Home / Halloween (Page 12)

E Freddy Krueger? No dico Freddy Krueger? Lo vogliamo forse dimenticare?

In realtà l’ultimo orrendo film andrebbe dimenticato; tanto quanto la smania di riprendere film datati e rifarli in chiave moderna. A dimostrazione del fatto che la fantasia, ahimè, è diventata d’élite. Che sono la scopiazzatura e il non avere stile, ma volerlo prepotentemente mostrare a costo di essere ridicole repliche, a fare di questo contorno umano che ci circonda una massa informe di file “copia e incolla”.

Basta soltanto notare qualcosa di diverso per provare feroce invidia e rifarlo. Stuprando la fantasia degli altri, deturpando un lavoro di mondi e talvolta di vite. Questi sciacalli senza fantasia sono la peggior specie. Quella dalla quale io rifuggo costantemente.

Freddy Krueger ha sempre avuto un lato inquietante e oscuro. Confesso di aver percepito più volte una sensazione che ho sempre sperato fosse errata. Avendo letto anche le intenzioni del regista di mostrarlo non solo nella sua ferocia ma anche in una realtà troppo spaventosa da riassumere in un termine, mi ero comunque fortemente convinta che non fosse così.

Freddy per me, a discapito dalle sconvolgenti rivelazioni dell’ultimo capolavoro di scopiazzatura, rimane semplicemente un cattivo. E non un malato che vuole fare del male ai bambini. La storia è ben diversa e tale nella mia mente rimarrà. Ricordo ancora lo sconvolgimento di aver visto stuprato un personaggio messo nero su bianco da qualche parte qui in questa cucina dove i frullati di ricordi si mescolano certe volte così velocemente che è difficile individuare tutti gli ingredienti. E’ diventata non una cucina virtuale ma la casa dei miei ricordi. E pur essendo manicalmente ordinata faccio fatica a volte a trovare il ricordo di Freddy qui. Un po’ come quando ti aggiri tra i cassetti e dici dovelhomessoforsequi.

Solo che il mio cassetto è il cerca in alto a destra. E spesso litighiamo. Solo che non posso scagliarlo sul muro come farei in realtà.

Adesso non si scherza più eh *disse con tono minaccioso fissando il monitor. Un rivolo di bava alla bocca le scendeva dal lato sinistro del labbro inarcato. Un guizzo di sangue esplodeva nella pupilla sinistra mentre i capelli arruffati si alzavano sin sopra il tetto e.

E che cosa sto dicendo?

Lo scorso anno insieme  a Pulcettamia (Giulia Amaradolcezza) abbiamo preparato i Cake Pops di Halloween (con il post dell’amicizia romanticissimo. Con tanto di video e vignette. Se te lo sei perso puoi cliccare qui e vederlo). Fare i cake pops è un modo interessante per riciclare torte, colpire con effetti scenograficiculinaripazzeschi gli ignari che non sanno quanto sia facile arrotolare una pallina, infilzarla in uno stecco e decorarla. A me i Cake Pops fanno pensare a Giulia. La prima volta è stata con lei e quando finalmente potremmo abbracciarci e cucinare insieme non avremo sicuramente dubbi su cosa preparare e fare.

Prima o poi su questo spazio un videopost di me e lei che confezioniamo cake pops ci sarà *logiurosututtiimieinanidagiardino.

Uhm l’idea del cocktail per me non ha mai priorità e per questo vengo sempre un po’ ripresa dal Nippotorinese. A differenza di carnepesceuovaformaggio in cui, pur non essendo le mie priorità, ugualmente mi cimento per la sua sopravvivenza. Mi ricorda altresì che anche i drink fanno parte di questa. Solo che per un astio vero e proprio nei confronti dell’alcool finisco per sfogliare roba analcolica. L’algido nordico sostiene che meglio nulla in quel caso. Giammai l’analcolico! (devo rinchiuderlo e curarlo? fortuna che beve davvero pochissimo. Non per i miei standard dove il parametro “pochissimo” è una birra ogni due anni. Per gli standard umani intendo quindi due-tre birre a settimana al massimo o qualche buon calice di vino a cena ma non tutte le sere. L’abitudine è vizio e il vizio è prigione *disse annuendo fino allo sfinimento).

Per Halloween quindi un’altra idea supervelocissima è deliziare se stessi, bimbi e adulti con intrugli sbevacchiosi inventando nomi adatti alla circostanza (senza esagerare perché altrimenti passa pure la voglia, santapizzetta).

