Una maschera antica, efficace e sorprendente: l’albume d’uovo

L’albume è una base per tantissime maschere viso e capelli, ma oggi parliamo della maschera più semplice in assoluto che nutre e rigenera la pelle dandole un aspetto sano, fresco e incredibilmente luminoso.

Ingredienti? Albume e limone

Niente di più facile. Sbatti il bianco di un uovo con il succo di mezzo limone. Con l’aiuto di una garza sterile (o di un pennello pulitissimo a setole sintetiche) ricopri il viso -evitando sempre il contorno occhi- e lascia agire 20-30 minuti. Sciacqua poi con abbondante acqua tiepida.

L’uovo contiene proteine, vitamine e minerali ed è uno dei modi più economici e sani per prenderci cura della nostra pelle e dei nostri capelli. Ultimamente poi in commercio c’è un fiorire di maschere a base di uova. Perché non approfittarne e sfruttare tutti i benefici preparando delle semplicissime maschere in casa? L’effetto finale, dopo l’utilizzo dell’uovo, è quello di un lifting immediato. Sì perché la pelle si stende immediatamente ed essendo l’uovo una ricchissima fonte di vitamine A, B e D favorisce anche l’attività cellulare.  Grazie al limone i punti neri verranno debellati e la pelle subirà un’azione schiarente, oltre che purificante.
La maschera all’albume stupisce sempre chi non l’ha mai provata. Io stessa me ne stupisco ogni volta, pur conoscendola da decenni (la faceva mia nonna) cado regolarmente nell’acquisto di centinaia di maschere in tessuto.

La domanda è sempre quella, poi: perché non la faccio più spesso?

 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY