Home Tags Ibri

ibri

Heston Blumenthal at home

Heston Blumenthal nasce nel 1966 a Buckinghmashire ed è un cuoco, un personaggio televisivo e uno scrittore. Proprietario e fondatore di The Fat Duck e Berkshire è stato premiato con tre stelle Michelin nel 2004. Esponente della prestigiosissima e ristretta cerchia dei cuochi molecolari migliori al mondo. Credo possa bastare come piccola introduzione, nevvero? Il volume di oggi è Heston Blumenthal at home Il volume costa 47 euro ed è Castelvecchi edizioni. Le fotografie (meravigliose) sono di Angela Moore e l'art direction e design è di Graphic Tought Facility. Come nel caso di "Facciamola facile", il libro di Gordon Ramsay su cui ho ticchettato qualche giorno fa e che promette di regalarci una fotografia dello Chef in casa e uno spaccato di realtà ben lontano dalle stelle michelin e piatti ricercati anche questo volume si prefigge come obiettivo: portarci in casa di uno Chef pluristellato e farci sentire meno ossequosi (mission impossible, già).

Niko semplicità reale

Di questa edizione ho tanti libri di Grandi Chef e uno su tutti, quello poi che mi piace molto più che parecchio è Menu per quattro stagioni di Sadler. Credevo pure di averne parlato qui sul blog. Così è ma non all'interno della Rubrica di Iaia. Tocca provvedere ma è tempo di Niko Romito, che gestisce con la sorella il ristorante Reale, di chi è chef patron. Entrato nei Jeunes Restaurateurs d'Europe, diventa dopo due anni Giovane dell'anno nella guida Ristoranti Italiani de L'Espresso. Nel 2009 ottiene due stelle Michelin e tre forchette dal Gambero Rosso. I coautori di questo libro sono Clara Vada Padovani e Gigi Padovani, ovvero un'esperta di storia della cucina e critica gastronomica e un giornalista de La Stampa dal 1985 e critico gastronomico. Quest'ultimi sono due coniugi che hanno scritto anche Conoscere il cioccolato, premiato dal Bancarella della cucina e Gianduiotto mania (che ho e che amo. In realtà di loro due ne ho anche altri e li adoro). Le foto meravigliose sono di Francesca Brambilla e Serena Serrani. Foto di chef e collaboratori sono in bianco e nero. Tra le mura della città, per strada e affacciati a una ringhiera. Tono che contrasta con il colore vivo dei piatti come opere d'arte. Il ristorante Reale è a 1300 metri di altitudine in Abruzzo ed è diventato meta golosa. In pochi anni Niko e la sorella Cristiana sono riusciti a trasformare la trattoria di famiglia in un ristorante gastronomico. Dalle tagliatelle con il ragù si è passati all'ostrica pomodoro e mela e all'assoluto di cipolle, parmigiano reggiano e zafferano.

Fai come Isa di Isa Chandra Moskowitz

Isa Chandra Moskowitz è autrice di best seller e il suo sito web è seguito con passione da milioni di lettori. Isa si dedica alla cucina vegan creativa da oltre due decenni e per sette anni consecutivi è stata nominata miglior scrittrice di ricettari da Veg News. Cresciuta a Brooklyn, vive a Omaha e scrive questo libro delizioso con le bellissime foto di Vanessa Rees. L'editore è Sonda, che ho avuto il piacere senza mai stancarmi di lodare per questa incredibile produttività di meraviglie. Il prezzo, come tutti i libri editi da Sonda, è davvero basso e si attesta intorno ai 19.90. Bassissimo per la qualità e il contenuto. La grafica e anche le illustrazioni iper colorate e simpatiche. Un altro libro d'acquistare, sì. Fotografie invoglianti. Altro che cibo vegan triste, sono piattoni stracolmi di leccornie a tutta pagina con altrettante spiegazioni più introduzioni e motivazioni (mi piace tanto quando c'è l'introduzione a ogni ricetta). Pagine che sanno di pregiato, colorate da sfumature pastello e moltitudine di stili che si mischiano creando la personalità dirompente di questa incredibile Vanessa Rees. Il libro è strutturato in questo modo:

Hamburger Gourmet

Le ricette sono 58 e dopo l'analisi dell'Hamburger e la storia si passa a un puro cento per cento di carne e pesce e poi a un mix di carne e spezie e pure un cento per cento vegetariano. A seguire le ricette dello chef al coltello e poi i Blendies ovvero i dolci americani rivisitati. Stilisticamente accattivante anche l'enunciazione della ricetta. Disegnino con l'animale in questione e pure un consiglio su cosa berci su. Nome del panino, difficoltà espressa in numero di panini, tempo di preparazione e numero di hamburger. Spiegazione chiara, semplice, intuitiva e senza tanti giri. Pagina bianca adorabile. Font accattivante. Cielo ma è tutto perfetto? Sì. Se non ci fosse carne ovunque. Pesce ovunque. Formaggio ovunque. Salse ovunque. Sarebbe il mio libro preferito. Ma forse lo diventerà nonostante tutto. Credo di aver trovato in assoluto lo stile, il font, l'organizzazione e tutto quello che vi è intorno: letteralmente perfetto. Dico qualche panino per solleticare la fantasia? (sfoglialo se lo trovi e nel dubbio acquistalo senza timore perché non rimpiangerai affatto di averlo preso. Anzi!)

Veggie Burger

Le autrici sono Clea e Estèrelle Payany, che ho scoperto essere la stessa autrice di due volumetti mignon della Tommasi editore che ho adorato, ovvero Smoothie e Yogurt. Il prezzo del volume è davvero ridicolo -9.90- per il contenuto, l'estro grafico che volge sempre all'illustrativo e per gli incredibili consigli e foto davvero semplici ma belle. Le fotografie sono di Charlotte Brunet e lo styling di Kessie Kanelos Weiner. Molto colorato e simpatico e anche molto piccolo. Non arriva alle 100 pagine e si sfoglia in un pochissime ore. Mi è arrivato da alcuni giorni e me ne sono perdutamente innamorata. Lo capisco quando comincio a dire questavogliofarlaquestaanchequestaanche ogni volta che giro pagina. Il tutto è diviso in introduzione con ingredienti e attrezzatura utile e pure un simpaticissimo kit per burger sul quale voglio ritornare più avanti. I panini con le ricette. Non sono tante ma le trovo equilibrate e giustissime per ogni occasione: panini senza latte e burro, panini alle patate, panini senza glutine, panini al riso basmati, panini ai semi e spezie e panini di farina di segale alla melassa. Seguono le polpette vegetali e il burger party. Le polpette vegetali non sono tante (aspetta che le conto... uhm... 13) ma è difficile resistere a ognuna singolarmente. Le elenchiamo? Certo che sì!

Ricette Vegetariane di Chloe Cocker e Jane Montgomery

Chloe Cocker è nata e cresciuta in una famiglia vegetariana. Ex avvocato, ha trasformato la sua passione per la cucina diplomandosi chef alla Leiths School of Food and Wine. Jane Montgomery ha abbandonato la carriera di pubblicitaria per incanalare il suo talento creativo e l'amore per la cucina. Il fotografo che scatta per questo libro è William Reavell, londinese e specializzato nel food. Un libro di cucina vegetariana, ergo non estremista dai; anzi tutt'altro. Piatti prelibati con ingredienti di facile reperibilità e che si possono replicare giornalmente senza alcun tipo di difficoltà. Diviso per: Colazione e Brunch Stuzzichini Salse e Contorni Minestre e Insalate Piatti principali Dolci prelibatezze Le foto sono interessanti, la carta non patinata e lucida ma più casalinga e morbida e i colori un po' spenti. Non come quelli accecanti di Donna Hay per capirci. Orientati più alla Jamie Oliver ma siamo lontani anni luce da quel risultato. Alle due autrici piace vagare per mercatini e ce lo raccontano nell'introduzione. Prediligono chiaramente la frutta e la verdura di stagione e cereali, legumi, noci e semi. Sottolineano quanto sia sbagliato immaginare i piatti vegetariani come insipidi e privi di gusto e che purtroppo molti profani che si sono imbattuti magari in questo tipo di preparazioni cominciano a demonizzare la suddetta categoria. E mi trovo d'accordissimo con questa semplice quanto vera considerazione.

Fusion Ideas: Fritti di Ernst Knam

Ho parlato di Oltre, firmato da Ernst Knam, qui, edito da Reed Business Information (Italian Gourmet); nello Shop molte volte si trovano anche offerte molto interessanti (per chi non mi seguisse e dovesse capitare qui è giusto sottolineare che questa Rubrichetta non è in alcun modo sponsorizzata o chissà che altro. Deliro circa i volumi che acquisto e bon. Finisce lì). Oltre è un libro meraviglioso seppur poco utile, perché di certo non è così naturale volersi cimentare in uno dei capolavori racchiusi nelle pagine. Fritti per certi versi è più alla portata di noi comuni mortali (regia può comunque fare partire le risate registrate? Grazie). Come tutti i volumi di queste edizioni economico non è, anche questo come Oltre si aggira intorno ai 75 euro nel caso in cui non si dovesse prendere insieme ad altri o in offerta. Di questo allegro gruppetto colorato e meno serioso degli altri a cui appartiene anche Oltre, possiedo "Dal Mare - Pesci, alghe e molluschi" di Matteo Vigotti con le fotografie di Giovanni Panarotto, " In verde" la filosofia vegetariana di Pietro Leemann (su cui ticchetterò prestissimo) e "Igles3" I tre periodi della cucina di Igles Corelli. La collana si chiama Fusion Ideas e ognuno dei volumi è colorato come un'opera concettuale. Quello che ho tra le mani è giallo canarino ed è un'esperienza anche quando viene sfogliato, perché è fatto con una carta lucidissima e profumata come seta e un altro tipo ruvida al tatto, che ricorda quelli dei conetti per fritti dove si infilano calamaretti e pescetti caldissimi da gustare passeggiando su un lungomare

L’Essenza del Crudo: Zuppe, Creme e Vellutate

Per David e Mathieu sembra essere una missione perché amano ogni giorno fare dei gesti responsabili, dicono, improntati al rispetto del proprio organismo e dell'ambiente. Loro ci credono davvero e servire alimenti vivi che nutrono e rigenerano il corpo dicono essere un'occasione privilegiata per informare le persone, invitandole quindi a compiere un gesto innanzitutto verso se stessi senza dimenticare l'impatto ambientale. Insomma David e Mathieu sembrano degli invasati pazzi che potrebbero pure cominciare a parlare di alieni per alcuni, altrimenti due tipi davvero da ammirare. Sta a voi capire da che pianeta arrivate, insomma. Chiudono il loro manifesto con una frase tanto semplice quanto meravigliosamente pregna di significato. Siamo al servizio della vita.

E se vi dicono che non c’è….

  Non date fuoco alle librerie come minacciate da una settimana (facendomi cappottare continuamente dalla sedia ridendo perché santapizzetta manca ancora un po' ad Halloween...

Le mie Storie in Cucina

A Must Try Recipe

La Food- Disegnoterapia

Puoi concentrarti su di un piatto per impararne bene le forme e prenderci dimistichezza. L'importante è zero stress. Non pensare mai che tu non sia in grado di disegnare. Sai farlo. Ti stupirai.

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati.

Ti porto nel salone Vittoriano

Ti porto nel mio salone vittoriano per prendere un tè insieme. Ti racconto del progetto e ti mostro qualche angolo inedito.

La Primavera di Fernanda, la mamma

Di questa Primavera ho parlato tantissimo in svariate occasioni, perché mi ricorda mamma ed evoca tanti preziosi ricordi.

La carbonara di fave

Con le zucchine, con gli asparagi, con l'avocado e pure con le fave. La carbonara vegetariana è ricca, buona e sorprendente.