E poi mi sono decisa ad appendere i miei quadri

Must Try

La mia vita in formato polaroid e il giorno del mio Compleanno

Ti offro una fetta di Torta? La torta del 12-12 alle 12

I Funghi, le case degli Gnomi, i vermi e la Cicala

Salvo, da papà-me-tutti chiamato Cicala (e il perché è una storia bellissima), ha preso il patentino. Lavora nell'azienda di papà -adesso del suo ricordo...
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Mi sembrava troppo autoreferenziale avere una casa con su appesi alle pareti solo quadri realizzati da me. Poi mi sono detta “Ehi ma tu sei autoreferenziale, cretina” e ho cominciato senza pensarci troppo. Non che avessi tempo di disegnare quadri, francamente. Ma una valvola di sfogo dovevo pur trovarla e quindi nei ritagli di tempo senza pormi troppi obiettivi ho cominciato. Nel giro di pochissime settimane -diciamo due- ho fatto il piano superiore solo con le Donne di Picasso e ho cominciato con quello di mezzo facendo solo ed esclusivamente film e personaggi dedicati prettamente alle mie passioni, ovvero giallo e horror. In salotto infatti c’è Myrtle Snow, la Famiglia Addams, Hitchcock e le gemelline di Shining e pure Agatha Christie che beve un tè dove dal fumo vien fuori il volto di Poirot. Solo che oggi ti porto al piano superiore e ti faccio girare un po’ questi di muri, magari offrendoti una buonissima cioccolata calda. Se non ti volessi in casa ti proporrei il caffè, come ben sai non sono brava a prepararlo, ma. Ma con la cioccolata calda, confesso, me la cavicchio.

"/

Ho disegnato The Dream per primo e poi da lì pian piano mi sono resa conto che di Picasso ho sempre amato il periodo blu e cubista, nulla togliendo al resto, ma in particolare il suo modo di vedere le donne con cui si era relazionato. Quelle che aveva amato. Desiderato e con cui aveva trascorso gran parte del suo tempo. Da lì la decisione letteralmente inconscia di dedicargli tutta la zona giorno. Solo le Donne di Picasso e una parte di Guernica con il dolore più straziante della donna. C’è il sogno e le mani che si intrecciano. Era particolarmente attento alle unghie lunghe e rosse laccate. Come le labbra carnose e gli occhi grandi. La sedia dove tutte stanno sedute in una immobilità quasi maschilista e l’esasperante bellezza. Disegnati di getto e senza attenzione. Non mi sono mai fermata perché volevo che avessero una valenza temporale di velocità. Di non cura ma voglia. Volevo che mi ricordassero che riesco a fare velocemente anche se non perfettamente. E che niente è perso, davvero. Meno bello e perfetto ma mai perso.

"/
"/
"/

"/
"/
"/
"/

Contando che su per le scale ci saranno, come dicevo, solo film e personaggi di genere giallo-horror e nella zona notte solo fiabe e nuvole, beh. Non so proprio cosa c’entri Klimt,  ma l’ho fatto diverse volte in vita mia. E in ogni periodo della mia esistenza è sempre stato diverso. L’ho regalato. Ce l’ha mamma in salotto in due versioni. L’ho buttato. L’ho tenuto. Di questo non so che farne ma so che il passato non va mai via.

Ma che inconsciamente torna.
"/

Forse potrebbe interessarti leggere...

8 COMMENTS

  1. il primissimo ricordo che ho di casa tua è un quadro.
    Stile Klimt, appeso nella camera tutta rosa.
    C’era una persona nuda che si copriva la faccia. Un contrasto incredibile di allegria nei colori accesissimi dello sfondo e di disperazione in quelle mani sulla faccia.
    C’erano sogni e incubi in quel quadro, come in ogni tuo disegno, storia, parola.
    In ogni sguardo.
    In ogni movimento tu riesci a raccontare. Bello o brutto non esiste. Esiste l’unico.

    Quel quadro con le mani sulla faccia lo vorrei dentro casa perché sarebbe il più bello, come tu sei il bello dentro il cuore.

    Non scrivo più perché sono sempre di corsa, ma.

    Tu sai.
    Sempre.

    <3

  2. Mi ripeterei volentieri, dicendo: “Sei sempre più brava”, ma le immagini del tuo post dicono che sei sempre stata molto brava 🙂 o forse è il coraggio di appendere i tuoi lavori ed espandere te stessa sulle pareti della tua casa a renderti “sempre più brava” 🙂 In ogni caso, sempre più brava, Iaia

  3. Ho sempre avuto grande passione e referenza per Picasso e trovo bellissime queste tue riproduzioni. Soprattutto il particolare di Guernica, una delle sue opere che amo di più. E quel Klimt… <3

  4. Sono davvero bellissimi, anche a me piace molto il particolare di Guernica ma penso sia bellissimo anche quello della donna con il cuore che sanguina
    Ti invidio un po’. io sono assolutamente incapace a disegnare

    P.S se col Klimt non sai che fare lo prendo io!

  5. sono perfetti così. e non è una banale ripetizione. il fatto di averli fatti di getto li rende istintivi e potenti. un pugno improvviso nello stomaco. meraviglioso e indelebile. ti fa sentire dolore e gioia, vita attraverso le emozioni. a volte se non le vedo in immagini non le riconosco e mi sembra di non saperle più provare. invece esistono e i tuoi disegni me le riportano ogni volta. sono un’ancora di salvezza. ognuno con il suo colore (pure e forse soprattutto se sono in bianco e nero). l’idea di essere in una stanza dove loro ricambiano il mio sguardo, ognuno col suo frammento unico di sogno incubo storia o ricordo mi fa semtire molto in pace. perché sono parti di te che mi guardano. e mi sentirei al sicuro.

  6. Sono di una incredibile bellezza. Li avevo già addocchiati in un tuo video. Complimenti Iaia!! <3 <3

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Gelato al burro d’arachidi salato

Il gelato viene sempre prima di tutto. È la cosa che mi piace di più in assoluto. Sempre e per sempre. Questo al burro d'arachidi non credevo potesse essere così buono.

Colazione dolce o salata?

Colazione dolce o salata? Un po' come essere o non essere? Che sia dolce o salata la colazione è necessaria per la tua salute.

Il terzo numero di Mag-azine

Il terzo numero di Mag-azine è dedicato ai profumi di Sicilia. Un'isola incredibile che non smette mai di farti sognare.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

10 Primi piatti siciliani che non puoi perderti

La pasta alla norma e quella col macco. Il riso con l'ennese che profuma di zafferano e l'immancabile pasta al pistacchio senza dimenticare "a muddica". Scopri i dieci primi piatti irrinunciabili che non puoi perderti se sei in Sicilia.

More recipes like this