Pasta con la zucchina longa e ricotta salata

Una nevicata di ricotta salata

Uno dei primi piatti siculi più famosi con la zucchina lunga (zucchina LOGNA). Te ne ho parlato svariate volte sia qui sul blog che sui social. A cucuzza (zucchina) longa/logna o Cucozza/cucuzzella si chiama anche Zucca da pergola i cui frutti hanno una forma appunto molto allungata (invece della tipica a fiasco). Vengono chiamate anche “serpente” proprio per la loro forma lunga, verde vagamente somigliante alla forma del rettile. Sono perfette per preparare zuppe e paste soprattutto e fanno parte della tradizione siciliana sì ma anche pugliese e napoletana. La amo! La amo follemente. Soprattutto la Zuppetta estiva di cui ti ho parlato tantissime volte (e che trovi qui)

“Queste zucchine possono superare il metro. Il sapore e anche la buccia sono totalmente diversi dalle zucchine classiche. Si preparano in diversi modi e sono eccezionali anche fritte (ma anche farci una bella parmigiana di zucchine un’idea malvagia non è) ma “la morte sua” è con le patate e il pomodorino. A me questa minestrina estiva ricorda tanto la mia infanzia, insieme alla pasta che taddi (con i tenerumi). La preparava spesso la mia nonna e la colf mi ha regalato anche la sua versione. Sono piccole variazioni che fanno sempre la differenza ma che raccontano storie infinite che odorano di ricordi e bellezze”

 

Quella che ti propongo oggi è la zucchina lunga in versione fritta che accompagna la pasta e una bella nevicata di ricotta salata. Devi solo scolare la pasta, aggiungere olio, poggiare le zucchine fritte e aggiungere ricotta salata abbondante e se ti piace foglie di menta. Niente altro. Assolutamente nulla. Di sicuro una delle delizie più semplici e gustose che si possano cucinare, soprattutto d’Estate quando la zucchina lunga dà il meglio di sé.

Il Video lo trovi qui  su Instagram

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

ARTICOLI RECENTI

MUST TRY