Christmas Tea: I tè natalizi più buoni

Gli essenziali e imprescindibili

IL PODCAST DI OGGI

QUINTO EPISODIO

Christmas Tea Party:

Puoi ascoltarlo qui su Apple

Puoi ascoltarlo qui su Spreaker

Puoi ascoltarlo qui su Spotify

Ogni giorno a Mezzanotte la nuova puntata!

A sinistra della Long Gallery, tra la hall e il Ritz Restaurant, si trova il Palm Court. Ci sono specchi e colonne che ti catapultano in quel mondo. Insomma diciamo che alla classica domanda “in che periodo avresti voluto vivere?”, fermo restando che avrei detto indubbiamente sempre e solo il mio, risponderei: vittoriano inglese. Mi piacciono gli abiti e le case. Mi piacciono gli scacchi e le scale che si attorcigliano. Mi piace il grigiore e i colletti abbottonati. Mi piace l’idea della gonna lunga e delle scollature coperte. Mi piace l’eleganza, i modi e mi piace quella lentezza e il garbo. Mi piace tutto quello che è lussuoso ma non sfrenato e invadente. Mi piace la semplicità di una tazza anche rotta presa al mercato ma di buon gusto. Non mi piace lo sfarzo eccessivo ma quello sussurrato. Il mio animo è da sempre e per sempre vittoriano.
Oggi prendiamo un tè insieme e organizziamo un incredibile Christmas Tea Party.

 

Ma quali sono i tè migliori?

Ci siamo lasciati ieri con alcune ricette sfiziose e incredibilmente buone per il Christmas Tea Time. Ma quali sono i miglior tè-tisane e infusi per questo periodo? Se mi segui anche solo da un po’ sai la mia passione smisurata. Sul canale YouTube trovi anche diversi video dedicati con i preferiti di sempre, ma stavolta ci soffermeremo in quelli dal gusto squisitamente natalizio.  Che io ami Damman, per quanto volte l’ho ripetuto, è un assioma. Mi dispiace solo avere questa difficoltà nel reperirlo. Ai cugini francesi, credo, non dobbiamo fare tanta simpatia perché ho notato che moltissimi prodotti vengono spediti dai vari shop online tranne che in Italia. E, onestamente vedere tutte le lingue neolatine comprese anche quelle orientali e mediorientali senza la presenza dell’italiano è alquanto triste, ça va sans dire. Maille e Damman, da me sempre idolatrati sono prodotti che ahimè rischiano di essere introvabili. Nonostante questo, continuo imperterrita senza alimentare buio e antipatie ma con la speranza che prima o poi questo -sicuramente- “disguido?”- possa avere una fine.

I cofanetti di Damman natalizi sono i migliori c’è poco da fare. Possiamo dirne di marche analoghe ma rimane tra i marchi migliori. Mi piace molto il Coffet Happy Holidays con due tè assortiti: uno è il numero 155 che è il christmas tè the noir aromatsé da 40 grammi e l’latro il Christmas Tea, ovvero the vert aromatisè. Il primo ha del caramello, maraschino e ananas mentre il secondo della vaniglia, cannella, arancia rossa, mela e altri sapori che profumano prepotentemente di scorza.

Gli scorsi anni c’erano anche delle meravigliose pochette di Damman con tris e bis di tè dal sapore speziato e profumatissimo. Basta andare sul sito per poterne apprezzare la bellezza; anche qui sul blog ci sono diversi post dedicati. Le latte sono curate e bellissime da portare in tavola. C’è il BOÎTE VIDE DAMMANN FRÈRES – MON THÉ DE NOËL, NOËL À PARIS e BOULE DE NOËL con una deliziosa forma che riprende le classiche palle di natale da appendere all’albero.

Dopo aver parlato di Damman in genere ci può essere solo il silenzio, ma non voglio fermarmi ai prodotti solo di fascia alta perché ce ne sono alcuni -anche da supermercato. Colpo di scena ma non troppo!- davvero degni di nota. Ho avuto modo di parlare diverse volte nelle storie di instagram del marchio l’Angelica. Non mi aveva mai convinta del tutto per il tipo di comunicazione. Lungi da me parlar male del lavoro altrui; non l’ho mai fatto né mai lo farò. C’è però da dire che della comunicazione, ecco quella sì. Due parole vorrei spenderla. Scrivere continuamente “pancia piatta”, “ventre piatto” come se un tè/tisana potesse in qualche modo farti raggiungere la tanto chimera (?) agognata del ventre piatto lo trovo scorretto. Non sono una che “urla” la propria opinione e si lamenta di tutto e niente, ma di fatto con argomenti molto delicati bisogna prestare tantissima attenzione. È ingannevole scrivere pancia piatta su una tisana. Non lo è per chi è dotato di conoscenza e raziocinio, certo ma non è per tutti così.

Insomma, non sono di serie la conoscenza e il raziocinio. Solo chi li possiede deve far in modo di divulgare, al fine di non dare false aspettative o ancor peggio incoraggiare in un certo qual senso un messaggio totalmente errato.

Doverosa premessa fatta, ho ceduto e ho assaggiato la linea al cacao di l’Angelica e devo dire che onestamente sono buonissimi e che ce ne è una grande varietà. Molte ragazze dolcissime che mi seguono conoscendo la mia passione per tisane e affini, soprattutto al gusto di cacao mi hanno incoraggiato a provare: buone! Costo esiguo, si trovano ovunque e grande varietà. E lo shop te le spedisce pure senza problemi perché è italiana (frecciatina ai cugini, pardon! Vi amo lo stesso).

