 12 grammi di lievito di birra, 300 ml di acqua e 12 grammi di sale. Lascio sciogliere il lievito nell’acqua a temperatura ambiente. Aggiungo l’acqua nella farina con il sale e impasto per bene. Lascio coperto l’impasto per quattro ore anche se due sono più che sufficienti. Olio per bene una classica teglia da ciambella. Ho usato una di 22 centimetri perché volevo ottenere un effetto molto alto lateralmente ma, ripeto, da 28-30 è perfetto. Alzo lateralmente l’impasto e poi metto della mozzarella. Infine la salsa marinara che consiste in olio, cipolla, salsa e concentrato. In realtà la marinara prevede la presenza del rosmarino e aglio.

 

Il Video su Igtv

View this post on Instagram

Non si fa che parlare di pizza cake e chicago pizza, altrimenti detta deep-dish pizza ovvero la pizza dal piatto profondo. Sicuramente una delle nuove food obsession, quelle correnti improvvise di una determinata preparazione culinaria in ogni dove; dopo il dalgona coffee e il poke una bella pizza, diciamolo, ci stava tutta no? Eppure la Chicago pizza non è affatto una novità nelle tavole degli americani e pare che già nei anni sessanta si facesse. La particolarità è quella di usare la salsa marinara: una semplice salsa al pomodoro con cipolla, aglio e olio d’oliva e l’aggiunta di rosmarino ma io ho fatto semplicemente salsa, cipolla, olio e un po’ di concentrato. Per la Chicago si usa la mozzarella e tanto parmigiano. In pratica fai la base per la pizza ma devi alzarla lateralmente almeno di 5 centimetri (massimo 8 centimetri), mettere il ripieno “al contrario”, ovvero prima il formaggio e poi la salsa e via in forno per 30-35 minuti perché dipende dal forno a 220. Devi aspettare un po’ prima di servire perché d’accordo che l’effetto “formaggio grondante” è incredibilmente godurioso per alcuni ma rischi di ustionarti, di muoverla troppo e romperla e soprattutto di trovarti sul piatto qualcosa di troppo liquido. Ho usato 500 grammi di farina 0, 12 grammi di lievito di birra e 12 grammi di sale. Ho fatto lievitare 4 ore ma ne bastano 2. Ho oliato la teglia che è larga intorno ai 22 centimetri e messo 400 grammi di mozzarella e 100 grammi circa di parmigiano grattugiato. Ho pressato la mozzarella con una spatola prima di mettere la salsa e via in forno. La ricetta originale prevede anche la presenza di salsiccia da mettere prima di chiudere con la salsa. Una versione sicuramente più ricca che dà sostegno a tutta la pizza; ho preferito però farla in versione vegetariana. E tu hai mai provato la Chicago pizza? Ne hai mai sentito parlare? E soprattutto: cadi nelle food obsession o non ti interessano? #pizza #vegetarian #vegetariano #chicagopizza #deepdishpizza

A post shared by 𝗚𝗥𝗔𝗭𝗜𝗔 𝗚𝗜𝗨𝗟𝗜𝗔 𝗚𝗨𝗔𝗥𝗗𝗢 (@iaiaguardo) on

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Happy Vegan Christmas

Un libro che racconta un Natale total veg saporito, bello e profumato. Karoline sorprende con semplicità e con una disarmante bellezza.

Christmas Tea Time

La storia del marchio Dammann Frères ce la raccontano i diretti interessati nel sito ufficiale. Si tratta di un’infinita gamma di tè pregiati. Sir...

Mele, uvetta e cipolla

Amo questo contorno. L'ho scoperto un po' di anni fa e da allora è stato amore infinito. Facile, veloce, total veg e perfetto per quando hai voglia di qualcosa di buono e sano.

Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Le polpette di melanzane

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

More recipes like this