Le candele Fornasetti e il silenzio

Must Try

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

Ciambella degli Angeli

Romeo “Le tue labbra benedette, immacolate e pure”. Giulietta  “Allora le mie labbra hanno preso il tuo peccato” Romeo “Oh perdonami Angelo mio,...

Amazon Beauty – Il calendario dell’Avvento

Che io abbia cominciato a delirare circa il Natale pubblicando il calendario dell'Avvento del calendario dell'Avvento -ovvero il Calendario dell'Avvento al quadrato- e che abbia...

L’Albero di Natale, sì. Ma di legno.

Su Pinterest di questi alberi ne abbiamo visti talmente tanti che li abbiamo a noia, lo so. Quello che però non sapevo è che...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Prodotte in Francia, presentate in una bellissima scatola rossa con una serratura e un interno che ricorda un caleidoscopio bianco e nero di linee che si susseguono e dalla profumazione fortissima. Non occorre accenderle ma basta sollevare il coperchio per sentire la forza quanto l’arte e la poesia. Sono le candele di Fornasetti, che possono diventare un’ottima idea regalo, preziosa e inaspettata per l’imminente Natale. Le ho trovate su Mr Porter e Yoox; magari il primo potresti non conoscerlo perché si rivolge a un pubblico maschile (ma sai che ci sono borse indimenticabili che potrebbero fare al caso tuo?) ma il secondo credo proprio di no. Chi non conosce Yoox del resto. Sul secondo costano qualcosina in più; di poco ma sicuramente in più e non ne conosco il motivo. Su Mr Porter a dirla tutta sono confezionate meglio e con più cura. Perlomeno questa è la mia esperienza e te la racconto. I due siti tra l’altro appartengono allo stesso circuito ma sembrano essere, per presentazione e consegna, l’esatto contrario. Si è capito che preferisco Mr Porter mi sembra, e non occorre continuare suppongo. Su Mr Porter ho preso la candela Silenzio -che è di 300 grammi come le altre- il palazzo e le mani, mentre quella con i dettagli delle labbra rosse l’ho presa su Yoox. Ne ho parlato in una sorta di vlog sul canale Youtube e qualora ti interessasse il link puoi trovarlo qui.

Magari poi ti racconto anche l’uso che ho fatto della tazza, del piattino e del resto. Oggi le protagoniste sono le candele, che fanno bella vista in salotto nel mio ambiente minimal che si incrocia con molto vittoriano, scacco e parquet caldo listone nero. Ho sempre desiderato che fosse un ambiente come una tela. Che ci fosse il bianco -tanto- e altrettanto nero, con qualche dettaglio. L’Hydra della Frau lo dà e sa di fucsia, e pure dettagli che ancora non ti ho raccontato e conosci ma che pian piano ti mostrerò. La passione per la casa, l’arte e l’arredamento fa parte di me da sempre ma la voglia di raccontarla da relativamente poco e per questo devo ancora prendere le misure. In questi giorni sto allestendo una delle pareti enormi della scala disegnando come un’ossessa -come Will di Stranger Things stagione due per capirci- ritratti di Dora Mar e di Picasso. Pure Guernica, come fossi posseduta. E dall’angolo di questo muro poco distante fanno capolino loro. Lisa con il suo silenzio, le labbra rosse e i palazzi. Sta prendendo tutta la forma che ho desiderato. Troppo lentamente per come sono abituata.

Ma forse è meglio così. In silenzio mi godo il momento di questo profumo fortissimo che vorrei tanto far sentire a papà. Perché ogni volta che sistemo, butto giù e rialzo vorrei solo una cosa. Farglielo vedere.

Poi in silenzio mi rispondo che. Che lo sta vedendo. E ritorna la pace.

  • Questa che vedi è l’ultimo arrivo. Sì perché da quando ho scritto il post -non è colpa mia- ne è arrivata un’altra (e nessuno dica che ne arriveranno ancora. Proprio no*disse Pinocchio). Dire che è meravigliosa è poco. L’ho presa sempre su Mr Porter e ricorda moltissimo la linea della mia vanity table. 

(e ho spoilerato l’uso che ne ho fatto della tazza. Ma ne ho ancora molte da raccontarti)

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Happy Vegan Christmas

Un libro che racconta un Natale total veg saporito, bello e profumato. Karoline sorprende con semplicità e con una disarmante bellezza.

Christmas Tea Time

La storia del marchio Dammann Frères ce la raccontano i diretti interessati nel sito ufficiale. Si tratta di un’infinita gamma di tè pregiati. Sir...

Mele, uvetta e cipolla

Amo questo contorno. L'ho scoperto un po' di anni fa e da allora è stato amore infinito. Facile, veloce, total veg e perfetto per quando hai voglia di qualcosa di buono e sano.

Chicago Pizza

La Chicago pizza, o deep dish pizza, ha un impasto dai bordi molto alti che viene riempito da mozzarella, salsiccia, parmigiano e salsa marinara.

Le polpette di melanzane

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

More recipes like this