L’Angelica, Fortnum and Mason e Pukka

Oltre lo shop si trovano alla Coop e facilmente in generale nei supermercati. C’è anche il calendario dell’avvento, che ho sempre mostrato in un video su instagram e che ti lascio qui nel caso in cui lo volessi vedere. Come tutti i calendari dell’avvento di tè e tisane un ottimo modo per poter degustare diversi gusti e scegliere poi eventualmente quale acquistare in confezioni intere. Io ho comprato il mega box di Emozioni al cacao con degustazioni dove sono presenti i prodotti di tutta la linea. Che dire? Soddisfatissima e a chiunque lo offra, piace e pure molto. Credono che sia chissà quale prodotto ricercato e invece è proprio a portata di mano. Alla Coop, come dicevo. Cacao e nocciola mi piace molto ma devo dire che Cacao, lampone e vaniglia mi ha proprio sorpreso. Quello con la mandorla e il caffè non è tanto di mio gusto ma cocco e caramello con cacao mi ha rapito. Ci sono multipara pure da 10 pezzi e confesso di averli presi. Insomma ho fatto una discreta scorta (e ora voglio pure provare il cioccolato in crema spalmabili che si chiama Buonissima! Mi hanno detto -sempre su YouTube- che quella fondente è davvero buona. Staremo a vedere). Insomma L’Angelica consigliassimo come marchio e se cambia pure quell’orrendo pancia piatta: plauso e applauso. Speriamo in bene.

Ti lascio in fondo all’articolo anche alcuni vecchi video che contengono comunque tisane, tè e infusi ancora in commercio e sempre validi; che riconfermo ogni anno e che non abbandono mai. Pukka come sai è un prodotto che amo da più di un decennio e non ci rinuncio mai; un po come Yogi tea (amo!). È diventato un compagno fedele di vita, meditazione e relax. Sicuramente rispetto al Damman e all’ultimo arrivato Angelica  – parlo di tre prodotti molto distanti in effetti gli uni dagli altri- Pukka ha un sapore più blando. Più leggero. Ma se ti piace più strong, come a me, basta mettere due bustine e il gioco è fatto. Di sicuro i miei preferiti di sempre rimangono il Night Time, la camomilla, le tre cannelle e i tre zenzero. Anche se poi fondamentalmente mi piacciono davvero tutti compresi limone, zenzero e manuka (sublime!). Di nuovi prodotti ultimamente -già da due anni credo se non sbaglio- non ce ne sono. Mi rifaccio quindi ai classici. Però ecco ti segnalo assolutamente il Ginseng Matcha Green e il Wild Apple e Cinnamon perché sono assolumente perfetti per il periodo; soprattutto l’ultimo grida natale fortissimo. Tutta la linea dedicata all’elegante English breakfast è buona davvero tanto quanto il gourgeous Earl Grey. Sempre sapori molto leggeri. Lievi, quasi. Ma profumati e perfetti per un tea time indimenticabile. Neanche ti dico l’after Dinner: pensa che ne tengo sempre due bustine in borsa, proprio dentro il portafogli perché non si sa mai dove mi trovi, lo prendo. Devo averlo sempre con me.

Una devozione assoluta con Pukka (e anche qui nel caso puoi prendere il calendario. Disponibile pure su amazon così hai modo di provarne ben 25 tutti diversi. Un’occasione che fa gola a molti, giustamente. Io che li conosco tutti lo prendo ogni anno perché è davvero bello poter cambiare ogni giorno. Cambiassero pure la grafica, a voler trovare un difetto, sarebbe anche meglio visto che sono anni che è sempre la stessa)

(ma lo amo ugualmente, inciso)

(non volevo fare la solita accomodante)

Gli amici inglesi ci vogliono bene (Seconda frecciatina per i cugini francesi. Oggi sono proprio indisciplinata. Si vede che ci sono rimasta malissimo per Damman e Maille? Mi sa di sì) e Fortnum and Mason spedisce senza alcun problema in Italia. Tranne quest’anno perché tra Covid, Brexit e solo il cielo a cosa: è andato tutto a scatafascio. Sul sito di Fortnum si scusano per non poter inviare ma che dall’anno prossimo sarà tutto ristabilito. Neanche ti dico quanto io soffra all’idea di non poter acquistare la mia dose di tè per il periodo di natale e i miei tanto amati Toffolossus, biscotti al caramello su cui ho disquisito così tanto che credo di aver superato a parole -e fatti suppongo- pure il signore che li ha inventati. Che il cielo lo abbia sempre in gloria, tra l’altro.

Da Fedele appassionata però attenderò perché l’attesa ti fa davvero capire il valore delle cose. Ergo, sono qui che attendo. Fortuna che ho anche una discreta scorta (non di toffollossus ahimè). Tre anni fa tra l’altro ho acquistato questo meraviglioso cofanetto in legno massiccio decorato con un’illustrazione molto pregiata e di ottima fattura con dentro una grande selezione di tè; chiaramente li ho già fatti tutti fuori ma La scatola mi è rimasta e la riempio costantemente con mie personali selezioni e fa sempre un figurone perché è davvero splendida; un po’ come quelle vittoriane dei vecchi tempi*sospiro.

 

 

Ho fatto una selezione natalizia per te

e la trovi qui 

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY