Il cappuccino in casa

Farlo non è mai stato così facile. Se non hai il frustino elettrico e il cappuccinatore puoi farlo ugualmente proprio come al bar

Must Try

Dorayaki

Quando sento dorayaki penso sempre e solo alla Signora Toku (e mi commuovo, è inutile sottolinearlo). Le ricette della Signora Toku, tratto dal romanzo di...

Chelsea Bun alla ciliegia

Ma cosa sono? Creati nel diciottesimo secolo al Bun House di Chelsea, vengono arrotolati come i Cinnamon Roll ma a differenza di questi hanno un involucro non troppo zuccherato perché l’interno e la glassatura adempiono perfettamente a questo compito. Sono assolutamente perfetti per una colazione ricca e di festa ma anche un tè. Meglio se organizzato per bene con tovaglioli ricamati e teiere con tazze scompaiate subliminalmente. Ce lo meritiamo un tè elegante fatto di merletti e tazze. Ce lo meritiamo eccome questo momento. 

Rainbow Waffle. Ricominciare da un arcobaleno morbido

Si è capito che con i waffle ho un problema. Quella che segue non è una vera e propria nuova ricetta perché ho usato...

Ti sei dimenticato della colazione a letto?

Domenica scorsa ci siamo lasciati con il mito della colazione a letto, ricordi? Non sono riuscita, mea culpa, ancora a bere neanche un caffè....
Iaia
Grazia Giulia Guardo, ma iaia è più semplice, è nata il 12 12 alle 12. Il suo nome e cognome è formato da 12 lettere ed è la dodicesima nipote. Per quanto incredibile possa sembrare è proprio così. Sicula -di Catania- vive guardando l’Etna fumante e le onde del mare. Per passione disegna, scrive, fotografa, cucina e crea mondi sorseggiando il tè. Per lavoro invece fa l’imprenditrice. Digitale? No. Vende luce, costruisce e distrugge. Ha scritto un libro per Mondadori, articoli per riviste e testate e delira pure su Runlovers, la comunità di Running più famosa d’Italia; perché quando riesce nel tempo libero ama fare pure 12 chilometri. Ha una sua rivista di Cucina, Mag-azine, che è diventato un free press online. È mamma di Koi e Kiki, un labrador color sole e uno color buio, mangia veg da vent’anni, appassionata di cinema orientale e horror trascorre la sua giornata rincorrendo il tempo e moltiplicandolo.

Sicuramente durante il lockdown una delle cose che è mancata di più, insieme al pane e il cornetto al bar, è stata: il cappuccino. Seppur in molti siano attrezzati per fare un buon cappuccino -ho notato sulle storie di instagram- molti non sanno che prepararlo in casa non è poi così difficile e che non sempre occorrono le fruste elettriche, elettrodomestici specifici e aggeggi vari. Inoltre, puoi pure concederti il piccolo, ma sacrosanto, lusso di disegnarci sopra; senza i particolari cerchi di plastica con le diverse forme che vendono ovunque e online.

 

La tecnica del barattolo

Prendi un barattolo con coperchio ben lavato e pulito. Metti dentro il latte -sia freddo che caldo (intendo tiepido)- e chiudi. Agitalo per almeno 30 secondi con molta forza e poi versa in una tazza. Aggiungi il caffè. E se vuoi una spolverata di cacao amaro in polvere o cannella. Sostanzialmente agitando il latte si ottiene  la consistenza schiumosa; puoi provare anche con una semplice bottiglia.

Con il frullatore a immersione

Un altro modo efficace per creare la schiuma è quello di usare il frullatore a immersione. In assenza anche con il classico frullatore a lame potenti. Basta montare solo un terzo per ottenere un ottimo cappuccino.

Il frustino da cappuccino

L’aggeggino economico che si trova ovunque -su amazon e ikea i modelli più usati- crea una schiuma deliziosa; anche con le bevande vegetali che generalmente montano meno (soia, avena e mandorla montano di più). Nel caso delle bevande vegetali è meglio montare solo un terzo. Versare e riscaldare quindi i due terzi e poi aggiungere la parte schiumosa.

Il Cappuccinatore elettrico e manuale

Confesso di averlo comprato ormai anni fa e non me ne sono mai pentita. Ce ne sono diversi online a prezzi abbordabilissimi. Creano una schiuma oggettivamente imparagonabile a quella del barattolo o del frustino classico. Si possono scegliere diverse temperature e “schiumature” e onestamente tra tutti è il metodo che preferisco.

C’è poi il classico cappuccinatore manuale che funziona una meraviglia e che, diciamolo, da decenni in silenzio e tanto clamore fa il suo lavoro in modo ineccepibile.

E per i disegni?

Facilissimo! Come ho fatto il coniglio? In pochissimi secondi ho ritagliato la forma di un coniglio su un pezzetto di carta da forno (potresti farlo pure su un tovagliolo di carta) e poi con il cacao amaro -messo nello spargizucchero/setacciatore- ho riempito. Con il colino viene male. Sempre meglio lo spargizucchero.

Forse potrebbe interessarti leggere...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le mie Storie in Cucina

Articoli recenti

Le polpette di melanzane di mamma

La mamma ha sempre ragione anche quando non ce l'ha. In cucina poi non ne parliamo. Se la mamma dice "a occhio" allora tu devi fare "a occhio", fine del discorso.

Il Cantalupo con la feta

Un piatto facile, veloce e strepitoso. La feta con l'anguria, da anni, è una certezza ma con il cantalupo hai mai provato?

Le Ricette di Mamma – Siciliane a base di pesce

Ti racconto alcune delle ricette siciliane che mia mamma prepara da sempre. Delle preparazioni che non sono solo piatti ma scrigni di ricordi, giorni e vita. Un tour tra cuore e tavola.

Le melanzane più buone! Come le fa mamma

Una delle ricette che amo di più e che mangio sin da piccola. Che sa di tradizione, amore e casa.

Crema salata agli arachidi

Una crema strepitosamente buona che ti lascerà senza parole a base di burro d'arachidi e salsa di soia. Perfetta per condire insalate, involtini primavera e vietnamiti con le cialde di riso.

More recipes like this