Home / FIABE  / Un primo da Favola: Cenerentola e la scarpetta di Zucca con Nocciole su letto di Ceci e cenere di Lenticchia

Un primo da Favola: Cenerentola e la scarpetta di Zucca con Nocciole su letto di Ceci e cenere di Lenticchia

Nella Favola dei fratelli Grimm le sorellastre versavano Ceci e Lenticchie nella cenere in modo che Cenerentola -da lì il nome perché piena di Cenere sempre- dovesse raccogliere i legumi uno ad uno.

“Ti rovescerò nella cenere un piatto di lenticchie e se in due ore le sceglierai tutte, andrai anche tu al ballo” disse la matrigna di Cenerentola. Cenerentola aiutata da due colombe e tortorelle riuscì a prendere tutte le lenticchie dalla cenere.

E’ così che voglio cominciare questa nuova serie di Ricette dedicate alle Favole. In realtà si tratta di un progetto -di due anni fa- che doveva diventare altro. Poi per una serie di ragioni personali, che non è difficile intuire, ho tenuto tutto da parte. Non sono pronta a pubblicarlo qui per “ripiego”, perché rimango dell’idea che se nasce un’idea deve seguire il percorso iniziale. Si può certamente plasmare a seconda degli eventi, trasformare e rielaborare ma l’indirizzo a cui è destinata comunque rimane sempre quello. In quanto idea stessa. Sull’iperuranio non si scherza, no?

Per rispetto all’idea stessa di cui è fatta. E all’essenza. Volutamente mi sono costretta però a parlarne in modo da spronarmi affinché quei due anni non diventassero tre. Poi quattro. Poi troppi. Allora comincio con la favola per eccellenza. Con il primo libro che mi ha regalato papà. Ho delle foto nascoste in un cassetto di mamma. Era un libro con la copertina azzurra. Lo portavo ovunque. Narra di una domenica insieme a papà e il suo amico Alfio -come spesso accadeva- quando siamo saliti sull’Etna. C’era la neve. Poca però. Non quella che tutti intendono neve. Vera.

Una neve per un siciliano, insomma. Che decide di rimanere vicino ai Crateri Silvestri senza troppo avventurarsi. Che si perde per le chiesette sommerse dalla pietra lavica e che poi va a mangiare la carne in qualche trattoria. E anche allora non smettevo di chiedere “papà ma questa è una coscia di pollo? intendo proprio una coscia?” e papà rideva. “Sì. E’ proprio una coscia, amore”.

Che strano era? Una coscia.

E’ stato il mio primo libro. E’ stato il mio primo e credo unico pupazzo di neve -tolto uno in Calabria ma non l’avevo mica fatto io. C’è una foto. Sempre in quel cassetto di mamma. Un pupazzo di neve. Una bimba che chiede di cosce che bacia un pupazzo di neve con in mano un libro dalla copertina azzurra con disegnato su Biancaneve  e i topolini. E c’è un papà orgoglioso dietro. Che ride e la guarda con quegli occhi che nessuno mai avrà per lei. O forse sì.

Ci sono foto nei cassetti di mamma. E ho deciso di aprirli tutti. Ribaltare tutto. Non nascondere e aspettare. Perché voglio che sia un Natale da Favola e pure un anno. Altrimenti papà non ride più.

E allora forse oggi potrei essere nuovamente sull’Etna. A cercare papà e un pupazzo di neve.

La Ricetta

(6 persone)
Per la pasta e per il ripieno ho adoperato 700 grammi di zucca (cruda) che al forno è diventata 510 circa.

Pasta:

150 grammi di farina di semola, 150 grammi di farina 00, 25-30 ml di acqua, 1 uovo, 30 ml di olio extra vergine d’oliva, 130 grammi di zucca (cotta)

Ripieno:

300 grammi di zucca cotta, 100 grammi di nocciole, 100 grammi di ricotta o formaggio spalmabile, olio extra vergine di oliva, sale.

Quello che le foto non dicono

  • Il sottopiatto è H&M Home
  • Il portatovaglioli Zara Home
  • Le ruote della Zucca le ha fatte il mio adorabile Alessandro usando una specie di fresa che si adopera per fare quadri elettrici
  • Il piatto è Ikea
  • La zucca l’ho acquistata da una signora dolcissima che le vendeva per strada. Andando sull’Etna. Davanti alla porta di casa.
  • Il tovagliolo è parte del servizio di nozze di Mamma. Ricamato a mano da? Nonna, ovviamente.
  • La scarpetta l’ha fatta insieme a me Santa Signora Pina.
  • La foto è stata scattata quando ancora Papà non correva sulle nuvole.

Incredibile come in una foto possa esserci tutto questo, vero? Incredibile che dietro tutto questo ci sia ancora. Ma davvero ancora. E ancora molto di più. In un infinito. E oltre.

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
5 COMMENTS
  • gluci77 27/11/2015

    Sono già innamorata persa di questo tuo progetto… ^_^ provo a ripensare a tutte le favole che conosco e alle possibili ricette… che bello Iaia!!!!! Anch’io desidero con tutta me stessa che questo sia un bel Natale, come ti scrivevo appunto qualche giorno fa… e sono pronta, prontissima! Allora, quale sarà la prossima favola?! (ti voglio bene stellina, tanto <3 )

  • ssandrici 27/11/2015

    <3

  • Bibi 27/11/2015

    amora <3

  • Giulia Pan 28/11/2015

    Quanta bontà! Iaia hai mai pensato di scrivere un libro illustrato per bambini? 🙂 io ti ci vedrei proprio 🙂

  • kuroko 01/12/2015

    Questo progetto spero possa avere una vita propria e diventi incontrollabile. E ti carichi dentro una carrozza di zucca che rimane zucca (sennò cosa si mangia durante il viaggio?) e ti porti in giro. Sull’Etna. Nei cassetti. Su fogli e piatti nuovi. E soprattutto dovunque tu possa sentirti a casa e al caldo e al sicuro. Ché mò fa davvero freddo.

    <3

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi