Home / Bento  / 弁当

弁当

Chi ha visto Dolls di Kitano ben sa quale valore possa assumere il Bento. Qui in casa ha quell’esatto significato. Chi non ha visto Dolls di Kitano ha tutta la mia comprensione. Fine dell’inciso.

 弁当 Nonostante il Bento oggi goda di molta popolarità, grazie(leggi:  a causa/qualche volta) alla folle moda dilagante di mangiare giapponese (leggi: perchè fa chic), sto qui a sproloquiarne giusto un po’ proprio oggi che cade il Kodomo No hi, la festa dei bambini in Giappone come annunciavo giusto ieri su Kodomoland (si festeggià lì oggi, se vi va. Sarei felice di avervi ospiti. Inutile dire che sono in ritardo, vero?) . Mi disturba e non poco questo atteggiamento nei confronti di una tradizione culinaria talmente complessa nella sua assurda semplicità che provo quasi (senza quasi) fastidio fisico ai limiti dell’orticaria quando ciarlando allegramente vien fuori che ” ho mangiato quella cosa arrotolata e dentro forse c’era del pesce ma che schifo l’alga!” sino ad arrivare “a me non piace il sushi però quando devo andare prendo la tenpura perchè alla fine è un fritto normale”. Ad ogni sillaba di questa frase comprendo quanto io sia intollerante verso il genere. Quel “quando devo andare” cela un’imposizione. Al giapponese ci si va perchè fa figo agitare le bacchette e dire “cinciaolin” tirandosi con le ditine gli occhietti.

Manca di disquisire sul sushi servito sul corpo nudo di una donna, pensare che la geisha sia una escort  e andare a vedere il cinepanettone ” Natale a Tokyo” ben sapendo che il miniroll finirà nell’inquadratura delle labbra carnose della tettona di turno  approdata direttamente dall’ultimo reality, per capire che no. Nulla di tutto questo ha a che fare con la grande cultura culinaria giapponese. Trattandosi di arte pura è pur vero però ( e giusto) che ad avvicinarcisi siano pressochè tutti, indi per cui è bello che esista anche quella fazione. Il fatto che io ne fugga a gambe levate è un’altra storia.

Il Bento, che altri non è che un pranzetto preconfezionato nel classico stile minimalista che annienta per bellezza stupendoti per quanto possa essere meravigliosa una mela intagliata a farfalla, è solitamente consumato a mezzogiorno. Nulla di strano alla fine perchè chi non ha avuto il classico thermos con polpette o mozzarellina durante gli anni dell’asilo? Io lo avevo. Uno rosa e uno in acciaio. Era dotato di divisori per separare i cibi differenti e aveva anche un tessuto-borsetta confezionato appositamente da mamma per trasportarlo. Certo è che non fossi hashi-munita ma avessi solo forchetta e cucchiaino ( di Poochie, inciso). Nella tradizione giapponese le scatole bento classiche erano molto simili e non certamente così abbellite. In commercio se ne trovano di una varietà imbarazzante e non sono di difficile reperibilità (sette anni fa vi assicuro che era praticamente impossibile a meno di non dover ricorrere ad Ebay) . Diversi materiali come il legno o il metallo ma anche diverse dimensioni. Monocolore, technicolor, decorate con opere artistiche come le onde di Hokusai (giusto per citarne uno non a caso), laccate ed interamente realizzate a mano. Alcune di queste (moderne) all’interno contengono il thermos per mantenere la temperatura del prodotto; che si parli del cibo o di bevande.

Chiaramente io e la cultura giapponese abbiamo un intermediario (leggi: fidanzato Nippotorinese) di tutto rispetto e qui in casa è ormai routine confezionarne a iosa. Confesso che però  la mia passione per l’oriente è cominciata all’età circa di otto anni quando durante un capodanno a Palma de Mallorca sono stata rapita visivamente da una bimba giapponese ospite del mio stesso albergo. I nostri genitori si sorridevano non potendo comunicare in alcun modo. Abbiamo pranzato e cenato sorridendoci. Io la sera prima di andare a letto, dopo aver visitato la città, trascorrevo il tempo con questa bimba (purtroppo senza nome ma che ho sempre ricordato come Yukiko.  Random anche Mikiko. Random anche altri nomi con iko. Non chiedetemi il perchè. Il ricordo ancestrale mi attanaglia e con molta probabilità quell’Iko c’era) disegnavamo. Disegnavamo continuamente e ridevamo. Da qualche parte nella casa di mamma c’è un quaderno con dei disegni di Iaia e Yukiko o ikoacaso che sorridevano a Palma de Mallorca. Da quel dì mi feci la promessa che avrei imparato il giapponese. Ancora non ho mantenuto siffatta promessa ma in compenso convivo con il Nippotorinese che parla giapponese e anche un po’ di cinese. Dovessi rincontrare Yukiko parlerebbe lui al mio posto ed io continuerei a sorridere come la scema che sono. In realtà, dopo una breve passione con la lingua cinese, sto studiando duramente già da un po’. Speriamo di smetterla di sorridere e al massimo dirle ” sai che mi manchi Yukiko? ma soprattutto: come ti chiami?”

Quando ancora il Nippotorinese faceva traversate Italia-Oriente (leggi: prima che io gli rovinassi la vita e fosse costretto a lasciare il suo lavoro per starmi accanto) ero entusiasta a dir poco perchè si faceva corriere di un import export interessante. Tra le moltitudini di gadget irrinunciabili, ingredienti bizzarri, peluche di Totoro, e una serie di amenità che “metà (non) basta” erano incluse le scatole bento. Mi vergogno ad ammettere di possederne una quantità imbarazzante. Inquantificabile e di vario genere.  In particolar modo ve ne sono due alle quali sono particolarmente legata; interamente realizzate a mano e dipinte. Due opere d’arte che non uso sinceramente per la realizzazione di pranzetti bentosi. In questa occasione ho usato il primo bento-box. “Stranamente” in una versione conigliosa. Il più vecchio che ho e mi si conceda: il più semplice ma che dentro ha storie da raccontare. Tante storie.

I bento possono essere molto elaborati e spesso mi cimento in realizzazioni bento nello stile kyaraben (bento di personaggi) dove il cibo assume soprattutto forme di cartoni animati, quali anime e fumetti. Una vera e propria “competizione” accade nelle scuole o negli uffici. Nel primo caso quando la mamma lo realizza per il figlioletto e nel secondo per il marito; difatti tradizione vuole che l’uomo o il bimbo che sia “gareggi” un po’ sulla bellezza del proprio bento con gli altri “compagnetti di scuola-colleghi di ufficio “ decretando poi ( in sordina) quale “mamma-moglie” sia più abile e brava nella realizzazione ; che sta un po’ ad indicare quanta dedizione ci metta, indice di amore e premura.

Nonostante si possano comprare già belli che confezionati come un sandwich da noi o una rustichella in autogrill sta di fatto che possedere un bento confezionato con le manine della persona che si ama è davvero tutt’altra storia.
La storia, le tradizioni che lo ricollegano all’hanami  e tutto quello che ne consegue sono affascinanti e se ne potrebbe disquisire per ore.  Prometto non lo farò. Non mi sono resa conto di aver farfugliato così tanto ahem. Ho la festa per il Kodomo No Hi da organizzare e sarei non troppo sorprendentemente in ritardo. Smetto di farfugliare anche perchè con questo bento partecipo ad un contest e avrò già annoiato abbastanza, qualora impavidi si fosse giunti fino qui. Il contest è organizzato dalla splendida Carolina di Semplicementepeperosa (che essendo nella giuria non posso sbaciucchiare saltandole addosso e urlandole ” Caroooooooo ti adorooooooooooooooo” ma è come se lo stessi facendo in effetti) e da Kitty’s Kitchen in collaborazione con Casa Bento .

Da un po’ non realizzavo bento semplici  in questo modo e non in stile Kyaraben come mi è solito fare all’interno del Gikitchen. Confesso di avere una vera e propria mania. Trasformare il Galbanone in Ponyo o in un Hishimochi senza mochi  è più forte di me.

Il bento che ho realizzato contiene tanti piccoli assaggini dal gusto vagamente orientale, con ingredienti però facilmente reperibili nei più comuni supermercati Italiani.

Nigiri con Salmone affumicato e Maionese al sapore di Salsa Wasabi, Carpaccio di peperoni e Fragole con Edamame scottate nel sakè (c’è qualcosa di più buono dell’edamame? Provate le fragole con il peperone. Hanno la stessa nota dolciastra ed è un connubio interessante), Mini crackers con alga nori ( qui in casa sono un must perchè non mancano mai wakame e goma. Vivo per wakame e goma a dirla tutta), classico “gohan” , riso bianco con un Usagi Egg – uovo sodo coniglioso (non ho resistito, mannaggia!) e mini wurstel a forma di Tako-polpo, letto di insalata belga con mini pinzimonio da irrorare con la salsa e olio di soia presenti nelle mini boccettine, mini sandwich di salmone affumicato con crema di tofu, un piccolissimo tamagoyaki (che si fa in un batter d’occhio perchè in fondo è una frittatina chicchesenedicatuttattaccato) con carne di maiale arrotolata dentro e per finire un mini cocktail di gamberetti con maionese e wasabi ( e un tocchetto di zenzero fresco grattugiato,  che con i gamberi è un must). Consegno ufficialmente la ricetta per partecipare a questo strabiliante Contest. Quando c’è di mezzo Caro è sempre tutto al Top, c’è poco da fare.

