Il Mio Inktober

Must Try

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

 

Trentuno giorni (Ottobre) Trentuno disegni. Un disegno al giorno da fare solo con inchiostro e nessun mezzo digitale; che occorrerà solo per la divulgazione delle opere. Diventa virale e ha sin da subito un successo pazzesco. Orde di illustratori e gente comune, come me, si cimenta in quello che è oggettivamente una sfida di tutto rispetto (e anche gran bella impegnativa). Ho scoperto Inktober grazie alla mia amica meravigliosa -e illustratrice incredibile e madre di ogni meraviglia su carta-  Letizia Rubegni. Nasce su Instagram grazie al genio e alla bravura di Jake Parker, illustratore.

I disegni  dovranno essere ispirati a una lista di parole che viene pubblicata poche settimane prima dell’inizio di Ottobre (sì, quella nera che vedi a fianco). Mantenere il ritmo è davvero un’impresa ardua ma quello che accade è pura magia: scopri nuovi illustratori, storie e disegni. Scopri te stesso. Riprendi le matite e le penne in mano abbandonando apple pencil e tutto. Solo tu e il foglio; a me è sembrato di tornar bambina. Di ritrovarmi esattamente dove avevo bisogno di stare.

Ne parlo a distanza di mesi perché questo laboratorio è stato abbandonato per troppo tempo e per cominciare occorreva entusiasmo e magia. Come potevo non partire da Inktober? Due anni fa ho condiviso l’avventura con Martino Pietropoli, la mia Ombretta Blasucci eLetizia Rubegni. Mentre lo scorso anno si è unito un incredibile artista che amo: Claudio Castiglioni conosciuto su Instagram come il procione ha sempre ragione. 

Inktober è diventato irrinunciabile

Alcune parole degli ultimi due anni, quelli a cui ho partecipato, sono molto simili. In linea generale è impossibile non notare lo stesso filo conduttore; del resto il tema è assolutamente dark. Uno dei miei mesi preferiti da sempre più nero che mai e la possibilità di disegnare una volta al giorno e conoscere artisti riempiendosi gli occhi di inaudite beltà. Inktober, senza bisogno di girarci ancora intorno, è diventato assolutamente irrinunciabile. Ti confesso che, nonostante sia appena iniziato Marzo, mi capita di pensarci con una leggera frenesia che mi fa battere il cuore. Quest’anno, come gli ultimi, sarà davvero difficoltoso star dietro a tutto per via dei miei impegni ma spero di poter approfondire i miei appunti visivi di storie e personaggi qui nel Laboratorio; che vorrei tanto prendesse vita come ho sempre immaginato e sognato. Proprio per questo, giusto per riscaldarmi un po’, ho deciso di cominciare a pubblicare giusto qualche piccolo ricordo su carta pieno di inchiostro.

Il mio Inktober 2018

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

More recipes like this