Cibo e Favole: Il Plumcake (vegano) di Biancaneve

Must Try

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Ritorna Cibo e Favole e per farlo ho deciso di pubblicare questa foto (datata 2012) che avevo negli archivi e fa parte di un progetto mai finito, che spero un giorno veda la luce. Del resto una decina di anni fa ero partita con Project12, dove dodici era appunto il numero delle cose da realizzare, ma poi sono arrivata a Project83838383 mila e mi sono persa un po’ per strada. Adesso però sistemando pian pianino e incastrando tutto sto riuscendo in qualche modo, e con enormi difficoltà ma che odorano sempre di sorriso, a far sì che non lasci nemmeno un sogno irrealizzato. L’importante del resto è sognare. Chi è che diceva che al massimo si è fatto un giro tra le stelle non lo ricordo, ma è una filosofia di vita -come ho avuto modo già di dire fino allo sfinimento- che mi piace parecchio e che fa proprio parte di me.

Oggi un plumcake, che ho voluto fosse vegano, in onore della meravigliosa Biancaneve e i Sette Nani; insieme ad Alice e Cenerentola una delle mie favole preferite. Ho già preparato la crostata e altre delizie in onore di questa allegra combriccola. Mentre Biancaneve prepara la crostata di mirtilli arriva la Strega Cattiva, che non perde occasione di dirle “gli uomini preferiscono la crostata di mele”. In effetti Dotto nel film della Disney chiede a Biancaneve se può preparare “la crosmata di tele”, perché non sa parlare bene ma intende proprio la crostata di mele. Inizialmente volevo preparare una bella crostata che comprendesse sia le mele che i mirtilli ma poi mi sono detta che un bel plumcake senza creme, facilissimo da preparare sarebbe stato perfetto per i nani che vanno in miniera, e per noi tutti. Ho pacioccato un po’ alla rinfusa, sicuramente con meno grazia di Biancaneve e il risultato è stato buonissimo. Adesso poi arriva anche la stagione delle mele quelle buone e io non vedo l’ora perché nel tempo mi sono resa conto di amarle come mai avrei creduto.

 

 

 La ricetta

  • 190 gr di farina di riso
  • 190 gr di farina 00
  • 150 gr di zucchero
  • 50 gr di farina di cocco disidratato
  • vaniglia
  • 300 gr di latte di soia
  • 60 gr di olio evo
  • 120 gr di mirtilli freschi
  • 1 mela
  • 1 limone
  • zucchero per spolverare

Devi lavorare tutti gli ingredienti (tranne i mirtilli e la mela, che devi macerare un pochino nel succo di limone) insieme. Non importa se a mano, nel Bimby, con la frusta elettrica o nel robot. Devi lavorarli per bene e amalgamarli. Poi aggiungere i mirtilli interi. Versare in una teglia da plumcake imburrata, mettere le mele sopra e infornare a 190 già caldo per almeno 30-40 minuti ma fai la prova stecchino per essere sicuro. Metti zucchero a velo e voilà: pronto.

 

Forse potrebbe interessarti leggere...

3 COMMENTS

  1. IO ho fame solo a guardare le foto non è che mi spedisci un quintale di plum cake eh? chiedere non costa nulla, appena ho un weekend libero provo a rifarlo:P

  2. tu sei magica come fata turchina.. e questo plumcake entra già nella mia lista di dolcetti da fare, che io sto cercando di rendere un po’ meno calzati, più che altro per gusto personale..tipo lo zucchero ne uso sempre metà della dose scritta..oppure le uova preferisco papparmele al tegamino se posso creare dei dolcetti senza di esse..quindi hai vinto e secondo me pure Dotto se ne innamora..
    io le mele le amo da sempre…vago per i boschetti campagnoli e collinari dei miei dintorni per cercarne di selvatiche, brutte e storte….croccanti e succose,con me vai a nozze…
    non vedo l’ora arrivino le altre favolette assieme alle altre ricette..
    ti abbraccio fortissimo maghettina mia…
    Manu.

Rispondi a giulia Cancel reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.

More recipes like this