Liquido di verme con tocchetti putridi di frutta marcia significa non esagerare, per esempio (cosastodicendo?).

Si può spaziare, a discrezione del fruitore, dall’analcolico all’alcolico sino ad arrivare a intriganti mix. Sangrie analcoliche (cosa??????????? sì. Sangrie analcoliche e allora? Esiste pure un popolo di astemi di cui io sono Regina, tiè) con soda e frutta o mischiata ad aranciata fresca, limonata o perché no chinottata? (magari con il chinotto andiamo solo di agrumi-lime-limone-mandarino-arancia che con i fichi il chinotto FORSE non sta bene. Ma faccio provare a qualche cavia e vi dico *disse fischiettando)

Questo uovetto mostruoso è nato per caso. Che io sia leggermente in fissa con le uova chi mi conosce un minimo lo sa. Non le mangio ormai da (cinque-sei?sette?) anni e ho dedicato loro anche uno dei miei dodici progetti visivi fotografici: Eggland, messo da parte per un futuro migliore (si spera).

Dal significato delle uova e dal loro trasformismo nascono germi di storie e favole nere. Sono indiscusse protagoniste dei miei incubi ma anche di tenerezze ai limiti del kawaii. L’uovo, come la vita e il significato stesso, cela in sè un genio non replicabile. Oltre a essere uno degli incontestabili sovrani della cucina lo è della creatività in genere.

Con l’uovo non si finisce mai di creare, plasmare e interrogarsi. Sì perché domandarsi cadendo in abissi di ragionamenti se è nato prima lui (e ci scommetterei tutto) o la gallina, si finisce pure per chiedersi quante svariate forme di vita possa far nascere.

L’uovo è una farfalla e un relax tra tuorli che prendono un drink. E’ una moltitudine e infinità (qui alcuni miei scatti dedicati a Eggland).

L’uovo in camicia mi ipnotizza. Sto lì ferma immobile cercando di carpire cosa si disegnerà nell’acqua bollente. Quale forma assumerà. Se il tuorlo reggerà all’impatto e se il bianco si attorciglierà, annegherà o si romperà.

Non penso a nulla in quei sei minuti ma si manifesta una sensazione che raramente provo: la curiosità. Perché non lo sono mai stata, curiosa, se non moderatamente e per cose “poco comuni”. In maniera nettamente “violenta”, mi piace definirla così, lo divento davanti alla formazione di qualcosa. Quando nasce una storia, arriva un personaggio a raccontarmi cosa sta vivendo, facendo, sognando. E tutte le volte. Tutte. Dell’uovo in camicia accade.

Quando è arrivato questo mostro gerinoso è stato amore a prima vista. Non aveva ancora gli occhi che poi gli ho donato con due olive e del ketchup rosso ma sapevo che sarebbe stato un nuovo amico. Che lo avrei ricordato per sempre.

Uhm e dopo il mostro polenta?

La versione fantasmosa non poteva mancare. Adoro fare questi tenerissimi fantasmini con la pasta brisèe e adoro ancor più pensare di poter consigliare tranquillamente di confezionarli con la pasta già pronta del banco frigo. Con il bimby impiego davvero pochissimi minuti e si realizza in tre minuti scarsi (e il Nippotorinese manco a dirlo la preferisce). Da quando ho capito che nel tempo del lamento “Sì però che senso ha sporcare il boccale del bimby per fare la pasta brisèe quando è già bella pronta nel banco frigo… blablabla… non ho tempo… blablabla. sono esaurita. blablablabla” ho già tutto pronto e i fantasmini sono in forno.

Lamentarsi è un ottimo metodo ma bastano due minuti di autocoscienza per agire ragionevolmente.

Una semplicissima polenta (sbattutasulpiatto è il sottotitolo) servita con un fantasmino brisèe che si può preparare con netto anticipo. Gli occhietti saranno due pezzettini di olive o il solito fido alleato di Halloween. Quale? Ma il patè di olive Mon Dieu (avevo sempre desiderato dirlo e finalmente è arrivato il momento).

E’ chiaramente solo una proposta che può essere elaborata all’infinito. Polenta, purè o anche insalata. Un secondo perché no? Un pasto “normalissimo” ma corredato da questa chicca fantasmosa che renderà tutto confacente al periodo halloweenereccio  (sto abusando di questo termine tanto che ogni volta mi do un ceffone in volto ripromettendomi “l’ultima volta! questa è l’ultima volta!”).