Fai come Isa di Isa Chandra Moskowitz

Must Try

Le lasagne con il ragù (di lenticchia)

Il ragù di lenticchie, food obsession di sette anni fa circa, è tornato in voga più che mai. E io, chiaramente, ne sono felice. Pur non essendo un'appassionata di pasta lo sai -assurdo ma faccio parte della setta del riso- queste lasagne fanno molto gola anche a me. 

Pancake vegani con il latte di mandorla

Non sono una fan dei pancake, perché mi piacciono più i waffle ma devo dirti che questi sono in assoluto i pancake più buoni mai provati. Li preparo con il latte di mandorla e li declino in molte variazioni.

Fragole e olive nere: l’abbinamento vincente.

Le olive nere, quelle morbide e gustose, accostate alle fragole riescono a regalare noti di gusto uniche e imperdibili. Una semplice insalata che non passerà inosservata.

Hummus speziato di Ceci e Cannellini

Mi piace mangiare l'hummus con la verdura cruda tagliata a listarelle, soprattutto le carote.
Iaia
Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Isa Chandra Moskowitz è autrice di best seller e il suo sito web è seguito con passione da milioni di lettori. Isa si dedica alla cucina vegan creativa da oltre due decenni e per sette anni consecutivi è stata nominata miglior scrittrice di ricettari da Veg News. Cresciuta a Brooklyn, vive a Omaha e scrive questo libro delizioso con le bellissime foto di Vanessa Rees. L’editore è Sonda, che ho avuto il piacere senza mai stancarmi di lodare per questa incredibile produttività di meraviglie. Il prezzo, come tutti i libri editi da Sonda, è davvero basso e si attesta intorno ai 19.90. Bassissimo per la qualità e il contenuto. La grafica e anche le illustrazioni iper colorate e simpatiche. Un altro libro d’acquistare, sì. Fotografie invoglianti. Altro che cibo vegan triste, sono piattoni stracolmi di leccornie a tutta pagina con altrettante spiegazioni più introduzioni e motivazioni (mi piace tanto quando c’è l’introduzione a ogni ricetta). Pagine che sanno di pregiato, colorate da sfumature pastello e moltitudine di stili che si mischiano creando la personalità dirompente di questa incredibile Vanessa Rees. Il libro è strutturato in questo modo:

  • Introduzione
  • Le basi della cucina vegana alla portata di tutti
  • Come lo fa Isa?
  • Attrezzatevi!
  • Fate scorta!
  • Tagli vegani
  • 7 consigli per una cucina semplice e salutare
  • Cambio! Le modifiche preferite per sostituire gli allergeni più comuni
  • Zuppe
  • Insalate
  • Panini, Burger & Co.
  • Pasta e Risotti
  • Stufati, Chili e Curry
  • Stir-Fry: piatti rosolati e salati
  • Tutto in una ciotola (o quasi)
  • Le cene della domenica
  • Alimenti proteici di base
  • Colazione, brunch e prodotti da forno del mattino
  • Dessert

Isa racconta con fare gioviale e simpatico che da bambina non sfornava torte di mele con la nonna e neanche cucinava con la mamma gli ingredienti colti dal giardino. Che prova addirittura invidia quando sente questo determinato tipo di racconti. Nella sua famiglia si mangiava pasta pronta e purée confezionato in fiocchi. Dice che la cucina le era estranea come l’astrofisica. Poi all’improvviso la scelta di diventare vegetariana e dopo troppe pizze al formaggio era pronta per variare la sua dieta. La seguirono a ruota libera la mamma e la sorella e da allora il mondo della loro cucina variò diventando completamente altro. L’amore per la cucina nasce nel 1989 a Brooklyn insieme a un fratello che odiava i vegetariani ma che presto si è dovuto ricredere e tanto. La passione scatta e ci si ritrova in cucina a spadellare insieme. Si divertivano tantissimo quando lasciavano alle spalle l’aria fredda e il rumore del treno per essere avvolte da quel bouquet di profumi: aglio, olio e cannella. Isa dice che non ama creare banchetti enormi e stravaganti con cene da cinque portate ma qualcosa da mettere in tavola che sia semplicemente buono e facile da realizzare. Per questo motivo ci svela qualche segreto su come organizzarci e come stupire. Un libro davvero incredibile questo. Che riesce come Pasticceria Vegana a far dimenticare sin da subito quell’idea errata che si tratti di una cucina povera di alimenti, ripetitiva e nauseante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ci aiuta a fare la spesa suggerendoci tutto l’essenziale: legumi precotti e a cottura rapida, pasta e noodles, cereali e simili, alimenti in scatola, aceto, conndimenti e alimenti in barattolo. E li enuncia uno per uno. Dalla senape di Digione alla salsa hoisin. Dalla tahina al burro di arachidi sino ai fagioli dell’occhio e le lenticchie per arrivare al latte di cocco, noci, mandorle e tantissimo altro. Passa dalla colazione al brunch sino al pranzo della domenica illustrandoci ogni tipo di portata e lo fa con tale simpatia, naturalezza e sfrenata fantasia che è impossibile non innamorarsi di questo libro. Per chi ne possiede tanti, di volumi vegan, non stuferà assolutamente. Parola di una che ce li ha tutti… ahem. Quella delle zuppe è una delle mie sezioni preferite: vellutata di piselli secchi e rutabaga, vellutata di riso e ceci, vellutata di patate dolci e curry rosso con riso e cavolo riccio rosso, zuppa cinese acidula ai funghi e l’harira con melanzana e ceci (che ho provato ed è buonissima). Zuppa al pesto con gnocchi, fagioli e verdure e bisque di zucca variegata al cocco fino alla zuppa di broccoli formaggiosa. La Caesar Salad di quinoa e l’insalata Ranch con patate rosse e ceci affumicati. Bhindi Masala con fagioli dell’occhio, Stufato orientale ai funghi, Chili con polpette di fagioli e stir-fry con avocado, basilico e arachidi. Yakisoba di Omaha con cavolo rosso e masi, Pad Thai di ogni giorno, Seitan estivo rosolato con coriandolo e lime, Riso fritto al mango, Stir Fry all’arancia con seitan di ceci e Seitan e broccoli con salsa barbecue casalinga (che non vedo l’ora di fare perché un rivolo di bava mi è sceso lungo l’angolo della bocca solo leggendola). Insssssssssssssssomma. Infinite ricette super gustose che solo a sfogliarle si va in iperventilazione.

Un’influenza mediorientale e indiana fortissima che mi fa amare tutto ancor di più. Malai Kofta di Chandra ma anche cosmopolita come mai si è visto in queste preparazioni: Sheperd’s Pie di Tamales, Nachos e molto altro. Muffin con mirtilli, sciroppo d’acero e crusca e con banana e frutta secca. Plum cake al limone e mirtilli e Muffin con farina di mais. Scones con banane e frutti di bosco e Plum cake alla banana marmorizzato, Biscotti al rosmarino e gocce di cioccolato, Biscotti con avena e uva passa, Cookies giganti al cioccolato e Biscotti di pan di zenzero al cioccolato con gocce di cioccolato bianco. Una scelta e varietà incredibile che fanno di questo libro un vero e proprio Must Have.

E se sei arrivato fin qui vieni premiato con una cosa che ti dico all’orecchio: il terzo commento ne vince una copia. Sarà infatti mia premura spedirtelo direttamente attraverso Amazon. E un bacio. Di quelli grandi.

Forse potrebbe interessarti leggere...

21 COMMENTS

  1. Credo che lo regalerò al mio amico vegano che dice di non avere mai la giusta ispirazione per cucinare piatti buoni ma che ha voglia di sperimentare…belle foto e il prezzo gisuto!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

La frolla con i fiori

I fiori si possono ammirare, coltivare, regalare e mangiare. Sì, esistono dei fiori eduli perfetti per zuppe, insalate e dolci sorprendenti.

Il poolish

Il poolish, altrimenti detto biga liquida, serve per consumare pochi grammi di lievito di birra. Un altro modo per consumare meno lievito e ottenere dei...

(Japanese) Tulip Sandwich

Di rara bellezza spicca il Tulip Sandwich, che regala uno splendido tulipano all'apertura. Questo modo tagliare il sandwich è tipico giapponese anche nella versione salata.

Il Latte di mandorla Siciliano

Per noi siciliani è sempre stata la bevanda estiva. Quella che bevi ghiacciata sotto il patio nella bottiglia di vetro. Uno scrigno di ricordi e bontà.

Torta al cioccolato vegana (la più buona since 2012!)

Era il 2012 quando per la prima volta pubblicavo questa ricetta sul Blog. Ne rimane traccia però solo un vecchio post che non ricordavo....

More recipes like this