La pastella magica di Mio cugino Vincenzo

Must Try

La Panna Cotta al tè matcha

Un dolce gustoso, facile e fresco caratterizzato dall'inconfondibile sapore del tè matcha. Perfetto per un dopo pasto ma anche per accompagnare un tè nero fumante caldo e avvolgente.

Semi di papavero e glassa di limone

Una delle preparazioni più buone mai preparate. Mi è sempre piaciuto moltissimo questo accostamento, quello dei limoni con i semi di papavero. Diversi dolci pasquali polacchi e dell’Est Europa hanno proprio i semi di papavero; anche il cozonac, per esempio, ha diverse volte il ripieno di semi di papavero. Il risultato -ma con una ricetta di Ottolenghi è facile- è sorprendente. Molto profumata, leggera e gustosa.

Tiramisù fragole e basilico e un dolce speciale

Un tiramisù molto profumato e fresco. Stupisce per leggerezza e freschezza questo dolce al cucchiaio di cui tutti sono ghiotti.

A brioscia co zuccuru – La brioche catanese più famosa!

La differenza tra la brioscia co zuccuru e quella col tuppo. È importante e non da sottovalutare.
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Nella remota e sfortunata ipotesi che tu non avessi mai visto Mio cugino Vincenzo sappi che hai commesso un errore madornale, che a mio parere dovrebbe essere punito legalmente. Mi sono schiaffeggiata quando ho visto di non aver inserito, a buon diritto perché Marisa Tomei ha vinto l’Oscar come Miglior Attrice, questo meraviglioso cult nella Rubrica a Cena con Oscar. Come ho potuto? Non me ne capacito. E mentre incredula mi colpevolizzo cerco di ticchettare, sperando un giorno di poter espiare questa imperdonabile colpa. Qualora avessi Sky sappi che alla voce Cinema-Oscar lo trovi (ma puoi noleggiarlo su Apple tv, comprarlo su Amazon, chiedermi la videocassetta perché orgogliosamente ce l’ho. E pure in dvd e blu-ray. Non scherzo su Mio cugino Vincenzo!). Proprio in questi giorni l’ho rivisto. Succede sempre con determinati film. Come quando lo danno in prima serata e tu lo hai visto trenta volte ma vuoi star ancora lì a guardarlo.

Vinny “Mi sono messo in questa ridicola tenuta PELLEI!”. Ecco. A questa battuta rido sempre. Ma rido di gusto, e capita raramente. In realtà è un’iniezione di allegria, tutta la visione. Mentre viaggiano in Alabama (dai, ti dico un po’ la trama?) Billy e Stanley vengono ingiustamente accusati di un efferato omicidio in un paesino sperduto con leggi rigidissime. Parte come una commedia degli equivoci fino a diventare assurdamente brillante. Il cugino di Billy, Vincenzo appunto, neolaureato in legge (e non proprio di primo pelo), lo aiuterà durante l’impervio cammino con degli outfit incredibili, stivali da cowboy e fidanzata (Marisa Tomei) con capello cotonato, abito succinto e occhialone d’ordinanza. Il processo è a dir poco esilarante. Il giudice è un personaggio sublime che al solo pensarci già ridacchio convulsamente. Una commedia -come quelle di una volta (modalità vecchia rimbambita accesa)- che vedi e rivedi senza mai stancarti. Un indiscusso cult con un epilogo geniale.

 La Ricetta?

La pastella magica!

Purtroppo non posso e voglio dirti il perché. Semplice! Se non lo sai non lo hai visto. E se non lo hai visto non ti fornirò ulteriori elementi. Devi sapere il perché della pastella magica, indiscussa protagonista del processo. Ne ho scelta una che ricorda moltissimo i crumpets ma non li ho cotti come fossero appunto queste deliziose frittelle -nel coppapasta per intenderci- ma come si fa con i pancake. Il risultato è una frittella farinosa ma gustosa da arricchire con sciroppo d’acero o frutta; che sia disidratata o fresca poco importa. Nel film (credo) si tratta di un altro tipo di pastella ma non si specifica quale. Comunque vada: è una pastella magica che si trasforma, no?

L’accento siculo di Vinny (doppiato da Leo Gullotta) è esasperato e il suo modo spontaneo -per non definirlo anomalo- è nettamente contrapposto alla rigidità del giudice; ma sono proprio questi due protagonisti che rendono unica la pellicola. Senza contare la bravura di Marisa Tomei, che per quanto mi riguarda verrà sempre ricordata nella sua meravigliosa deposizione.

Ingredienti

  • 260 grammi di farina
  • 1/4 di cucchiaino di zucchero semolato
  • 1/2 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1 cucchiaino di lievito di birra disidratato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 310 ml di acqua tiepida
  • 1/4 di cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 125 ml di latte intero tiepido

In un recipiente mescola farina, zucchero, lievito e sale. Aggiungi l’acqua e mescola per due minuti. Copri e lascia riposare a temperatura ambiente per un’ora. Stempera il bicarbonato nel latte e incorpora delicatamente nell’impasto. Imburra il coppapasta e la padella. Fai riscaldare la padella e a fuoco medio versa circa 50-60 ml di impasto all’interno del coppapasta (o dei coppapasta dipende da quanti ne adoperi. Io li ho fatti uno a uno per non far “sballare” troppo la temperatura). Cuoci per 4-5 minuti, poi con la spatolina gira e termina la cottura.

Forse potrebbe interessarti leggere...

3 COMMENTS

  1. Mia nonna li faceva sempre quando ero piccola 😍… sopra poi il vino cotto… grazie 😊 non avevo la ricetta… lei andava sempre ad occhio😘

    • Mamma mia quante risate!
      Ma l’ultimo film che hai visto? Hai qualcosa da consigliarmi?
      Un bacio grande

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this