Uno scrub a base di sale rosa e olio di cocco

Le basi per fare un ottimo scrub base per il corpo con il sale sono due:

  • Sale grosso 
  • Olio

Si può conservare, questo scrub, anche all’interno di barattoli di vetro opportunamente lavati e sterilizzati. Tenendo in bagno il barattolo infatti sarà più facile ricordarsene (e rimane sempre un’ottima idea regalo perché puoi personalizzarla con un bel barattolo, qualche fiocchetto e un’etichetta deliziosa). Basta mischiare il sale con dell’olio, che può essere d’oliva, di cocco, di avocado, di macadamia, semi che preferisci e mischiare per bene. Aggiungi qualche goccia essenziale dalle proprietà che preferisci e il gioco è fatto. Inumidisci la parte che ti interessa e passa lo scrub con movimenti circolari decisi. Lascia agire anche qualche minuto prima di risciacquare. Questo tipo di scrub elimina la pelle morta grazie alla consistenza e all’azione del sale ma idrata anche tantissimo la pelle -nutrendola- grazie alla presenza dell’olio.

Basta davvero pochissimo per prepararlo e passarlo sulla pelle e i risultati saranno più che soddisfacenti, tanto che non potrai più farne a meno. Di sicuro troverai la dose, la profumazione e la consistenza che più si confanno alle tue esigenze.

Sale rosa e olio di cocco

A me piace moltissimo la combo sale rosa e olio di cocco, ma non disdegno affatto anche questo tipo di scrub con altri tipi di oli. Aggiungo sempre l’olio essenziale di lavanda o in alternativa il limone. 

Non usare (mai) lo scrub dopo esserti depilata e naturalmente non insistere (mai) sulle zone arrossate, escoriate o con ferite. Presta inoltre bene attenzione in doccia o in vasca perché comunque questo scrub -come tutti quelli che hanno l’olio- può diventare potenzialmente pericoloso. Non rimane oleosa solo la pelle infatti ma anche le superfici della doccia e della vasca. Purtroppo l’incidente domestico potrebbe essere dietro l’angolo (te lo dice una che ha fatto uno scivolone epico le prime volte. Non farmi preoccupare!).

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY