Il basmati cotto nel tè e il pollo al curry

Non è propriamente la ricetta classica del pollo al curry, diciamolo. E quello mi piace sempre farlo in padella come ormai da anni. Questa è più una rivisitazione. Una sorta di mix riadattato per l’utilizzo della slow cooker. Fai tagliare il pollo a cubotti (intendo cosce e sovracosce disossate) e dopo averlo lavato spruzzaci sopra mezzo limone (fidati di zia Iaia, dai). Una volta fatto questo in una terrina metti il pollo e della farina in modo che tutte le carni siano infarinate. Anzi no! Sai che fai, ancora meglio, prendi un sacchetto di quelli richiudibili di plastica se ce l’hai (altrimenti continua nella terrina). Nella busta di plastica richiudibile metti: pollo, sale, pepe, farina, curry, curcuma, zenzero e paprica in polvere. Agita come ci ha insegnato quella santa donna di Nigella Lawson e poi con un filo di olio extra vergine d’oliva nella crock pot metti i pezzetti di pollo e cuoci per non più di tre ore (ma dipende dalle carni e dalla grandezza quindi regolati tu, per piacere. Non è colpa mia. Lo è sempre ma stavolta no) a temperatura alta. Aggiungi pochissimo latte di cocco. Ma proprio pochissimo. Se non ce l’hai e vuoi sostituirlo o semplicemente non ti piace (perché è comprensibile): aggiungi poco latte intero o di soia o magari la panna. Ma se metti un po’ di panna e dici che sono stata io a consigliartelo giuro che litighiamo.

Il riso basmati è cotto nel tè, semplicemente. Puoi scegliere tu quale. Io l’ho fatto in un tè alla cannella e sì, non in modo invadente ma il riso aveva un pizzico speziato interessante.

QUESTO POST È STATO PUBBLICATO IL: 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Seguimi anche su Runlovers

Tutte le settimane mi trovi con una ricetta nuova dedicata a chi fa sport

MUST TRY