Vegan Waffle zucca

Che io sia un’invasata. Per i waffle. Non è più. Un segreto. Tutto. Con. Tanti punti per dare ancora più concretezza. Cosa Sto dicendo non lo so. Ma so che faccio dei waffle buonissimi. E lo dico da più di dieci anni che non sono brava a cucinare, ma cribbio i waffle li so fare. Li so fare, davvero! Non fidarti mai di me ma dei miei waffle, sì. Li ho provati a occhio la prima volta. Vado molto meglio senza contare ed essere precisina

 

Vegan Waffle alla zucca

200 ml di latte vegetale
160 gr di farina 0 (o quella che preferisci)
1 cucchiaino e mezzo di lievito
60 ml di olio vegetale (va bene anche metà dose . Vengono meno soffici)
3 cucchiai di purea di zucca cotta (io vado a occhio senza problemi)
sale e pepe se vuoi o spezie che preferisci
Mescoli tutto e metti nella macchinetta oliata. Due-tre minuti per lato, dipende dallo strumento che hai, e sono pronti. Questa è la versione salata, per la dolce puoi aggiungere all’ impasto lo zucchero/dolcificante che vuoi o pensare di farli neutri ed eventualmente insaporire, secondo il tuo gusto, dopo. Sono buonissimi in entrambe le versioni.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

MUST TRY