Tutti i post di Iaia

Rame di Napoli per il mio Papà

Le Rame di Napoli sono un dolce tipico catanese che si prepara soltanto in occasione del giorno dei Defunti. Si tratta di un biscotto ovoidale al cacao morbidissimo dal cuore davvero tenero. Speziato con cannella e chiodi di garofano con un retrogusto d'arancia. In realtà non è un biscotto ma quasi una fetta di torta monoporzione che generalmente conquista sin dal primo assaggio. Ricorda vagamente la Sacher per capirsi. Le Rame di Napoli industriali che spesso spopolano ai centro commerciali rovinano la fama di questo non-biscotto che al contrario potrebbe avere tutte le potenzialità per essere annoverato senza alcun dubbio alla voce: dolcetto delizioso a dir poco.

I Biscotti Domino

Non mi stancherò mai di convincermene: nelle mie vite precedenti sarò stata un'efferata serial killer per meritarmi in questa l'odioso intellettuale nippotorinese. E' pur...

Tiramigiù: il dolce immancabile per Halloween

La ricetta è della pasticciera Valentina Gigli. Faccio questa versione ormai da decenni apportando qualche modifica e devo dire che non ho mai cambiato...

Fast Cupcakes. I cupcakes che più veloci non si può

  (dalla foto si evince immediatamente che sono stati fatti di fretta. Così tanto per ribadire quello che lapalissiano è. Fa caldo e si vaneggia...

Bavarese Yogurt e Fragole della sacra Cognata da Torino

Pochi ingredienti per questa deliziosa e profumata bavarese a base di yogurt e fragole. Una ricetta, regalo della mia bellissima cognatina.

Exogenesis Part III

Delle dita si muovono sui tasti e danno vita a exogenesis. Mi piacciono i Muse, penso. Se escludiamo a quattordici anni quella imbarazzante perversione per...

A day with Giulia ( a-normal Blogger 2.0 )

https://youtu.be/NFL-A3NNSIc Credo che dietro la ricorrente  domanda ” Come trascorri le tue giornate?” ci sia la voglia di capire se davvero io nasconda una normalità...

Fervono preparativi natalizi

Youtube mi informa che ho turbato la sensibilità di Babbo Natale e tutti i folletti usando Jingle Bells Rock di proprietà della Koch Entertainment e tramite email mi faranno sapere quante patate dovrò pelare in Lapponia per punizione ed a quante lettere dovrò rispondere mentendo ai bimbi di tutto il mondo con un messaggio predefinito

Graffe Siciliane – Le cugine sicule del Krapfen

Colpo di scena: Non è una ricetta di Halloween. Non gioirei fossi in voi però perchè ho giusto due cose in frigo che Due...

Brownies al Cioccolato al sapore di Banana e Rum

Ieri sera abbiamo apprezzato la fotografia di Suspiria in versione restaurata. Quella carta da parati rosa che già ricordavo raccapricciantemente (?) inquietante in questa nuova versione...

Sushi di Frutta

Il sushi di frutta è una preparazione insolita che lascia sbalorditi tutti visivamente ma anche per bontà. Oggi ti propongo anche la fumettoricetta di Maghetta intenta alla preparazione della suddetta meraviglia.

Dita Mozzate

La divertente forma è proprio resa credibile ancor di più dalla mandorla pelata che in maniera inquietante somiglia già prima della cottura ad un'unghia vera e propria. I biscotti più famosi per le cene di halloween!

About Me

2466 POSTS
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.