Frappe, Chiacchiere, Bugie e…

Frappe, Chiacchiere, Bugie, Nacatole, Crostoli, Galani, Cenci, Grispelle, Ciacole, Lattughe, Galle, Sprelle, Grostoli, Vanti! Su Instagram ci siamo scatenate! E che felicità! Sarà assurdo ma ogni volta che condividiamo dei ricordi e parole mi ritrovo lì con l’iphone a tirare su con il naso perché irrimediabilmente commossa. Non ho fatto molte ricette per Carnevale quest’anno; anzi rettifico: non faccio ricette di Carnevale già da diversi anni. Sarà che da nostalgica del Natale vivo ancora il dramma di dover attendere molti mesi. Attendo più che altro la Pasqua, che straripa di cioccolato e conigli. Natale, Halloween e Pasqua sono in quest’ordine le uniche tre feste che mi mandano davvero in visibilio. E quest’anno proprio per la Pasqua vorrei portare a termine un piccolo progetto. È un’impresa a dir poco ardua ma voglio -e DEVO- riuscirci. Non ti anticipo niente perché è ancora davvero troppo presto (anche se…).

Volevo però segnare il passaggio del Carnevale perché questo blog -e soprattutto io- ha bisogno dei vecchi fasti e momenti. Ha bisogno -e soprattutto io- di un tempo scandito con ordine e sogni. Non potevano mancare quindi le rappresentanti assolute delle tavole del Carnevale. La cosa più bella è stata confrontarmi con tutti i diversi nomi di chiamare le chiacchiere. Mi è stato raccontato di nonni che a novant’anni ancora friggono galani. Di tradizioni e forme. Di nodi arrotolati con marmellate e creme. Di colazioni allegre con quel profumo di fritto che ti invade le narici e pure l’anima.

E io che le ho fatte pure a strisce e a pois avevo bisogno di semplicità. Di una nevicata sottile e dolce di zucchero per stare lì con il naso all’insù e ammirare questa incredibile meraviglia.

 

TI ASPETTO SU INSTAGRAM

Per tutto il resto ti aspetto sul mio Secondo Canale Instagram interamente dedicato al food e lifestyle: IAIAGUARDO

 

 

 

 

 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY