Cantuccini salati al gorgonzola

Ti racconto una cosa. Quest’anno a Natale doveva uscire il mio libro di Natale. Per questo motivo già dallo scorso lavoravo tantissimo a questo, di Natale. Ho raccolto centinaia di foto. Sull’Etna. Con la neve. In Cucina. In esterno. Ho lavorato molto e. E boh. Già da Marzo avevo capito che non era una buona idea perseguire e ostinarmi. Non prevedo il futuro ma razionalmente non era difficile intuire come potenzialmente sarebbe potuta andare e difatti, tristemente, mi trovo a fronteggiare qualcosa che non definirei affatto inaspettato. Come tutti, del resto. “Sarà per l’anno prossimo”, mi sono detta. Anche se di far progetti ormai ho imparato è sempre meglio evitare. Progetti perlomeno di questo tipo. Una delle poche certezze che avevo era quella di volere a fianco Paola, la sorella del torinese, sì. La mia cognatina. La volevo accanto perché è un’ottima cuoca, un’amica speciale e perché è coalizzata con me ai danni di Pier. Meglio di così! ?
Una delle poche certezze inoltre era quella di voler dedicare un intero capitolo alle sue ricette: rielaborate, interpretate e suggerite. Perché Paola è davvero la talent scout delle ricette e delle tendenze food. Non sarebbero mancati questi cantuccini al gorgonzola e pistacchio.
E, speriamo, non mancheranno. Perché progetti no, d’accordo ma appuntamenti sì. E l’appuntamento è solo rimandato. Pure il suo abbraccio che mi mancherà tantissimo.

 

Di più buono non c’è

 

I cantuccini gorgonzola e pistacchio
210 grammi di farina
70 grammi di gorgonzola
50 grammi di pistacchi sgusciati
60 ml di latte
1 uovo
40 grammi di olio d’oliva
un cucchiaino di lievito
una presa di sale

Scalda il latte e sciogli il gorgonzola. Setaccia la farina con il lievito, aggiungi l’uovo, l’olio, il latte, il gorgonzola, il sale i pistacchi. Mescola velocemente, forma una palla e dividila in due filoncini. Disponi su una teglia e metti in frigo per 30 minuti poi cuoci per circa mezz’ora a 170°. Lasciali raffreddare, taglia i biscotti in diagonale. Metti di nuovo i biscotti sulla teglia e cuoci nuovamente per 10 minuti. Lascia raffreddare. Dirti che sono buonissimi è riduttivo

 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY