Zucchina bianca e ricotta salata

Nonna raccoglieva le zucchine dal suo orto. Quelle verde chiaro. Le poggiava sul suo grembiule che teneva in su come un tesoro prezioso. Si dirigeva nella piccola cucina tutta scassata e le tagliava a fette sottili con tanta precisione. Poi raccoglieva la menta con delicatezza. Mi chiamava affinché mi avvicinassi per sentirne l’odore. U sciauru. Friggeva le melanzane e io la guardavo seduta su una sedia sgangherata mentre disegnavo Candy Candy e Lady oscar. Poi arrivava con un piatto di pasta fumante. Me lo metteva davanti. Mi sorrideva mentre grattugiava la ricotta salata e diceva:
Mangia Sciatu miu.

Sei sempre qui, Nonna.

Della pasta con le zucchine fritte e la ricotta salata ne abbiamo parlato tante volte; una in particolare con la zucchina lunga a serpente e l’altra con una pasta deliziosa cento per cento con farina di lenticchie. 

Questa volta le ho fatte con le zucchine classiche bianche, dette anche Triestine, che hanno a volte una graziosissima forma a stella quando le tagli.

Le affetto sottilmente ma non troppo perché secondo me devono avere un po’ di spessore e carattere. Faccio una pasta, non importa quale. Friggo rigorosamente come nonna in olio extra vergine d’oliva e lascio asciugare le zucchine in carta assorbente o, come faceva nonna nello scolapasta. La pasta deve essere in bianco senza alcun tipo di condimento se non un filo di olio. E poi sopra le zucchine.

E poi, la nevicata di ricotta salata.
Semplice ma indimenticabile.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY