Ricette Vegetariane di Chloe Cocker e Jane Montgomery

Must Try

La carbonara di Avocado

La carbonara è solo una, e siamo tutti d'accordo. Le declinazioni vegetali però sono gustose, ricche e sorprendenti. Questa una variazione che ti promette un successo assicurato.

La carbonara di Asparagi

Una versione vegetariana di uno dei primi più amati in tutto il mondo.

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 

Risotto con miele di manuka e yogurt

La Ricetta Facilissima e di ridicola preparazione. Lascio dorare la cipolla nell'olio extra vergine d'oliva e quando è ora metto il riso a tostare. Aggiungo...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Chloe Cocker è nata e cresciuta in una famiglia vegetariana. Ex avvocato, ha trasformato la sua passione per la cucina diplomandosi chef alla Leiths School of Food and Wine. Jane Montgomery ha abbandonato la carriera di pubblicitaria per incanalare il suo talento creativo e l’amore per la cucina. Il fotografo che scatta per questo libro è William Reavell, londinese e specializzato nel food.

Un libro di cucina vegetariana, ergo non estremista dai; anzi tutt’altro. Piatti prelibati con ingredienti di facile reperibilità e che si possono replicare giornalmente senza alcun tipo di difficoltà. Diviso per:

  • Colazione e Brunch
  • Stuzzichini
  • Salse e Contorni
  • Minestre e Insalate
  • Piatti principali
  • Dolci prelibatezze

Le foto sono interessanti, la carta non patinata e lucida ma più casalinga e morbida e i colori un po’ spenti. Non come quelli accecanti di Donna Hay per capirci. Orientati più alla Jamie Oliver ma siamo lontani anni luce da quel risultato. Alle due autrici piace vagare per mercatini e ce lo raccontano nell’introduzione. Prediligono chiaramente la frutta e la verdura di stagione e cereali, legumi, noci e semi. Sottolineano quanto sia sbagliato immaginare i piatti vegetariani come insipidi e privi di gusto e che purtroppo molti profani che si sono imbattuti magari in questo tipo di preparazioni cominciano a demonizzare la suddetta categoria. E mi trovo d’accordissimo con questa semplice quanto vera considerazione.

Ci sono opzioni vegane anche e pure senza glutine. Una delle cose più importanti che giustamente sottolineano è che molte volte nelle preparazioni i latticini si possono tranquillamente omettere. Elemento importante per chi è intollerante, oltre che vegano. A volte si ha più l’abitudine di insaporire, legare e arricchire con la famiglia dei latticini che per un vero e proprio gusto o “necessità”.

C’è l’immancabile introduzione alla sana dieta vegetariana che riguarda pure la scelta lato salute ed etica e, diciamolo, cose trite e ritrite per chi si interessa a questo tipo di cultura e cucina. Fondamentale però nel caso in cui questo volume fosse tra i primi che si tengono in mano. Non è questo il caso e quindi è sacrosanto non sminuire questa interessante entrèe alla lettura piacevolissima che segue. Un libro davvero molto bello e utilissimo che ti dà infinite idee anche per una serata tra amici, perché ci sono sì le ricette casalinghe ma anche quelle sfiziose che si prestano bene ad allegre tavolate. Molto spesso ho sfogliato questo volume edito da Red Edizioni, che sono molto attente sia alla cucina vegetariana che vegana e di cui possiedo felicemente molti titoli. Il prezzo è di 19.50 ed è assolutamente onesto. Il formato è facile, trasportabile e nonostante la leggerezza porta con sé una bella valigetta di preparazioni. La colazione e il brunch rimane in assoluto il mio capitolo preferito. Tutto comincia con il pane di farina di mais che è leggero e piccante al tempo stesso. Pane che ho provato (e non ancora pubblicato qui sul blog) come prima ricetta se non ricordo male (ma potrei, considerato il mio attuale stato neuronale sul confuso andante). Rosti di patate e sedano rapa con funghi, spinaci e uova. Frittata ai peperoni e zafferano con aioli, Frittelle di ceci alle erbe aromatiche con halloumi e peperoni (le pubblicherò ben presto e hanno ottenuto un enorme successo), Frittelle di mais con salsa piccante di avocado e molto altro. Di quella tipologia che non basta mai quando si vuole organizzare un brunch, qualcosa di facile veloce e divertente in piedi (ma anche seduti) con diverse pietanze sfiziose ma senza quell’angosciante e opprimente paura che il tempo necessario per organizzare tutto sia infinito.

Gli stuzzichini? Sono i soliti d’accordo ma anche no. Ci sono gli arancini ai funghi, le frittelle di zucchine con yogurt alla menta (che ricordano un po’ quelle preparazioni mediorientali che custodiscono meraviglie), ravioli cinesi di verdura (che stanno lì al reparto stuzzichini senza un perché ma che le papille e pupille accolgono a prescindere con entusiasmo), barchette di insalata belga con barbabietola cumino e cereali (mollllllto interessante), samosa con yogurt all’aglio e limone, bocconcini di halloumi impanati (e sì. Se te lo stai chiedendo l’halloumi è il feticcio del libro in pratica. Se non hai l’halloumi ti piglia male). Le salse (unite come categoria ai contorni, nessuno mi chieda perché vi prego) sono molto ricercate e curiose ed è un capitolo parecchio interessante: salsa remoulade di barbabietola, sedano rapa e mela, crema di melanzane e cipolle con pita alla paprica, quartetto di pesti saporiti, caponata e vabbè il ketchup che fa tanto inizio millennio ma è sempre bello avere la ricetta (l’ho messa pure io sul mio libro, oh. Sul ketchup non si scherza! E poi avrei dovuto nel mio caso specifico offendere Jack Torrance e il piccolo Danny. Avrei mai potuto? Giammai!).

Tortini cheesecake con noci salate, cipolle ripiene, spezzatino orientale di melanzane e fagioli al forno casarecci prima di arrivare al capitolo dolci che vanta: Fool al rabarbaro, arancia e vaniglia con shortbread, Torta di pasta di mandorle alle prugne, Sorbetto estivo di frutti di bosco con tuiles di mandorle, Meringhe alla nocciola con panna e lamponi, Crumble di mele, more e mandorle, Pesche affogate all’amaretto con crème fraiche, Carpaccio di ananas, Arance caramellate con mascarpone e pistacchi tostati e Torta morbida all’arancia, mandorle e amaretto.

In definitiva? Libro molto utile che verrà consultato spesso trovando conferme. Poche ricette non particolarissime ma sfiziose per chi si avvicina al mondo della cucina vegetariana da neofita. Prezzo interessante, foto belle e non troppe nozioni o specifiche come spesso accade in determinati volumi. Si va dritti al punto: piccola introduzione, ingredienti, esecuzione e foto.

Forse potrebbe interessarti leggere...

3 COMMENTS

  1. Se poi mi dici dove hai trovato l’halloumi mi fai feliceeeeeeeeeeee!!!!!! Non vedo l’ora di leggere la ricetta delle frittelle di ceci!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this