 
E come dice sempre saggiamente Caro  c’è sempre un motivo per preparare un Bento! Direi che è ora di fiondarsi!
Magari stasera stessa per festeggiare i vostri bimbi (anche un po’ cresciutelli eh)  in casa, vista la ricorrenza . Non siamo in Giappone ma chi se ne importa. Si è sempre bambini. Io festeggio Yukiko stasera.
Perchè la ritroverò. Ne ho certezza assoluta (e sono belle anche le favole, già) 

Una che disegna, scrive, cucina e fotografa ma non fa bene nessuna della quattro cose.

Review overview
54 COMMENTS
  • Wish aka Max 05/05/2011

    Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrimoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    • Wish aka Max 05/05/2011

      Chemmeloprepari un bento pureammé??? Con guanciale arrotolato ripieno di fritto di sugna…

      • maghettastreghetta 06/05/2011

        Bento con Muffin di Pecorino e fave? seppppoofffaaa!! arrotolo guanciale e fave e pecorine e faccio pure bicchierino con amatricianalinguinesca.
        guarda che lo faccidavverosai?!

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Finalmente!!!

  • Cey 05/05/2011

    Questo lo vinci a mani basse, sei il fottuto dio del bento

  • veru 05/05/2011

    clap clap clap… io pure c’ho un’amica che si chiama per davvero yukiko e quando siamo andate al mare lei c’aveva un costume allucinante e allora ogni volta che la sento o la vedo le chiedo se ha comprato dei costumi nuovi e lei mi risponde che non è scema come me che continuo a comprare gadget improbabili da ragazzina poco cresciuta.
    Ecco, una Yukiko farebbe bene alla vita di tutti! 🙂

  • Cey 05/05/2011

    E stasera brinderò a quella Yukiko che sicuramente ogni tanto ti pensa ancora, pensa a quella ragazza dal nome che non si ricorda che fosse Maia?Iaia? sicuramente finisce in -Ia, e che già mi piace tantissimo anche se non la conosco =)

  • Carolina 05/05/2011


    Avrei milioni di cose da dirti, ma non so neanche da dove iniziare… Iniziamo con un grazie, così almeno si parte con il piede giusto.
    La tua proposta è semplicemente favolosa, ma in merito non avevo dubbi. Sei stata la prima e siamo decisamente partiti col botto! 😉

    ps: ti ho scritto una mail per spiegarti. E un DM su twitter per avvertirti della mail. Spero che ti arrivi tutto.

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Non ho ancora letto email e twitter ma provvedo, Caro.
      Senza tanti giri di parole e frizzi e lazzi a me interessa solo ed esclusivamente una cosa ma credo tu la sappia.
      Partecipare ad una tua iniziativa. Che poi sia stratosfericamente bella non è neanche troppo sorprendente (ci sei tu di mezzo. E’ un’assioma e basta)
      Grazie a te, davvero.
      Un bacione.

  • Ely 05/05/2011

    io adoro il Bento per come si presenta per tutte le caccavelle che contiene, perchè è colorato ha tanti scomparti, ma qui in Italia non li trovo mica. Bellissime e mini mini le tue preparazioni! ciao Ely

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Ely ciao *disse abbracciandola
      (caccavelle mi fa sempre sorridere)
      Ummamma ma non trovi i bento box ? *_*

  • sonia 05/05/2011

    oddio ma è favoloso!!!! io dopo di te non partecipo più 😉
    me ne mandi uno? 😉

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Sonia ma non scherzare neanche 😀
      Prima di tutto piacere io sono Giulia e grazie per essere passata da qui.
      Secondodituttotuttattaccato non dirlo neanche per scherzo ( lo vedi? sono completamente rincretinita e vecchia)
      Insomma.
      Aspetto di vedere la tua proposta. Non lasciarti abbbinnndolare da tutte le mie chiacchiere. Sarà divertentissimo prepararne uno e chiacchierarci su un po’ tutte e poi ribadisco quando c’è di mezzo Carolina vengon fuori solo esperienze belle e da ricordare.
      Un bacio !
      A presto!

  • hendrixandme 05/05/2011

    OK. Ammettiamo che io debba preparare un Bento per Hendrix per farlo competere a scuola con gli amichetti…..me lo vedo già! Hendrix giapponese che apre la sua scatola e mostra a tutti il suo fantastico bento a base di: Rotolo di galbanone con galbanone, galbanone a listelle con carote a listelle a formare una tour eiffell (ultimamente mi vessa con parigi), rispettivamente vesuvio ed etna fatti di galbanone con lava in pomodoro, due gondole veneziane fatte di zucchine che passano sotto il ponte di rialto di galbanone…insomma per dire che riso (a meno che non lo riproducessi fatto di galbanone) nemmeno l’ombra. Però…e c’è sempre un però…..l’uovo toposo si….quello ce lo metterebbe di sicuro! Ecco! Sei proprio sicura di volerlo Sindaco di Kodomoland? Nel senso che sotto ogni ricetta scriverebbe “il tutto condito con abbondante galbanone come se non ci fosse un domani”!!?!?!
    E vinci sicuro!

    • Wish aka Max 05/05/2011

      a noi il liso non piase né ola né mai!

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Ahem dovevo giusto dargli un cognome al sindaco.
      Hendrix Galbanone (smetterò di ridere domani)

      (solo che sembra un mafioso catanese che viva a nuova york santo cielo)
      (tipo il boss delle torte di real time. santapizzetta MI PIACEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE)

      (peccchefaiquellafacciamoremio?)

      • hendrixandme 06/05/2011

        Hendrix Galbanone! No! Non posso farcela!!!!

      • Wish aka Max 07/05/2011

        Ma scusate… Galbanone forse non si può sentire, ma che ne dite di
        Hendrix G. Albanon, sindaco di Kodomoland?

  • PieceOfStar24 05/05/2011

    Non sono mai stata al Giapponese,perchè andarci con chi dice che fa figo mi nausea. Quando andavo al cinese da piccola cercavo di usare le bacchette e mi soffermavo sui dipinti dei piatti, sulle lampade di carta. Perchè diciamocela tutta: l’Oriente affascina.
    Quando ho visto Dolls (e grazie per. Ecco. Grazie a te) mi sono fatta due incisioni nell’anima. La corda rossa, la panchina e il bento.
    Quel meraviglioso lento straziante aspettare senza essere infelici, ma solo gonfi di speranza. Dovremmo avere tutti una scatola bento sulle gambe. Dovremmo tutti crederci senza soffrire.

    I tuoi bento è come se fossero un po’ anche per ikoqualsiasi. Non importa il nome, se ne ricordi il sorriso.

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      tu ed io andremo al giapponese insieme.
      punto.
      e basta.
      e ti voglio bene stellina.
      e basta.
      e insomma.
      e basta.
      e ?
      cosa?
      basta?
      😀

  • giulia 05/05/2011

    lo sai si che ne voglio uno uguale quando finalmente riesco a venire giu???????

    ma proprio identico

    sei super
    G

  • Kitty's Kitchen 05/05/2011

    Profonda stima per chi ha visto Dolls è vero… Io lo adoro ma è per pochi.
    Dopo di ciò bè, il tuo bento è a dir poco da lasciare senza parole, grazie per aver partecipato una proposta unica, come te insomma, stile inconfondibile. Buona serata

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Kitty grazie a te e Carolina per l’idea originale e sorprendente davvero e grazie immensamente per essere passata di qui. E’ davvero un onore per me.
      Adoro il tuo spazio (non si direbbe ma fondamentalmente sono timidissima e faccio fatica a commentare, ecco. Se non ho molta confidenza. Ahem.)
      Un bacio.

  • Giovanna 06/05/2011

    complimenti per il bento, ti ringrazio per avermi fatto ricordare della mia amichetta giapponese (senza più volto figuriamoci un nome!) di un’estate lontanissima, invidio il tuo fidanzato nippotorinese che ti ha fatto da pony express, plaudo alla tua intolleranza e Dolls è stato un film pretenzioso e bruttarello.
    Davvero un bento insuperabile!

    • maghettastreghetta 06/05/2011

      Vuoi vedere che è la stessa *_* ?!?!
      ahem ok la smetto.
      Ciao Giovanna! Piacere io sono Giulia (se ci siamo presentate in passato ti prego perdonami ma sono davvero rincretinita. E di brutto pure)
      Ti dirò.
      Kitano a me faceva una discreta antipatia. L’ho visto sempre con una punta di fastidio inspiegabile. Al contrario di Kim Ki Duk e Park Chan Wook che mi hanno conquistata diciamo immediatamente. Vuoi più per la fotografia.
      Con il tempo mi ha conquistato. Saranno stati i tempi che sono coincisi con un momento mio particolare ma se Dolls la prima volta mi aveva dato la tua stessa impressione alla terza mi ha convinto fortemente.
      Inutile ribadire che sia soggettivo ma Kitano a prescindere da tutto è difficile.
      Difficile e magico. Ci si sta un po’ ad innamorarsene ma poi accade. Almeno tra le mie (poche)conoscenze è andata così.

      Grazie per essere passata di qui. Un bacione.
      Spero a presto.

  • Dada 06/05/2011

    le tue foto sono così incantevoli che quando le guardo non posso fare a meno di rosicare!!! ricordatelo!!!

  • Marzia 20/05/2011

    e vabbeh maghetta pero cosi non si fa ehhhhhh!! come faccio a fare un bento che sia all’altezza di questo??? :)) bellissimo, adoro l’ovetto coi baffetti, il granchietto porta sandwich e tutto il kawaii del tuo bento 🙂

  • Sere 22/05/2011

    no vabbè..ciao! Volevo partecipare anche io..
    ma la devo smettere di andare a sbirciare le ricette degli altri partecipanti..
    significa che come sempre adotterò la classica filosofia da sfigatelli “L’importante è partecipare” ahhahahaha 😀
    complimentissimi 😉
    Per la cronaca io ho una sorella nipposalernitana 😀 ma che da un pò ha abbandonato la lingua japanese, però sono piena di fumetti,cartoni,giornali,porta-bento e altre cazzatine varie (anche un paio di ciabatte di halle kitty per la cronaca.. -.-“)made in japane
    ciao e complimenti ancora 😉
    Sere

  • Sere 22/05/2011

    aaaah aggiungo un particolare, mia sorella aveva un’amica giapponese per mesi e messi l’ho chiamata Gucci/Pucci..per poi scoprire,quasi prima della sua partenza che si chiamava semplicemente MIO ahahahhahaha
    ..ma poteva benissimo chiamarsi yukiko eh! :°D

  • Gaia 24/05/2011

    mah.. anche secondo me uno dei due bento-set è già tuo…. andrà a far compagnia agli altri…

    Toppo bello tutto.
    Mi vergogno quasi a partecipare.. ma lo farò lo stesso, tirando fuori la faccia tosta che non ho…
    😉
    Bravissima!

    • maghettastreghetta 11/06/2011

      Gaia ti prego non dirlo neanche per scherzo. Ma quale vergogna? figurati.
      Piuttosto sono come sempre in vergognoso ritardo ma mi catapulto sul tuo spazio per vedere.
      Grazie. Grazie per essere passata di qui e per la compagnia.
      Un bacione e spero a presto

  • CasaBento 24/05/2011

    It is a good a work!!! Well done 😉

  • Rossella 31/05/2011

    Con foto e bento del genere è veramente difficile concentrarsi sul testo. Una creatività senza confini la tua!

    • maghettastreghetta 11/06/2011

      Rossella ciao! Piacere io sono Giulia.
      Grazie prima di tutto per essere passata di qui.
      Concentrarsi sul testo risulta difficile per la sintassi fantasiosa e la grammatica improvvisata 😀
      Confesso di non rileggermi e quando lof accio mi scoppia un terribile mal di testa.
      Un bacio.
      E grazie.
      Grazie infinite per la visita.
      Un bacione

  • Alessandra 03/06/2011

    L’ovetto coniglietto e’ troppo carino 🙂

    • maghettastreghetta 11/06/2011

      Ciao Alessandra!
      La cosa straordinaria di questo ovetto è che si prepara in pochissimi minuti ( e somiglia soprendentemente a Hello Kitty in tre semplicissime mosse. Tipo girandolo al contrario) .
      Grazie per essere passata di qui.
      Un bacione.

  • Sayuri 24/08/2011

    ciao! complimenti per questo bento… il Totoro pancake è qualcosa di sublime 🙂
    ti capisco quando parli di queste tematiche… giappominchia, gran brutta razza! xD
    un saluto!

  • elisa 20/12/2011

    Avendo iniziato da poco a seguirti, ci metterò una vita a leggere tutto…solo oggi ho letto questo articolo, che mi ha ,a dir poco, incantata… oltre al fatto che anche io amo la cucina giapponese, anche se ancora la sto scoprendo piano piano…, orami da tanti anni sto con un ragazzo che usa le hashi da quando aveva ,su per giù, 8 anni,e ad oggi sono convinta che sia una malattia altamente trasmissibile, dato che anche io ormai sono sei anni che quando siamo a casa mangio solo con le hashi, e stiamo trasmettendo tale malattia anche a i nostri ospiti, difatti la tavola è sempre apparecchiata con entrambe le opzioni…. 🙂 un bacione Iaia

Rispondi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi